Skip to main content

AMD RDNA 3: la nuova architettura triplica i core, ma a che prezzo?

AMD Radeon RX 6900 XT graphics card
(Image credit: AMD)

Stando alle indiscrezioni, la prossima GPU top di gamma AMD con architettura RDNA 3 potrebbe triplicare il numero di core presenti sull'attuale RX 6900 XT.

La GPU Navi 31, che dovrebbe chiamarsi RX 7900 XT, dovrebbe avere ben 15,360 core, numero indicato da diverse fonti e riportato da 3DCenter (fonte: VideoCardz).

Diversi leaker autorevoli sostengono questa ipotesi, come Kopite7kimi che parlava della presenza di 15,360 core già la scorsa settimana. Si tratta di un numero impressionante, soprattutto se comparato ai 5,120 core (o stream processors) di RX 6900 XT.

Stando ai leak AMD avrebbe in mente un nuovo design per le GPU RDNA 3 che comprenderebbe un sistema MCM, o multi-chip-module. Con la sua introduzione, al posto di un singolo grande chip grafico (monolitico), la GPU potrà contare su diversi chip di dimensioni minori (Ryzen) collegati tra loro. 

L'utilizzo di chip separati darebbe a AMD la possibilità di aumentare il numero di core rispetto al chip singolo. Di certo un unico chip con un numero cosi elevato di core avrebbe un costo proibitivo, ma anche una volta trovata la soluzione per ovviare al problema, la vera sfida consisterà nel collegare tra loro più chip di piccole dimensioni senza comprometterne le prestazioni.

La tecnologia Infinity Cache arriva in aiuto di AMD

Ed è proprio qui che la tecnologia AMD Infinity Cache può fare la differenza, mantenendo il bus di memoria da 256-bit, ma utilizzando un'implementazione differente in grado di portare la cache a 512MB (o 256MB), un bel passo in avanti rispetto ai 128MB delle schede video Navi 21.

In breve, la teoria è che l'architettura delle schede video Navi 31 sarà composta da multipli chip connessi tra loro per funzionare come se fossero un unico elemento. I rumor sostengono che la GPU top di gamma RDNA 3 disporrà di due chip da 30 "gruppi di lavoro", e che ciascuno avrà 256 core per un totale di 7,680 core per chip. 

Un aumento del numero di core e la nuova architettura dovrebbero incrementare enormemente il potenziale delle prossime schede video AMD, ma potrebbero riflettersi notevolmente anche sul prezzo.

Il fatto che alcune voci sostengano che il modello entry level della gamma Navi 33 potrebbe avere delle specifiche simili all'attuale top di gamma RX 6900 XT fa riflettere ulteriormente sulle eventuali variazioni in termini di cartellino.

Forse AMD pensa di ridurre i costi di produzione con il passaggio ai moduli MCM in sostituzione dei più costosi chip monolitici, ma per ora siamo nel campo delle ipotesi.

Sempre stando alle voci, le schede video RDNA 3 dovrebbero arrivare tra il Q3 e il Q4 2022, quindi abbiamo tempo a sufficienza per indagare a fondo la questione e speriamo di potervi fornire dati più dettagliati nei prossimi mesi.

  • RTX 3060: prezzo, disponibilità e dove acquistarla