Skip to main content

È davvero necessario installare un antivirus su Windows 10?

antivirus per Windows 10?
(Image credit: Microsoft)

Siete utenti Windows 10 e vi siete sempre chiesti se fosse o meno il caso di usare un antivirus? Come spiegheremo nel corso di questo articolo, ci sono senza dubbio diverse buone ragioni per farlo. Una delle principali risiede nel fatto che il sistema operativo Microsoft è talmente diffuso da essere diventato il bersaglio principale di gran parte dei produttori di malware.  

Più diffuso, più appetibile 

Windows 10 è il sistema operativo per desktop più diffuso al mondo e, come OS presente su gran parte dei PC in funzione oggi, rappresenta un bersaglio a dir poco appetibile per i malintenzionati. 

In termini pratici, un hacker che decide di sviluppare una malware scritto per Windows 10 piuttosto che per un altro OS, aumenta enormemente la sua platea di possibili bersagli. Non c’è da sorprendersi che gli utenti Windows (inclusi i folli che hanno deciso di rimanere su Windows 7) siano i principali bersagli degli hacker a livello globale.

Anche se negli ultimi tempi i malintenzionati stanno dedicandosi maggiormente allo sviluppo di malware pensati per compromettere il sistema operativo Apple, Windows rimane ancora l'OS più bersagliato. Quando si tratta di malware per Mac, le minacce sono costituite prevalentemente da programmi indesiderati detti PUP o adware; al contrario la maggior parte dei virus realmente pericolosi mirano al sistema operativo Microsoft. 

I Malware stanno diventando sempre più sofisticati sophisticated

(Image credit: Andriano.cz / Shutterstock)

Le minacce proliferano

Stando al più recente report ‘state of malware’ relativo al 2019 pubblicato da Malwarebytes [PDF], il numero di malware rilevati potrebbe essere equivalente a quello dello scorso anno, ma si tratta comunque di cifre elevate e ciò che preoccupa maggiormente è la crescente sofisticatezza che le caratterizza. (va specificato che altri report relativi al 2019, come ad esempio quello di Kaspersky, indicano un numero crescente di minacce rilevate su base annua).

Ovviamente esistono una grande varietà di pericoli in rete, come afferma Malwarebytes che annovera adware e Trojans (app che sembrano programmi normali, ma in realtà sono in grado di compromettere la sicurezza del PC) tra i principali problemi per gli utenti Windows. In aggiunta c’è una crescente diffusione dei cosiddetti ‘HackTools’, che come suggerisce il nome sono strumenti pensati per facilitare le operazioni di hacking e vengono sempre più utilizzati per colpire utenti singoli (piuttosto che aziende), e hanno registrato un incremento del 42% su base annua.

Infine i ransomware rimangono una delle principali minacce per i vostri file, sfruttando crisi che si verificano nel mondo reale per ingannare gli utenti meno esperti. Per concludere la natura intrinseca di Windows 10 lo ha portato a diffondersi a tal punto da diventare il bersaglio prediletto dagli hacker e sarebbe buona norma utilizzare un antivirus per incrementare le difese del vostro PC e stare alla larga da un buon numero di pericoli.

Windows Defender è una valida alternativa?

Come abbiamo detto è consigliabile utilizzare un antivirus se si è utenti Windows 10 e, più in generale, di questi tempi la protezione tramite software esterni è più che mai necessaria. Bisogna però fare chiarezza riguardo un'obiezione che potrebbe sorgere spontanea ad alcuni utenti che utilizzano il sistema operativo Microsoft, ovvero: dato che Windows 10 è munito di Windows Defender, si può stare tranquilli mantenendo la protezione sempre attiva? 

Si e no. Le prime versioni di Windows Defender venivano definite inutili da gran parte degli esperti di sicurezza, ma si parla di diversi anni fa e le cose sono cambiate radicalmente. Il Defender presente sull'attuale versione di Windows 10 è un’ottima app in grado di difendere il vostro PC da molti rischi e ha raggiunto dei livelli di protezione piuttosto elevati come riportato da diversi laboratori di ricerca indipendenti. 

Windows Defender fornisce un buon livello di sicurezza agli utenti Windows 10

(Image credit: Microsoft)

Tuttavia la verità è che nonostante Windows Defender rappresenti una valida soluzione per la sicurezza di vostri PC, esistono un gran numero di antivirus di terze parti che offrono più funzionalità pur essendo gratuiti e facili da installare. 

Perciò se avete due minuti di tempo da spendere per farlo, vi consigliamo di installare uno dei migliori antivirus gratuiti da sostituire a Windows Defender in modo per aumentare le funzioni e il livello di sicurezza del vostro PC, e al contempo evitare momentanei blackout del servizio legati agli aggiornamenti Microsoft già verificatisi in passato. 

Va inoltre considerato che se volete aumentare in modo sostanziale la sicurezza del vostro PC con opzioni extra come le difese dai ransomware e la protezione durante la navigazione, dovrete rivolgervi a degli antivirus a pagamento.

Serve davvero installare un antivirus su Windows 10? 

Da qualsiasi punto di vista si voglia analizzare la questione, installare un antivirus su Windows 10 sembra la scelta migliore per incrementare il livello di sicurezza del vostro PC. Dopotutto esistono un buon numero di valide alternative gratuite che possono servire a tale scopo, quindi perché non usufruirne?  

Tenete comunque presente che le migliori armi contro i virus rimangono la consapevolezza e il livello di conoscenza informatica di chi utilizza il PC che, se unite a un buon antivirus, possono evitare la maggior parte degli attacchi informatici, anche i più sofisticati.