Skip to main content

Il chip neuromorfico con un'architettura simile ai neuroni del cervello umano

L'hardware neuromorfico è in circolazione da un po' di tempo, ma sta finalmente guadagnando popolarità e sta iniziando a essere utilizzato in nuovi modi molto interessanti.

"Si tratta di tecnologia IA (Intelligenza Artificiale) su di un chip che utilizza tecniche di pattern recognition e sarà la prossima svolta tecnologica. Ha un'architettura simile ai neuroni del cervello umano", ha detto Pierre Brunswick, CEO di NeuroMem Technologies, a TechRadar Middle East durante l’evento AI Everything che si è svolto presso il World Trade Center di Dubai. 

Ha affermato che il chip neuromorfico è fondamentale per la quarta rivoluzione industriale e funziona come i neuroni umani. Può portare benefici in settori come quello della sicurezza, smart city, costruzione di abitazioni, automazione, guida autonoma, IoT, medicina, droni e biometrico.

"Quando ascoltate la musica al mattino, non dovete aprire un computer per riconoscere l’autore, fate un pattern recognition. Il pattern recognition è ciò che fanno i nostri neuroni e il chip fa esattamente la stessa cosa”.

 Quattro pilastri dell'Intelligenza Artificiale

Secondo Brunswick, l'IA ha quattro pilastri: deep learning, reinforcement learning, edge computing e hardware neuromofico.

Il reinforcement learning è l'opposto del deep learning, cioè permette di imparare dagli errori fatti autonomamente. Negli ultimi 5-6 anni, ha affermato Pierre Brunswick, la maggior parte degli investimenti sono stati fatti sul deep learning.

"È impossibile che l'intelligenza artificiale non si fondi solo sul deep learning. Il vincitore sarà chi riuscirà a perfezionare tutti e 4 i pilastri. L'intelligenza artificiale è ovunque e se il percorso per far diventare l'intelligenza artificiale un business è lungo, bisogna intraprenderlo il più presto possibile".

I robot avranno un'intelligenza paragonabile a quella umana?

Negli ultimi 25 anni, NeuroMem ha venduto la sua tecnologia IP ad alcune aziende, compresa Intel.

"Siamo dei pionieri e aiutiamo le aziende a sviluppare i Proof of Concept in modo più veloce. La nostra tecnologia è importante in quanto è a bassa potenza, ma garantisce un apprendimento costante e la capacità di rilevare anomalie nel giro di pochi millisecondi. Crediamo che avvicinandoci ai neuroni umani, ci avviciniamo alla verità ", ha detto Brunswick.

Tuttavia, ritiene che l'hardware non possa replicare il cervello umano e che i robot non possano avere intelligenza umana, ma questo potrebbe cambiare in futuro.

"Possiamo facilmente arrivare fino a un miliardo di neuroni con chip neuromorfici, ma il cervello umano ha 10 miliardi di neuroni. Ogni neurone nel cervello simula migliaia di sinapsi. Possiamo avvicinarci a ciò che fanno i neuroni, ma siamo lontani dal replicare il cervello umano. L'obiettivo non è quello di sostituire gli umani, ma di rendere la nostra vita più facile e migliore ".

È una questione etica 

Al momento le aziende stanno raccogliendo dati, li stanno studiando e trattando in un modo molto migliore di qualsiasi uomo secondo Brunswick.

"Stiamo creando petabyte di dati e se non implementiamo una piattaforma AI davvero buona per estrarre ciò che deve essere estratto dai dati, sarà un incubo. Inoltre ciò che facciamo deve essere etico, questo è fondamentale”. 

“Il più grande batterio o i distruttori del pianeta sono gli umani. Questo è il motivo per cui i governi devono creare un protocollo per proteggere tutti quanti". Brunswick ha aggiunto che l'etica è molto importante e sarà al centro di tutto.

Il potere di calcolo è essenziale per l'intelligenza artificiale; inoltre l'hardware neuromorfico abilita nuove applicazioni all'edge computing