Skip to main content

Recensione iPad mini (2019)

Un piccolo tablet con tanto valore dentro

iPad Mini 2019
Photo credit: TechRadar

Verdetto finale

iPad mini (2019) è senza dubbio il miglior tablet da portare in giro, anche se le differenze estetiche rispetto all'iPad mini 4 di 3 anni e mezzo fa sono minime. Il suo schermo da 7.9 pollici è perfetto per leggere e guardare video in movimento e si combina perfettamente con i nuovo servizi di Apple News Plus e TV Plus.

iPad Mini 2019

Il suo aspetto un po' datato contrasta con le componenti interne: il potente chipset A12 Bionic non ha rivali e c'è anche la compatibilità con Apple Pencil. Abbiamo usato più di quanto pensassimo la Pencil di prima generazione, anche se avremmo preferito usare quella magnetica di seconda generazione.

iPad mini è l'iPad più piacevole da usare grazie alle sue dimensioni, anche se poi per la produttività iPad 12.9 rimane il migliore mentre come prezzo iPad 9.7 non ha rivali.

Gli avversari

iPad Mini 4

iPad mini 4

Presentato ormai 4 anni fa, iPad mini 4 può ancora essere acquistato da alcuni rivenditori. Dimensioni e schermo sono identiche a quelle di iPad mini 2019. Non avremo il processore veloce, la tecnologia True Tone, la ricarica veloce e la compatibilità con Apple Pencil. Ma per alcuni si tratta di un compromesso accettabile.

La nostra recensione completa: iPad mini 4

iPad 9.7 (2018)

iPad 9.7 pur essendo più grande costa meno di  iPad mini (2019), il che probabilmente sorprenderà chi li vede affiancati nei negozi. In realtà le differenze giustificano i prezzi. Il mini ha lo schermo laminato mentre la versione da 9.7 pollici ha uno spessore decisamente maggiore. Anche il chipset del 9.7 è meno recente e la memoria base è da 32GB con l'alternativa dei 128GB. Si tratta però di un ottimo acquisto per chi vuole un iPad senza troppe pretese.

La nostra recensione completa: iPad 9.7

Matt Swider

US Editor-in-Chief

Matt Swider is TechRadar's gadget-savvy, globe-trotting US Editor-in-Chief who leads the US team in New York City. He began his tech journalism career all the way back in 1999 at the age of 14, and first started writing for TechRadar in 2012. He's tested over 1,000 phones, tablets and wearables and commands a Twitter account of 777,000+ followers. Matt received his journalism degree from Penn State University and is never seen without his TechRadar headphones.