Skip to main content

Intel investe miliardi in Italia e in Europa

Intel
(Image credit: Intel)

Intel ha annunciato i suoi piani di investimento per dieci miliardi di dollari in progetti per la produzione di semiconduttori in Europa.

Durante un webcast che abbiamo seguito anche noi di TechRadar Pro, il CEO Pat Gelsinger ha svelato il progetto di investimento pari a 80 miliardi di euro nei prossimi dieci anni in Europa, con l'obiettivo di dar vita a un "ecosistema di chip di nuova generazione".

Sebbene Intel lavorerà su una pletora di progetti in diversi Paesi, l'impegno economico più significativo riguarda l'investimento di 17 miliardi in un nuovo "mega-sito" di produzione in Germania.

Intel nel continente

Soprannominata Silicon Junction, la struttura ospiterà due fabbriche in grado di produrre chip di fascia alta sia per Intel che per i clienti di Intel Foundry Services (IFS). Gelsinger si augura di posare la prima pietra all'inizio del 2023 e dare via all'operazione entro il 2027.

Attualmente, l'area geografica più importante per la produzione di semiconduttori è l'APAC, con aziende come TSMC e Samsung.

Alla luce dell'attuale carenza di chip e dell'aumento delle tensioni con la Cina, gli Stati Uniti stanno investendo in modo significativo allo scopo di aumentare la capacità di produzione, con un supporto importante da parte di Intel.

All'inizio dell'anno, ad esempio, Intel ha annunciato un investimento di 20 miliardi di dollari per una nuova fabbrica all'avanguardia in Oregon, USA. Il sito di circa 4 km quadrati ospiterà otto fabbriche separate.

Ma con questa nuova serie di investimenti, Intel vuole trasformare l'Europa in un attore principale, a sostegno delle ambizioni della Commissione europea, che aspira a internalizzare il 20% della supply chain di semiconduttori entro il 2030, così come definito nello European Chips Act.

Intel in Italia

In Italia, Intel prevede di investire 4,5 miliardi di euro, allo scopo di creare il primo impianto di back-end (confezionamento) in Europa nell'ambito della produzione dei chip. 

Ciò dovrebbe determinare l'assunzione di 1.500 dipendenti Intel, con una previsione di altri 3.500 posti di lavoro creato nell'indotto

Marco Doria
Marco Doria

Senior Editor and Professional Translator. Boardgaming enthusiast, Tech-lover.