Skip to main content

Halo Infinite: data di uscita, novità e trailer

Halo Infinite
(Image credit: Xbox)

Poche saghe videoludiche possono dire di aver contribuito all’identità di Xbox come Halo, e Microsoft lo sa molto bene. Quando si pensa a Xbox è difficile non immaginarsi dentro la corazza verde di Master Chief mentre combatte alieni di varie dimensioni (i Flood) su pianeti, astronavi e anelli fluttuanti nello spazio.

Non è quindi una sorpresa l’arrivo di un nuovo spettacolare capitolo: Halo Infinite. Non solo per la notizia in sé, ma perché questo titolo della saga di master Chief è previsto per la fine del 2020 come titolo di lancio di Xbox Serie X.

La serie di giochi di Halo ha avuto alti e bassi durante gli anni e l’ultimo, Halo 5, non è stato apprezzato da tutti i fan delle campagne in single player con protagonista Master Chief. Ma Halo Infinite dovrebbe riportare tutto alla normalità, facendo ricordare ai giocatori il motivo per cui questo gioco veniva quasi “venerato” in passato.

Al momento in cui stiamo scrivendo abbiamo davvero poco di cui parlare: un paio di brevi trailer e niente di affidabile riguardante il gameplay, nonostante le notizie relative al multiplayer in split-screen che faranno felici i fan di lungo corso (piccolo spoiler: Halo Infinite avrà questa modalità!). Sappiamo inoltre che Master Chief si troverà al centro dell’azione, esattamente dove merita di essere.

Dopo la conferma di Microsoft relativa alla sua partecipazione all’E3 2020, ci aspettiamo una presentazione del prossimo Halo all’altezza della situazione durante l’evento o, per lo meno, nei prossimi mesi.

Siete pronti a farvi assalire dall’hype per Halo? Ecco quello che sappiamo finora di Halo Infinite.

Dritto al punto

  • Cos’è? Il sesto gioco della serie Halo
  • Quando uscirà? “Feste 2020” (tra ottobre e dicembre 2020) 
  • Dove posso giocarci? Xbox One, PC e Xbox Series X 
  • Sarà possibile giocare a Halo Infinite con Xbox Game Pass? Si, dal day one 
  • Sarà presente la modalità split screen? Si 

Halo infinite: data di uscita

Halo Infinite

(Image credit: 343 Industries)

Sappiamo che Halo Infinite arriverà verso la fine del 2020 in concomitanza con il lancio di Xbox Serie X (nonostante sia un titolo multipiattaforma). Microsoft ha fornito una finestra d’uscita indicata come “Holiday 2020”, il che ci fa pensare a una data compresa tra ottobre e dicembre 2020, esattamente nel periodo in cui la nuova console dell’azienda di Redmond sarà disponibile sul mercato.

Visti i precedenti, Microsoft ha lanciato le sue console sempre nello stesso periodo dell’anno, quindi ritentiamo novembre il mese più probabile.

Abbiamo dovuto attendere più del previsto, visto che l’ultimo titolo della saga di Halo (Halo 5: Guardians) risale ormai al 2015, ma non ce la sentiamo di incolpare Microsoft per aver atteso fino al lancio della nuova console. Come disse poi Lessing (frase ripresa in un celebre spot) L’attesa del piacere è essa stessa piacere, quindi prepariamoci a un’invasione di notizie e indiscrezioni nel periodo tra l’E3 2020 e la fine dell’anno. 

Halo Infinite: due trailer per Master Chief

Microsoft non ha saputo astenersi dal far nascere la voglia di Halo nei giocatori e, durante la sua conferenza allo scorso E3 2019,ha presentato un trailer che ha generato moltissime domande fornendo pochissime risposte. Sì, Master Chief tornerà...ma “scarico” e solo.

Durante la conferenza è stato annunciato che Halo Infinite farà parte dei titoli di lancio di Xbox Serie X, previsto per la fine del 2020.

Il trailer di Halo Infinite visto durante l’E3 2019 ci è sembrato molto interessante, riportandoci indietro nel tempo all’originale Halo: Combat Evolved con i suoi momenti unici, i suoi panorami e quei suoni ricchi di suspance. Con questo ci auguriamo che il prossimo capitolo rappresenti anche una svolta nella serie.

Se non l’avete ancora visto, ecco il trailer:

Halo Infinite è stato annunciato ufficialmente durante la conferenza Microsoft all’E3 2018

Potete riguardare il trailer di annuncio qui sotto, ma vi darà solo un’idea di quello che potrebbe essere, più che dirvi come sarà. Date un’occhiata e giudicate.

Dal video di presentazione non si possono scoprire più cose di quanto non si sia già detto: i luoghi, le situazioni e un piccolo breve scorcio del casco di Master Chief. Vista la presenza di animali simil-preistorici non ci stupiremmo se questo gioco fosse ambientato in un qualche momento del passato.

Di sicuro troveremo anche l’amatissimo Warthog (uno tra i veicoli più iconici nel mondo dei videogames) e vedremo Master Chief inserire uno strano chip all’interno del suo casco. Di cosa si tratta? Beh, cos’altro potrebbe essere se non la versione aggiornata dell’intelligenza artificiale Cortana (si, proprio lei, la vostra assistente virtuale in Windows). 

  •  Xbox Series X: tutti i giochi confermati e attesi sulla nuova Xbox 

Halo Infinite: novità e caratteristiche

Aggiornamento Covid-19 

Lo sviluppatore di Halo Infinte, 343 Industries, sta lavorando in smart working per rispettare i tempi di consegna previsti per fine 2020.

343 industries ha rivelato in un lungo post che, a causa delle preoccupazioni scaturite dalla pandemia di Covid-19, Microsoft ha chiesto ai suoi dipendenti di lavorare da casa e che il team di sviluppo è all’opera per cercare di rispettare la data di consegna.

“Stiamo cercando di superare gli ostacoli che si stanno ponendo sul nostro cammino, ma dobbiamo tenere conto delle attuali limitazioni e comprendere che la situazione potrebbe peggiorare ulteriormente prima di vedere qualche miglioramento”...”Potete stare certi che ognuno di noi sta facendo quanto in suo potere per continuare a sviluppare Halo cercando al contempo di adattarsi alla nuova modalità di lavoro”.

Xbox Game Pass

Abbiamo avuto la conferma che Halo infinite sarà presente su Xbox Game Pass dal momento del lancio della console. Questo vuol dire che il modo più conveniente per giocare nei panni di Master Chief consiste nell’acquistare il Game Pass, in particolare se volete giocare su Xbox One piuttosto che sulla nuova Xbox Series X.

Microsoft ha inoltre confermato che altri titoli prodotti dall’azienda verranno lanciati simultaneamente su Xbox Game Pass immediatamente dopo la pubblicazione.

(Image credit: Microsoft)

Novità esclusive in arrivo

Anche se non sappiamo ancora molto sul gioco in sè, un video pubblicato da 343 industries ha mostrato delle novità esclusive che saranno implementabili grazie al nuovo motore Slipspace. Alcune di esse sono cosi innovative da risultare stupefacenti persino per i progettisti.

David Berger, ingegnere a capo del progetto Halo infinite, ha dichiarato che Slipspace è stato concepito allo scopo di introdurre novità nel gameplay che risultavano impossibili nella prima fase della progettazione: “É necessario creare degli strumenti che ti permettano di introdurre novità alle quali nessuno aveva mai pensato. Bisogna lasciare ai content creator uno spazio adeguato per concepire idee al di fuori degli schemi convenzionali”.

Notizie a capodanno

343 Industries ha utilizzato il proprio blog per informare i fan di Halo sugli aggiornamenti fatti fino a capodanno, una notizia davvero apprezzata soprattutto perchè dopo l’E3 non si era più parlato del nuovo titolo. Dal post non si riescono a scovare molti dettagli, ma tra le righe si capisce che, se lo si desidera, si può chiedere di far parte del programma Halo Insider per venire aggiornati giorno per giorno sui progressi del gioco e avere un accesso anticipato (a quando non è dato sapere) a Infinite prima della sua uscita; per gli insider, infatti,  è prevista una sessione di test in un periodo ancora imprecisato del 2020. 

Oltre a questo, 343 ha confermato la presenza della modalità di gioco in split screen e che la parte relativa alla personalizzazione delle corazzature vista in Halo: Reach è stata integrata anche in infinite. Il tool di editing Forge è stato  migliorato e ora prevede, per la prima volta, le opzioni “Undo” e “Redo” (smonta e rimonta).

Per concludere, 343 ha mostrato due immagini relative al “concept art” del gioco per aiutare i fan a sopportare l’attesa durante le feste natalizie.

Immagine 1 di 2

(Image credit: 343 Industries)
Immagine 2 di 2

(Image credit: 343 Industries)

Halo Infinite sarà un titolo cross-generation

Si, avete letto bene. Nonostante il lancio di Halo Infinite coincida con quello della nuova console Xbox, Xbox Serie X, il gioco sarà giocabile con l’attuale generazione di Xbox One, Xbox One S e Xbox One X.

Halo Infinite sarà sicuramente più bello sul nuovo hardware, o almeno lo speriamo, ma se anche non fosse, noi non ci lamentiamo.

Frank O’Connor, Direttore del franchise Halo, ha però messo a tacere i timori relativi a una differenza di qualità tra le console durante l’evento Halo Outpost svoltosi a Orlando nel luglio 2019. In quell’occasione si è ribadito che “Xbox One non sarà una console di seconda classe” (via GamesRadar

E3 2019

L’occasione migliore per rendersi conto di come sarà Halo Infinite l’abbiamo avuta durante l’E3 del 2019, anche se durante l’evento non si è visto poi molto. Abbiamo però ottenuto una data di uscita (Feste 2020), visto i primi filmati di gioco e ricevuto la conferma che Halo Infinite sarà incluso nei titoli di lancio di Xbox Serie X.

Multiplayer

Halo Infinite, così come tutti i principali giochi di Halo, include la modalità multiplayer cooperativa in split-screen. La notizia è stata confermata da Bonnie Ross, a capo di 343 Industries, già nel 2017, come riportato da GamesRadar.

La decisione di eliminare questa modalità in Halo 5, in favore di una versione solo online, è stata fortemente criticata dagli appassionati perché presente e apprezzata fin dagli inizi della saga, nel 2001. Ross disse che questa scelta fu dolorosa e che “ha tradito la fiducia della comunità di giocatori. Abbiamo imparato molto da questo fatto e in qualsiasi altro FPS la modalità in split screen sarà sempre presente”

Nonostante questo, Frank O’Connor, Coordinatore del franchise, ha confermato che la produzione non abbandonerà nemmeno la modalità cooperativa introdotta la prima volta in Halo 5. In entrambi ci sarà la possibilità di entrare e uscire dal gameplay quando si vuole, si potrà giocare in team fino a quattro giocatori e si avranno equipaggiamenti specializzati per ciascuno Spartan in gioco.

Halo Infinite

(Image credit: 343 Industries)

Commentando il lancio della Master Chief Collection del 2015, Bonnie Ross ha riferito a Game Informer (via IGN) che tutti i futuri giochi di Halo avranno una fase di beta-test prima del lancio ufficiale. Questo per rassicurare i giocatori che molti dei problemi che hanno caratterizzato la modalità multiplayer della Master Chief Collection non si verificheranno più. Dopo le fasi di beta-test di Halo 5 e Halo Wars 2, non c’è motivo di pensare che la produzione cambi idea con Halo Infinite.

Rimane da capire se la fase di beta-test di Halo Infinite sarà libera o limitata solo a chi troverà il codice acquistando un altro gioco.

Gameplay

Nonostante non si conosca molto del gameplay di Halo Infinite è difficile, se non impossibile, che la formula venga in qualche modo stravolta. Le meccaniche base, come il muoversi nell’ambiente sparando a varie cose, resteranno le stesse anche se crediamo che 343i migliorerà alcuni aspetti per rendere l’esperienza di gioco più appassionante.

È poi logico sperare in svariate modalità di gioco multiplayer e in un buon numero di mappe in cui sfidarsi, oltre al validissimo editor Forge e alla modalità Firefight già vista in Halo Wars 2.

Visti i precedenti (Halo Wars 2 è in grado di girare in 4K e Halo 5 riceverà l’upgrade 4K in un prossimo futuro) ci aspettiamo che Halo Infinite sfrutti il 4K a 60 FPS su Xbox One X, anche visto il suo essere parte dei titoli di lancio.  

Halo Infinite

(Image credit: 343 Industries)

PC Gaming - confermato

Microsoft ha confermato che Halo sarà giocabile anche da PC, oltre che da console. Non è una sorpresa visto che Master Chief Collection è disponibile su PC già dall’anno scorso, ma si tratta comunque di una news davvero interessante visto che sarà la prima volta che un gioco di Halo verrà distribuito in contemporanea sia per PC sia per console. 

Storia

Alla fine di Halo 5, una rinata Cortana e i Protettori (un gruppo di intelligenze artificiali che si credono superiori alla vita organica) hanno ottenuto il controllo della galassia utilizzando i Guardiani, costrutti tecnologici dei Precursori. I Protettori sono determinati a portare l’ordine attraverso l’uso della forza (no, non quella di Luke, Yoda e Rei) e hanno i mezzi per farlo. Le ultime cose che abbiamo visto nei capitoli precedenti sono state l’equipaggio della UNSC Infinity, intento a scappare dalle forze di Cortana verso luoghi inesplorati e Master Chief che si preparava a combattere il nuovo regime con i propri alleati.

Non è chiaro in che punto della linea temporale andrà ad inserirsi Halo Infinite, anche se la timeline di Halo Wars 2 e la scena finale lo datano a circa sei mesi dagli eventi di Halo 5. Molto probabilmente, vedremo nuovamente umani ed elite combattere fianco a fianco per sconfiggere Cortana e i Protettori nel tentativo di restituire la libertà alla galassia. 

Loot box, i forzieri dei desideri

Se avete sentito delle notizie relative al fatto che Halo Infinite sarà pieno di Loot Box, non datele per certe. In questo podcast, Brad Sam (un reporter legato al mondo videoludico) riferisce di aver avuto notizie che confermano l’intenzione di Microsoft di includere le Loot Box in Halo Infinite; tuttavia, sempre stando a quanto riportato dal reporter, l’azienda avrebbe cambiato idea dopo le varie controversie che hanno riguardato Star Wars: Battlefront 2.

Lo stesso Direttore del franchise di 343 industries, Frank O’Connor, si è riferito a queste voci come spazzatura. In un’intervista al forum ResetEra, O’Connor ha riferito che 343 “non sta rivalutando niente (di così significativo)” prima di aggiungere che “Microsoft non sta sviluppando nulla per il nuovo gioco, mentre 343 sì”. O’Connor ha poi continuato dicendo che il team ha seguito la vicenda con l’attenzione che questa meritava” ma che il sistema utilizzato oggi in Halo 5: Guardians è “dedicato al giocatore, apprezzato e non intrusivo”.

“Non abbiamo fatto alcun annuncio sui nostri nuovi progetti e continuiamo a lavorare al nostro gioco e alle relative tecnologie tenendo in mente le necessità dei giocatori,” prosegue O’Connor, “la notizia presentata in modo così superficiale non ha alcun riscontro. Credo che si possa dire “l’azienda X sta valutando Y” e che ci possa anche essere un fondo di verità, ma nel nostro caso non vi è alcuna intenzione di sviluppare un sistema di questo tipo o adottarne uno proveniente da un altro gioco”.

O’Connor conclude dicendo che 343 industries continuerà a evolvere il proprio sistema e le proprie tecnologie “in futuro” e che, magari, le indiscrezioni che vorrebbero l’azienda sul punto di cambiare sistemi e tecnologia potrebbero “avere un fondo di verità. Ma adesso? Assolutamente no”. 

Halo Infinite

(Image credit: 343 Industries)

Cosa vogliamo vedere su Halo Infinite

Questioni irrisolte

Cosa è successo al Didatta? Se Cortana è sopravvissuta alla battaglia finale di Halo 4 potrebbe essere successo lo stesso a Didact, la sua controparte cattiva.

Sfortunatamente il Lord dei Precursori è completamente assente da Halo 5 e, anche se le conseguenze immediate della sua battaglia con Master Chief sono state raccontate nella serie a fumetti Halo Escalation, un suo ritorno è probabile. Certo non tutti i giocatori hanno letto i fumetti e non sono al corrente di quanto gli è successo. La questione rende problematica l’integrazione dell’universo espanso di Halo all’interno della trama del gioco, cosa che 343i avrebbe voluto fare già dal primo momento in cui ha rilevato il franchise da Bungie.

Lista dei desideri

Dopo il finale aperto di Halo 5: Guardians, e una campagna dalla trama poco brillante, quello che serve a Halo Infinite è una storia appassionante e convincente con un finale a prova di dubbi. Anche un miglior bilanciamento tra campagna e gioco multiplayer potrebbe sistemare i rapporti tra i giocatori delusi da una o dall’altra modalità nei giochi precedenti.

Parlando di multiplayer, il fatto che Halo 5 includa micro-transazioni non è stato particolarmente gradito, specialmente visto che l’acquisto di alcuni pacchetti con armi molto potenti dava al giocatore che lo acquistava un vantaggio eccessivo. Mentre molti giochi hanno successo vendendo skin di personaggi e oggetti (pensiamo a Team Fortress 2 e Overwatch per non parlare di Fortnite), i giocatori non gradiscono sistemi cosiddetti Pay-to-win.

Anche un collegamento con Halo Wars 2 sarebbe ben accetto, così come il recupero della storia della UNSC Spirit of Fire all’interno della storia principale. Quest’ultimo aspetto, vista la scena finale del sequel di Halo Wars, non è da escludersi.