Skip to main content

Abbiamo testato il sistema Wi-Fi mesh più economico che ci sia, compatibile anche con Alexa

(Image credit: Tenda)

I sistemi Wi-Fi mesh sono diventati un punto fermo in tutte le case e anche le piccole aziende li hanno adottati con entusiasmo. Questo perché forniscono una soluzione eccellente a un problema reale: la scarsa copertura Wi-Fi. 

Il sistema Wi-Fi Mesh Tenda Nova MW3  non è adatto a tutti; ci sono solo due satelliti anziché tre e utilizza il protocollo wireless AC1200 più lento. Tuttavia, per soli € 69,99, questo è il sistema Wi-Fi mesh più conveniente sul mercato, e in più la spedizione è gratuita.

Tenda afferma che il suo sistema consente di creare una rete Wi-Fi che copre fino a 200 metri quadrati, eliminando eventuali zone morte in casa o in ufficio. C'è solo un SSID e una password da ricordare, il che significa che passare da una zona all'altra sarà davvero semplice.

Sistema Wi-Fi mesh Tenda Nova MW3 - € 69,99 su Amazon

Sistema Wi-Fi mesh Tenda Nova MW3 - € 69,99 su Amazon

Questo sistema Wi-Fi mesh di Tenda è un'offerta allettante per qualsiasi famiglia o una piccola impresa in cerca di integrare la copertura Wi-Fi fornita da un singolo router.

Le unità sono piccoli cubi con lati di 90 mm e ognuno offre due connettori Ethernet con una velocità massima di 100 Mbps, il che potrebbe limitare in caso di velocità di banda larga superiore.

Un altro aspetto negativo riguarda l'esistenza di un solo sottosistema radio per unità, quindi la larghezza di banda effettiva disponibile risulta una frazione della velocità dati teorica massima di 867 Mb / sec.

Per una migliore copertura, consigliamo di optare per la soluzione a 3 o 4 unità, che può aumentare la copertura della superficie fino al 100%.

Managing Editor, TechRadar Pro

Désiré has been musing and writing about technology during a career spanning four decades. He dabbled in website building and web hosting when DHTML and frames were en vogue and started writing about the impact of technology on society just before the start of the Y2K hysteria at the turn of the last millennium. Then followed a weekly tech column in a local business magazine in Mauritius, a late night tech radio programme called Clicplus and a freelancing gig at the now-defunct, Theinquirer, with the legendary Mike Magee as mentor. Following an eight-year stint at ITProPortal.com where he discovered the joys of global techfests, Désiré now heads up TechRadar Pro. He has an affinity for anything hardware and staunchly refuses to stop writing reviews of obscure products or cover niche B2B software-as-a-service providers.