Recensione Fujitsu Celsius H5511

Il Fujitsu Celsius H5511 è un portatile votato alle attività professionali

Fujitsu Celsius H5511
(Image: © Future)

Verdetto

Il Fujitsu Celsius H5511 è un portatile votato al lavoro, con un aspetto quasi severo. Punta sull’affidabilità, ma offre anche molte porte e connettività LTE, e un’autonomia sopra la media. La piattaforma hardware non è delle più potenti, e il prezzo molto alto.

Pros

  • +

    Grande autonomia

  • +

    Versatile

  • +

    Sicurezza aggiuntiva

Cons

  • -

    Prezzo elevato

  • -

    Potenza sotto la media

  • -

    Design desueto

Perché puoi fidarti di TechRadar I nostri esperti revisori trascorrono ore a testare e confrontare prodotti e servizi in modo che tu possa scegliere il meglio per te. Scopri di più su come testiamo.

Quando si pensa alle migliori workstation mobile, spesso e volentieri il pensiero va a computer portatili che puntano soprattutto sulla potenza. E sicuramente a volte serve soprattutto quella. Più spesso però volete un laptop che sia affidabile, con una batteria che dura tanto, uno schermo che si veda bene e che faccia tutto il lavoro senza rallentamenti. Il Fujitsu Celsius H5511 centra tutti i bersagli, e aggiunge qualcosa.  

Fujitsu Celsius H5511, prezzo e disponibilità 

Fujitsu Celsius H5511

(Image credit: Future)

Come tutti i portatili Fujitsu, il punto di riferimento in Italia è il partner ufficiale Finix. I prezzi consigliati di listino partono da €1.838 + IVA, contattando direttamente Finix è possibile richiedere una configurazione ed un'offerta personalizzata attraverso la rete dei rivenditori autorizzati.

La versione che abbiamo trovato dovrebbe costarvi intorno ai 2.000 euro (prezzo finito) o almeno così ci ha detto un rappresentante di Finix. Tuttavia, abbiamo trovato qualche negozio che vende il Celsius H5511, a prezzi tra i 2.600 e i 2.900 euro circa. 

Chiaramente non è un portatile economico, ma le funzioni di sicurezza avanzate e la piattaforma hardware lo possono giustificare, in un contesto enterprise o anche in una PMI.

Per confronto, MacBook Pro 16” parte da €2.849, mentre HP ZBook Firefly 15.6 G8 ha un prezzo quasi identico a quello di Fujitsu. Asus Vivobook Pro 14X OLED costa intorno ai 1.300 euro, e il potentissimo Huawei Matebook 16 (Ryzen 5800H) costa €1.349. 

Design 

Fujitsu Celsius H5511

(Image credit: Future)

 

È sempre difficile trovare il giusto equilibrio tra potenza, portabilità e design elegante. Fujitsu è riuscita a creare un portatile da 15 pollici spesso meno di 2 cm, e che pesa meno di 2 Kg. Sicuramente si poteva limare ancora qualcosa, per esempio le cornici intorno allo schermo sono piuttosto vistose, ma in generale è una workstation molto leggera. 

Leggera ma non fragile, come dimostra la certificazione militare MIL-STD-810H

Esternamente è un portatile abbastanza elegante, la cui natura “business” è resa evidente dalla colorazione grigia e uniforme: un po’ troppo forse, perché in effetti l'outfit di questo laptop è severo quanto lo erano gli insegnanti nei romanzi ottocenteschi, bacchette per le mani e tutti. Ma all’interno c’è una sottile linea rossa, sotto alla tastiera, che conferisce una piccola nota di colore. 

Il Fujitsu Celsius H5511 ha un  corpo realizzato in plastica e lega di magnesio, un materiale comune nei prodotti Fujitsu, che garantisce leggerezza e resistenza. È un materiale pregiato, uno di quei dettagli che contribuiscono ad aumentare il prezzo. 

Come anticipato, lo schermo da 15,6” è  circondato da cornici piuttosto spesse; una soluzione di design che ormai stona un po’, in confronto al design più moderno e snello di altri prodotti. 

Il corpo principale è relativamente massiccio. In alto sono ben visibili due feritoie per l’espulsione dell’aria calda, e appena sotto una griglia che nasconde i due altoparlanti. Lo chassis risulta un po’ flessibile, forse un po’ troppo, ma nell’insieme sembra un laptop resistente. 

La connettività è più che completa. A sinistra abbiamo il lettore di smart card, lo slot per la SIM, due porte USB-C (utilizzabili anche per la ricarica) e la porta LAN. Quest’ultima ha una parte mobile, che permette di avere un design più sottile, ma che alla lunga potrebbe rompersi. A destra, invece, troviamo lettore di schede SD, jack da 3,5 mm, due porte USB-A, porta HDMI standard  e blocco di Kensington.  Insomma, c’è veramente tutto quello di cui si potrebbe aver bisogno, e questo è senz’altro uno dei punti di forza di questo prodotto. 

Non manca il lettore PalmSecure, un prodotto di Fujitsu che negli ultimi anni ha trovato molto successo in tutte le applicazioni sicurezza. Oltre che sui laptop, come in questo caso, viene usato anche in altri contesti dove è necessaria una verifica dell’identità garantita. PalmSecure vi riconosce leggendo il reticolo di vene della mano, una caratteristica univoca per ogni essere umano. Si tratta di una soluzione biometrica più sicura rispetto al riconoscimento facciale e all’impronta digitale. Molto indicato per chi deve proteggere dati molto importanti. 

PalmSecure rende l’accesso un po’ lento, ma se non ne avete bisogno si può usare anche il riconoscimento facciale tramite la webcam - dove non manca un oscuratore meccanico per coprirla ogni volta che lo si ritiene opportuno. 

Sotto, l’accesso alla componentistica interna è piuttosto semplice: basterà rimuovere una dozzina di viti Philips per accedere a RAM, modulo Wi-Fi, storage e altri componenti interni.  

 Audio 

Fujitsu Celsius H5511

(Image credit: Future)
Specifiche

Processore: Intel Core i5-1165G7, 2,80Ghz
RAM: 32GB DDR4
Schermo: 15,6” IPS LCD, finitura antiriflesso, fino a 500 nit
GPU: Nvidia T500
Storage: 512GB, PCIe SSD
Dimensioni: 363.0 x 249.0 x 20.8 mm
Peso 1,9 Kg 

A proposito di audio, questo Fujitsu Celsius H5511 se la cava molto bene. Il volume massimo è piuttosto alto, ma allo stesso tempo non ci sono distorsioni in nessun momento. Insieme agli ottimi microfoni, è un computer più che in grado di gestire le videochiamate.

Passando all’uso multimediale, gli altoparlanti stereo riescono a riprodurre la musica piuttosto bene. Anzi, questo Fujitsu Celsius H5511 riesce a riprodurre i bassi in modo nettamente migliore alla maggior parte dei computer portatili. Il che è ottimo anche per guardare film e serie TV.

Se non vi interessa l’alta fedeltà, questo setup audio è adeguato anche per chi si occupa di multimedialità, anche se in genere i professionisti di questo settore preferiscono lavorare con le cuffie

Tastiera e Touchpad 

Fujitsu Celsius H5511

(Image credit: Future)

Fujitsu ha inserito su questo Fujitsu Celsius H5511 una tastiera completa, con tastierino numerico. È una buona tastiera, ma non eccellente, diciamo senza gloria né infamia. 

La tastiera è nera con le stampe bianche, e la retroilluminazione regolabile su tre diversi livelli. È comoda, ma come il resto del computer risulta un po’ vintage, in particolare per via della plastica nera. La risposta è un po’ rigida.

Il touchpad sottostante potrebbe essere un po’ più grande, soprattutto considerando le tendenze moderne, ma non è male. È preciso e affidabile in ogni momento. Ha due tasti fisici, che per alcuni saranno importanti. 

Schermo 

Lo schermo da 15,6” vanta risoluzione Full HD (1920x1080 pixel), con alcuni dettagli interessanti. In particolare, vale la pena segnalare la luminosità massima di 800 nit (non su tutti i modelli), che aiutano a rendere questo schermo particolarmente indicato per chi lavora in ambienti con molta luce esterna. A tal proposito, la finitura opaca fa un eccellente lavoro antiriflesso

Prestazioni 

Benchmark

PCMark10: 5230 (-12,8%)
Geekbench 5 single-core: 1209
Geekbench 5 multi-core: 3600
Geekbench 5 OpenCL: 32649
Geekbench 5 Vulkan: 16.280
PCMark Battery Test (office): 10h55m
PCMark Battery Test (Video): 11h:04
Batteria, test empirico: 6:20 

 

La piattaforma hardware del Fujitsu Celsius H5511 è buona ma non potentissima, come ci si potrebbe aspettare quando si vede il nome “workstation”. 

Abbiamo un processore Intel Core i7-1165G7 (2,8Ghz), 32GB di RAM e la GPU Nvidia T500. è esattamente la stessa piattaforma hardware dell’HP ZBook Firefly 14 G8. Per l’archiviazione c’è naturalmente un veloce SSD, nel nostro caso da 512GB. 

Sono specifiche buone, ma non siamo di fronte a una workstation particolarmente potente. Benchmark alla mano (PCMark 10), il Fujitsu Celsius H5511 (come anche il modello HP) fa risultati peggiori rispetto a concorrenti come MSI Summit E16 Flip, Asus Vivobook Pro 14X OLED o Lenovo ThinkPad T15g Gen 2. Sono tutti computer con potenti schede grafiche gaming, e per questo ottengono punteggi migliori.

Tuttavia Fujitsu ha preferito realizzare una macchina più stabile e affidabile, e anche molto molto più fresca. L’hardware non scalda molto, e il sistema di dissipazione è eccellente. Con il risultato di un laptop più indicato per le attività mission critical, dove un malfunzionamento può implicare conseguenze disastrose, ed è preferibile ridurre al minimo i rischi.  

Inoltre, le prestazioni restano comunque di alto livello. Questo è un computer veloce e prestante e, in particolare grazie ai 32GB di RAM, potete farci anche cose molto complicate. Progetti ingegneristici o di architettura, così come realizzazioni multimediali, non saranno un problema.  

L’altro vantaggio, oltre all’affidabilità, riguarda la durata della batteria. Il Fujitsu Celsius H5511 ha infatti ottenuto il secondo miglior risultato della sua categoria con PCMark 10: circa 11 ore di durata, tanto con il test di produttività quanto con quello di riproduzione video. Per confronto, il migliore dei concorrenti (Huawei Matebook 16) è arrivato a 12h:42, mentre il terzo classificato (Lenovo ThinkPad T15g Gen 2) si ferma a 9h46m. 

Nel test empirico, invece, siamo riusciti a usare questo laptop per 6 ore e 20 minuti, in media. Un risultato davvero niente male, grazie al quale si può lavorare anche tutta la giornata senza preoccuparsi di portarsi dietro il caricatore. Basterà stare un po’ attenti con la luminosità (noi l’abbiamo sempre tenuta piuttosto alta). Tenendo in considerazione, poi, che quando ci si trova a lavorare in giro, spesso e volentieri il PC resta chiuso, mentre si fa una telefonata o una riunione. A maggior ragione, dunque, la giornata di utilizzo è garantita. 

 Fujitsu Celsius H5511, ne vale la pena? 

 Il Fujitsu Celsius H5511 è un computer portatile progettato per il lavoro e i professionisti, e per garantire la massima affidabilità in ogni situazione. Il prezzo richiesto è alto ma può valerne la pena.

Probabilmente sarebbe stato meglio non chiamarlo workstation, e sicuramente avrebbe fatto una figura diversa tra i portatili "normali". Tuttavia resta un buon computer, che dovrebbe durare per molti anni senza dare problemi di nessun tipo.  

 Compratelo se … 

Volete prima di tutto stabilità

Il design termico e la piattaforma hardware sono pensati per ridurre al minimo i problemi. Se nel vostro lavoro ogni minuto perso è un danno, allora questo computer è la risposta. 

Avete esigenze di sicurezza particolari

L’accesso ai laptop e ai dati si possono proteggere con PalmSecure, il sistema di accesso che legge le vene della mano. È un sistema brevettato che trovate solo sui Fujitsu.

Volete una grande autonomia

Chi si trova spesso senza una presa di corrente a disposizione, dovrebbe tenere in grande considerazione il Fujitsu Celsius H5511,  visto che ci potete lavorare 6 ore o più contando sulla sola batteria. 

Non compratelo se … 

Volete la massima potenza

La piattaforma hardware del Fujitsu Celsius H5511 è molto buona,  e questo è un computer in grado di fare tutto. Ci sono comunque computer più potenti in circolazione, che potrebbero essere preferibili in specifiche situazioni. 

Preferite spendere un po’ meno

Nella versione che abbiamo provato, il Fujitsu Celsius H5511 dovrebbe costare più o meno 2.000 euro. Non è un prezzo esagerato per un computer di questa categoria, ma chiaramente ci sono alternative meno care in circolazione. 

Valerio Porcu è Redattore Capo e Project Manager di Techradar Italia. È da sempre ossessionato dai gadget e dagli oggetti tecnologici che cambiano la nostra vita quotidiana, e dai primi anni 2000 ha deciso di raccontarla. Oggi è un giornalista con anni di esperienza nel settore tecnologico, e ha ancora la voglia di trovare le chiavi di lettura giuste, per capire davvero in che modo la tecnologia può rendere migliore la nostra vita quotidiana.