I migliori robot aspirapolvere sotto i 400€

I migliori robot aspirapolvere sotto i 400€
(Immagine:: Shutterstock)
Il consiglio dell'editore

Dreame L10s Pro

(Image credit: Dreame)

Stilando questa classifica abbiamo trovato un modello davvero interessante che costa poco più di 400€ (grazie al Black Friday). Si chiama Dreame L10s Pro (Si apre in una nuova scheda) e rispetto al nostro primo della classifica offre una doppia spazzola rotante, una telecamera frontale per evitare gli oggetti e una potenza di aspirazione ancora più elevata. Queste differenze colmano benissimo la differenza di prezzo, prendetelo in considerazione!

Tra i migliori aspirapolvere robot a meno di 400€ troviamo un'ampia selezione di prodotti, spesso molto diversi tra loro. 

I più costosi offrono sistemi di lavaggio e aspirazione combinati, stazioni di ricarica e svuotamento veloci automatizzate e un’app capace di gestire la mappatura della casa e le modalità di pulizia, oltre che il mantenimento del dispositivo.

Al contrario, alcuni robot sono piuttosto semplici ed eseguono solamente delle routine preimpostate senza seguire un piano preciso. Questi sono estremamente economici e altrettanto semplici nell’uso. Alcuni modelli meno recenti richiedono l’uso di barriere hardware per creare muri virtuali, mentre altri più recenti possono essere gestiti totalmente via software, senza accessori aggiuntivi. 

Ciò comporta un risparmio notevole e una migliore funzionalità. A proposito di accessori, alcuni robot possono montare spazzole specifiche per rimuovere capelli e pelo animale senza problemi, anche se la maggior parte dei robot economici non ha questa possibilità.

Sappiate che oggi esistono alcuni modelli di fascia media migliori di alcuni top di gamma di pochi anni fa. Soprattutto per quanto riguarda il software e le capacità di autogestione, alcuni robot dal costo relativamente contenuto come il Dreame D10 Plus, possono sfruttare le sinergie di gamma del proprio brand per offrire capacità di navigazione superiori.

Se state valutando di acquistare robot aspirapolvere senza spendere una cifra importante, nel nostro articolo troverete diversi modelli economici, molto accessibili anche per chi ha un budget limitato. o. Naturalmente esistono robot aspirapolvere migliori di quelli elencati qui, tuttavia i loro prezzi sono generalmente più alti e offrono alcune caratteristiche aggiuntive extra e un hardware generalmente più capace e potente che a volte supera le reali esigenze del consumatore medio.

Del resto non è necessario spendere grandi cifre per poter tenere pulita la propria abitazione: anche con cifre inferiori a 400€ è possibile portarsi a casa un ottimo aiutante per la pulizia domestica e, se proprio volete risparmiare e non avete grandi spazi da pulire, in classifica trovate anche qualche modello super economico.

Se non avete le idee molto chiare, su come funzionino questi robot per la pulizia, potete leggere il nostro articolo che vi spiega come usare al meglio un robot aspirapolvere.

Dreame D10 Plus

(Image credit: Dreame)

1. Dreame D10 Plus

Il re dei robot sotto i 400€

Specifiche

Autonomia: 180 minuti
Grandezza cestino: 0,4L
Svuotamento automatico: si
Controllo tramite Wi-Fi: si

Pro

+
Eccellente rapporto qualità/prezzi

Contro

-
Mancano alcune caratteristiche presenti sui modelli superiori

Dreame D10 Plus è un ottimo robot aspirapolvere, con un prezzo al limite del nostro budget. Tuttavia, la torretta Lidar sovrastante gli conferisce una capacità di navigazione più evoluta di quella della maggior parte dei rivali. Tramite l’app proprietaria è possibile vedere la mappatura della casa in maniera piuttosto dettagliata e creare muri virtuali o zone vietate di pulizia o lavaggio, a scelta dell’utente e senza l’uso di hardware (il che è un bel risparmio!). Infatti D10 Plus ha anche un sistema di lavaggio incorporato che può essere abilitato o disabilitato a piacere, esattamente come la funzione di aspirazione.

Il numero di passaggi di pulizia può essere impostato anche per singola stanza, il che permette al robot di darci dentro dove conta davvero. D10 Plus ha anche la funzione di svuotamento automatico, ed è al momento il robot più economico che si può acquistare per meno di 400€ con questa utile funzione. A livello di capacità nel pulire si rivela piuttosto abile e riesce ad aspirare e lavare in contemporanea, riuscendo ad essere efficace anche con le velocità di aspirazione inferiori tra le quattro totali disponibili.

Xiaomi Mi Vacuum-Mop P

(Image credit: Xiaomi)

2. Xiaomi Mi Vacuum-Mop P

Un modello economico ma convincente

Specifiche

Autonomia: 110 minuti
Grandezza cestino: 0,5L
Svuotamento automatico: no
Controllo tramite Wi-Fi: si

Pro

+
Economico ma molto valido

Contro

-
Soffre la presenza del cugino Dreame D10 Plus (che costa di più)

Mi Mop P è un robot per la pulizia dotato di torretta Lidar con capacità di aspirazione e lavaggio. Per quest’ultima funzione fa uso di un panno specifico di grosse dimensioni, che purtroppo è passivo e non ha una funzione di sfregamento meccanico ma sfrutta il movimento del robot stesso. La potenza di aspirazione è solo media, il che è un po’ limitante, infatti modelli poco più costosi possono vantare una potenza anche doppia rispetto a questo modello.

Il software Mi Home è identico a quello di Dreame ed è estremamente flessibile, anche se potrebbe venire ancora migliorato soprattutto nell’aspetto di manutenzione dell’apparato. Per quanto riguarda la pulizia, il Mi Mop P è piuttosto capace sui pavimenti duri ed è funzionale anche sui tappeti, che vengono riconosciuti automaticamente. Anche qui, come su altri modelli, i capelli lunghi faticano ad essere aspirati e tendono a bloccarsi nella spazzola inferiore. Infine, la base di ricarica inclusa è semplificata e non permette di svuotare il serbatoio come su altri modelli.

3. iRobot Roomba i3

Un brand dalla grande esperienza

Specifiche

Autonomia: 170 mq
Grandezza cestino: 0,4L
Svuotamento automatico: no
Controllo tramite Wi-Fi: si

Pro

+
Pulisce molto bene per la fascia di prezzo

Contro

-
I modelli superiori offrono di più (a un prezzo fuori budget)

Roomba i3 è un modello di fascia medio/bassa prodotto da iRobot, azienda USA specializzata in robot per l’utenza domestica. Roomba i3 possiede una base di ricarica, ma rispetto al modello superiore i3+ è stato semplificato in diverse caratteristiche a fronte di un taglio di 100€ sul prezzo. Il motore di i3 non è potentissimo, ma a compensare c’è la doppia spazzola in gomma sottostante che raccoglie ottimamente briciole e residui, anche se tende a tenere incollati i capelli che devono essere puliti manualmente.

Il robot può avvicinarsi alle pareti, ma fatica un po’ ad essere efficace in tal senso riuscendo a raccogliere solo parte dello sporco. i3 riesce a riconoscere la sporcizia tramite i suoi sensori, ed è programmato per passare più volte nelle zone dove c’è più bisogno invece dare la stessa importanza a tutte le aree. In questa maniera evita di sprecare tempo ed energia inutilmente. Il robot è capace di lavorare su qualsiasi tipo di superficie e di muoversi su di esse in maniera ordinata e sistematica, senza girare a caso per il pavimento.

Il suo software è piuttosto semplice rispetto ad altri, ma può comunque usare delle barriere virtuali hardware, che è possibile acquistare a parte. Il robot è capace di pulire bene alcuni tipi di sporco, ma non è perfetto per via di alcune semplificazioni nel design e del motore poco potente. Nonostante ciò, pensiamo che sia uno dei modelli da tenere più in considerazione nella sua fascia di prezzo. 

Neato D800 robot

(Image credit: Neato)

4. Neato D800 robot

Pulisce i bordi perfettamente (grazie al retro quadrato)

Specifiche

Autonomia: 90 minuti
Grandezza cestino: 0,7L
Svuotamento automatico: no
Controllo tramite Wi-Fi: si

Pro

+
La forma semi-quadrangolare (D shape) aiuta a pulire sui bordi meglio dei robot rotondi

Contro

-
Il software ha bisogno di essere migliorato

Neato D800 è un robot aspirapolvere di ultima generazione. Ha la tradizionale forma a D dei robot di Neato, che permette loro di raggiungere tramite il lato quadrangolare anche gli angoli delle stanze e il bordo delle pareti. Anche il D800 fa uso della tecnologia Lidar con l’accurata mappatura laser, che gli conferisce una buona capacità di navigazione, gestibile tramite l’app Myneato. Il robot può essere attivato in diversi modi, ad esempio con gli assistenti vocali di Google e Amazon, o tramite App ed è dotato di una buona capacità di pulizia, grazie alla spazzola grande e a una buona potenza di aspirazione.

Quest’ultima è regolabile su diversi livelli per massimizzare l’economia. Il D800 è inoltre capace di gestire le sue ricariche, in modo da pulire tutta la casa (per quanto grande) in totale autonomia, aiutato anche dalla presenza della carica veloce. I difetti più gravi del D800 sono un software ancora acerbo che mostra diversi limiti e i capelli che tendono ad aggrovigliarsi nella spazzola (cosa comune a quasi tutti i robot qui presentati). Il primo problema verrà certamente superato nel tempo (il robot è uscito ad agosto ‘22), mentre per il secondo è possibile acquistare una apposita spazzola per il pelo animale. Data l’offerta della concorrenza, sarebbe meglio se fosse stata inclusa nel prezzo, in modo da rimanere sotto i 400€.

Philips Luby HI5

(Image credit: Philips)

5. Luby HI5

Semplice ma efficace

Specifiche

Autonomia: 100 minuti
Grandezza cestino: 0,6L
Svuotamento automatico: no
Controllo tramite Wi-Fi: si

Pro

+
Sistema a doppia spazzola

Contro

-
A volte incerto

Luby HI5 è un robot aspirapolvere economico prodotto da Philips Lighting. Non offre tutte le caratteristiche più evolute presenti negli altri modelli della classifica, tuttavia costa meno della metà di queste ultime e potrebbe fare al caso di chi cerca semplicemente un ausilio per la pulizia quotidiana o per chi vuole fare la sua prima esperienza con un robot aspirapolvere senza investirci troppo. La pulizia è piuttosto efficace, anche se i modelli di punta hanno una maggiore capacità di aspirazione.

La navigazione può essere gestita da telecomando o dall’apposita App, ma la logica del robot non è evoluta come quella di altri modelli. Nonostante ciò, il Luby Hi5 riesce a svolgere il suo lavoro, a discapito di un po’ di efficienza nell’andatura. La doppia spazzola convince e permette di raccogliere qualsiasi tipo di residuo di piccole dimensioni. A causa del prezzo modesto, al Luby mancano le capacità di svuotamento automatico e autopulizia, mentre la base è semplice e non permette la ricarica rapida.

Blaupunkt Bluebot XVAC

(Image credit: Blaupunkt)

6. Blaupunkt Bluebot XVAC

Rispetta la segnaletica (imposta da voi)

Specifiche

Autonomia: 100 minuti
Grandezza cestino: 0,6L
Svuotamento automatico: no
Controllo tramite Wi-Fi: si

Pro

+
Ottimo design

Contro

-
I rivali hanno caratteristiche migliori

Il Bluebot XVAC è un aspirapolvere con capacità di lavaggio di fascia economica. Non offre tutte le funzioni dei modelli più evoluti, ma riesce a svolgere comunque un buon lavoro di pulizia. Può essere controllato tramite l’app Bluebot, il telecomando o i comandi vocali sfruttando gli assistenti vocali di cui è dotato. A differenza degli altri modelli, il robot può essere limitato tramite muri virtuali realizzati con strisce insormontabili.

La logica non è evoluta come su altri modelli e talvolta gli utenti hanno rilevato problemi in situazioni un po’ fuori dalla norma. Nella confezione è già presente una striscia in dotazione, ma se ne possono acquistare altre in caso di necessità. Mancano le funzioni di auto svuotamento e pulizia, tuttavia, dato il prezzo contenuto, crediamo che ciò non sia da considerare come un problema grave. Infine, il robot è realizzato con una copertura in vetro che lo rende molto piacevole alla vista e lo fa sembrare un prodotto di categoria superiore.

Severin RB 7026

(Image credit: Severin)

7. Severin RB 7026

Un prodotto tedesco economico

Specifiche

Autonomia: 90 minuti
Grandezza cestino: 0,4L
Svuotamento automatico: no
Controllo tramite Wi-Fi: no

Pro

+
Economico, ma funzionale

Contro

-
Meccanismo semplificato

L’RB 7026 è un prodotto di fascia bassa. Si tratta di un Robot aspirapolvere di media potenza a spazzole rotanti, che non fa uso delle classiche spazzole a rullo presenti sugli altri robot. Nella parte sottostante l’RB7025 ha quindi solo due rotelle con 6 spazzoline ciascuna che usa per “nutrirsi” e una bocchetta di aspirazione per raccogliere polvere e detriti. Un sistema di pulizia che rispetto ad altri modelli risulta semplificato nel bene e nel male: le spazzole a rullo migliorano le capacità di raccogliere residui, ma quasi sempre devono essere pulite manualmente da capelli e peli lunghi che tendono a rimanere attaccati.

L’RB 7026 offre diverse velocità di lavoro, tra cui quella di Boost per l’aspirazione dei tappeti, inoltre è dotato di capacità di navigazione nello spazio domestico. Manca un app per la gestione del robot da smartphone ma è presente un telecomando per controllarlo. Pur non essendo troppo competitivo con i prodotti di fascia superiore, quello di Severin può essere un aspirapolvere interessante per chi desidera un robot dalla gestione semplice e senza tanti fronzoli tecnologici.

Amazon Basics, Robot Aspirapolvere Slim

(Image credit: Amazon Basics)

8. Amazon Basics, Robot Aspirapolvere Slim

Partiamo dalle basi (e spendiamo poco)

Specifiche

Autonomia: 80 minuti
Grandezza cestino: 0,35L
Svuotamento automatico: no
Controllo tramite Wi-Fi: no

Pro

+
Super economico

Contro

-
Funzionalità solo di base

Come tutti i prodotti Amazon Basics, il robot aspirapolvere slim di Amazon è “il minimo sindacale” nella sua categoria. Le funzionalità di questo robot sono ridotte all’osso e si piazza più nella classe del Severin, che in quella dei primi in classifica. Anche qui mancano le spazzole rotanti e non è presente alcuna app di gestione, nè funzione di lavaggio o auto svuotamento e pulizia. La potenza di aspirazione è modesta, tuttavia non mancano diverse modalità di pulizia e gestione, tra cui la modalità Turbo utile per pulire a fondo i tappeti e una semplice stazione di ricarica, inclusa nella confezione. Per finire, l’aspirapolvere robot Amazon Basics ha delle dimensioni modeste che gli permettono di entrare quasi ovunque e pur se con delle ovvie limitazioni, questo modello potrebbe interessare chi non ha molte pretese e al contempo non vuole spendere troppo.