Skip to main content

Nvidia sceglie i processori AMD, Intel può solo restare a guardare

Nvidia DGX A100
(Image credit: Nvidia)

Qualche giorno fa Nvidia ha fatto un annuncio scocciante, quando ha rivelato di voler interrompere una collaborazione decennale con Intel. Nel prossimo futuro, Nvidia infatti usare i processori AMD EPYC nei suoi sistemi DGC A100 dedicati al deep learning. Escono di scena, dunque, i processori Intel Xeon. 

Charlie Boyle, Vice Presidente e General Manager DGX Systemas presso Nvidia, ha spiegato le ragioni di tale scelta:

"Affinché la GPU abbia sempre dati da elaborare, ci serve una CPU veloce con quanti più core e linee PCI possibile. I processori AMD che abbiamo scelto hanno 64 core ciascuno, molte linee PCI e supporto per il protocollo PCIe Gen4".

Intel dovrebbe aggiungere il PCIe 4.0 in futuro, insieme ai processori per server Ice Lake, prodotti a 10 nanometri. Per il momento, tuttavia, l'azienda di Santa Clara può solo guardare mentre AMD le sfila di mano il mercato. I processori EPYC offrono anche supporto per memoria eight-channel, cioè due canali in più rispetto a ciò che si trova sugli Xeon di Intel. 

L'AMD EPYC 7742 ha più core (64 contro i 56 dell'Intel Xeon Platinum 9282), molta più cache (256MB Vs 77MB), un TDP più basso (225W Vs 400W) e un costo decisamente più ridotto ($6,950 vs circa $25,000).

Tutti vantaggi dovuti al processo produttivo a 7 nm, grazie a cui AMD può inserire più transistori in un die dalle stesse dimensioni, e ottimizzare di conseguenza il consumo energetico e le frequenze. 

Con il tempo, scopriremo se questa scelta cambierà le relazioni tra Nvidia e AMD a lungo termine, oppure se si tratta solo di una tregua effimera.