Skip to main content

Intel: i continui ritardi sui chip a 7nm causano cambiamenti ai vertici

(Image credit: Future)

Intel ha annunciato un'importante ristrutturazione della sua divisione hardware poiché nel recente passato ha dovuto fare i conti con numerosi ritardi e diversi problemi.

La società ha annunciato che il direttore tecnico Dr. Venkata (Murthy) Renduchintala lascerà l'azienda il 3 agosto a causa del desiderio dell’azienda di apportare un cambiamento significativo nella propria attività nella produzione di chip.

Intel ha recentemente dichiarato che il tanto atteso processo produttivo a 7 nm sarà ritardato fino al 2022, mettendo l'azienda di Santa Clara in netto svantaggio nei confronti di AMD, che riuscirà probabilmente a lanciare sul mercato le CPU Zen4 a 5 nm molto prima.

Il ritardo di Intel sul processo a 7nm

"Voglio ... ringraziare Murthy per il suo impegno nell'aver contribuito a migliorare la piattaforma tecnologica della nostra azienda", ha dichiarato il CEO di Intel Bob Swan in una nota. "Abbiamo il portafoglio più diversificato di prodotti di punta della nostra storia e, grazie ai nostri sei pilastri della strategia di innovazione e disaggregazione, molta più flessibilità nel modo in cui progettiamo, realizziamo e forniamo tali prodotti ai nostri clienti."

Come parte del rimpasto, Intel suddividerà il reparto tecnologia, quello di architettura dei sistemi e il gruppo client, precedentemente supervisionati da Renduchintala, in cinque team separati tra loro.

Fin da subito, le nuove divisioni si prenderanno la responsabilità individuale di concentrarsi sullo sviluppo tecnologico, la produzione, l'ingegneria di progettazione, l'architettura e la gestione della catena di approvvigionamento. Dato che i responsabili delle divisioni riferiranno direttamente a Swan, possiamo intuire che il CEO desideri detenere un maggiore e più fine controllo di quello che succede nei vari reparti, probabilmente per evitare ulteriori ritardi che rischierebbero di essere fatali per il business dell’azienda. 

Intel aveva precedentemente affermato che il suo nodo a 7 nm sarebbe stato pronto a partire dalla fine del 2021, ma a questa tempistica si va ad aggiungere un ritardo di un anno rispetto alle previsioni iniziali, sebbene ci sia stato un posticipo di soli sei mesi per la distribuzione sul mercato dei prodotti a 7 nm.

Intel prevede di lanciare le proprie CPU a 10nm Tiger Lake mobile entro la fine di questo trimestre, ma il precedente e significativo ritardo che ha causato abbastanza preoccupazioni nel settore è stato causa di un importante svendita da parte degli azionisti, con il crollo del prezzo delle azioni e della capitalizzazione di mercato di Intel. 

Tale ritardo è stato causato da difetti riscontrati nel processo di produzione a 7 nm dell’azienda, che non ha permesso di ottenere il rendimento sperato. Il più grande produttore di chip mondiale ha dichiarato di aver trovato la causa principale di tale problema, ma non l'ha specificato nel dialogo con analisti ed investitori. Adesso Intel impiegherà del tempo per correggere i difetti produttivi e riqualificare la propria tecnologia di processo.