(Si apre in una nuova scheda)

ONLYOFFICE è un'alternativa ad Adobe Acrobat, ma meglio

ONLYOFFICE
(Immagine:: 123RF)

Il termine PDF richiama immediatamente alla mente Adobe Acrobat, d’altronde è stato proprio Adobe a coniare l’acronimo e creare il popolare formato dei documenti elettronici, da lungo tempo uno dei più diffusi al mondo.

E per molti anni, creare e modificare un file PDF era appannaggio esclusivo dell’applicazione Adobe Acrobat, uno strumento software molto potente e ricco di funzionalità, ma anche abbastanza costoso (fatta eccezione per Acrobat Reader, un programma gratuito ma limitato solo all’apertura e alla lettura dei file PDF, senza la possibilità di effettuare editing).

Ma per fortuna, oggi esiste un’alternativa gratuita a Adobe Acrobat per la creazione e la modifica di file PDF, nonché per la gestione dei moduli e dei campi di compilazione, ovvero ONLYOFFICE Docs, un’ottima suite di produttività che, come abbiamo avuto modo di vedere, riesce a farsi apprezzare ancora di più rispetto a Google Docs e a  porsi addirittura come validissima alternativa a Microsoft Office.

ONLYOFFICE Docs, naturalmente, non consente solo di modificare, creare e gestire i documenti PDF, anche dal punto di vista dei campi di compilazione, ma in questo articolo vogliamo focalizzarci sul confronto ONLYOFFICE Vs Adobe Acrobat, per vedere la suite prodotta da Ascensio System SIA riuscirà a farci dimenticare della blasonata (e costosissima) applicazione Adobe.

Vediamo insieme, dunque, come si differenziano e quanto si somigliano questi due software, sotto vari punti di vista.

Prova subito ONLYOFFICE (Si apre in una nuova scheda)

Prova subito ONLYOFFICE (Si apre in una nuova scheda)

ONLYOFFICE è una suite di applicazioni che include editor di testo, fogli di calcolo, presentazioni, formulari e molto altro, compreso il gestore dell'email aziendale. Tutto in un unico pacchetto, perfetto per la tua impresa

ONLYOFFICE Vs Adobe Acrobat - Prezzo e disponibilità

La prima, e fondamentale, differenza tra ONLYOFFICE e Adobe Acrobat sta nel prezzo: mentre il programma Adobe ha un costo di €15,85 al mese in versione Standard oppure €24,39 al mese nella versione Pro (suite completa disponibile su qualsiasi dispositivo), in entrambi i casi con abbonamento annuale.

Dunque, per utilizzare Adobe Acrobat, occorrono più di €190 o €292 all’anno. Una cifra non indifferente, soprattutto se siete utenti standard che necessitano di modificare un documento PDF di tanto in tanto e questa attività non comporta per voi un ritorno sull’investimento, in altri termini se non avete esigenze professionali.

ONLYOFFICE, dal canto suo, è gratuito e anche open source. Già con questa argomentazione, potremmo anche chiudere qui il confronto, ma vogliamo sottolineare che, la presenza del codice sorgente su GitHub garantisce trasparenza e affidabilità, dato che la community del repository è molto attiva e il sito stesso garantisce una buona protezione dei file.

Certo, il prezzo non è l’unico fattore da valutare nel confronto tra due software, dato che in gioco ci sono anche elementi come la qualità, l’efficacia e le funzionalità disponibili, ma possiamo anticiparvi fin da ora che esistono diversi elementi che ci portano a indicare ONLYOFFICE come un’eccellente alternativa gratuita ad Adobe Acrobat. Vediamoli insieme.

 Funzionalità di base 

Adobe Acrobat è un programma altamente specializzato: infatti si tratta di un editor dedicato ai documenti PDF. Con Acrobat, potete creare nuovi file oppure modificare PDF esistenti, convertire documenti cartacei scansionati in moduli con campi firma e compilazione grazie all’OCR, inserire tabelle, elementi grafici e molto altro.

Gli editor online di ONLYOFFICE, invece, è una suite di produttività completa, al 100% paragonabile a Microsoft Office e Google Docs, come dicevamo prima. Quindi, avrete un editor di testo, un programma per la creazione e la gestione dei fogli di calcolo, e molto altro. Nel caso specifico, lavorerete sui moduli e sui documenti PDF tramite lo stesso editor con cui elaborate i vostri normali documenti, dunque con la stessa interfaccia (estremamente semplice e intuitiva, ma ricca di funzionalità) e senza alcun problema di compatibilità con il formato PDF nativo.

L’editor di ONLYOFFICE, infatti, è al 100% compatibile con i moduli e i campi di compilazione presenti in Adobe Acrobat, di conseguenza, se qualcun altro vorrà aprire e modificare il vostro file da quest’ultima suite, non avrà alcun problema di visualizzazione e non dovrà gestire formattazioni errate o altre anomalie tipiche di quando si elabora un documento con suite diverse (pensate, ad esempio, ai problemi di compatibilità fra i documenti Open/LibreOffice e MS Office, legati a font proprietari o alla diversa disposizione di strumenti e righelli).

Onlyoffice 7.2

(Image credit: Onlyoffice)

Creazione di moduli

Confrontando gli aspetti di base di ONLYOFFICE e Adobe Acrobat, non possiamo che partire dalla creazione dei moduli, uno degli elementi fondamentali per molti utenti. Pensiamo ai modelli di fattura, ai contratti o ad altre tipologie di documenti che richiedono dei campi firma o l’inserimento di dati personali.

In questo ambito, ONLYOFFICE offre tutto quello che è disponibile su Adobe Acrobat, come la creazione da zero di modelli di form, la compilazione, l’esportazione in formato PDF, tuttavia la suite open source presenta alcuni vantaggi che Adobe non offre.

Innanzitutto, con ONLYOFFICE è possibile creare dei modelli da file DOCX esistenti, un notevole vantaggio se abbiamo già dei documenti Word da cui vale la pena estrapolare moduli e dati. Inoltre, è possibile aggiungere tabelle ai modelli, con l’ulteriore vantaggio della compatibilità con i formati DOCXF e OFORM.

Infine, ONLYOFFICE offre una libreria di moduli gratuita (Si apre in una nuova scheda) e che non richiede alcuna registrazione, a differenza di Adobe dove questa caratteristica è del tutto assente.

Analizzando i vantaggi di Adobe, invece, Acrobat offre le caselle elenco, i moduli data e i campi per i codici a barre (fondamentali nel commercio e nella gestione di magazzino e inventario), il pulsante per avviare la stampa o cancellare i dati e il campo firma.

Tuttavia, ONLYOFFICE offre una maggiore personalizzazione dei campi, con la possibilità di cambiare colori di evidenziazione, spostare e ruotare i campi, aggiungere tag e inserire campi e-mail e telefono cellulare.

Prova subito ONLYOFFICE (Si apre in una nuova scheda)

Prova subito ONLYOFFICE (Si apre in una nuova scheda)

ONLYOFFICE è una suite di applicazioni che include editor di testo, fogli di calcolo, presentazioni, formulari e molto altro, compreso il gestore dell'email aziendale. Tutto in un unico pacchetto, perfetto per la tua impresa

Piattaforme supportate

ONLYOFFICE è disponibile su web, desktop e mobile, il che garantisce un elevato grado di versatilità. Infatti, potrete lavorare completamente online o in locale. In particolare, con ONLYOFFICE potrete compilare al volo i campi tramite le app per iOS e Android, rendendo questa suite una delle più complete dal punto di vista delle piattaforme supportate.

Come dicevamo, La suite per ufficio ONLYOFFICE offre diversi strumenti, ad esempio l’editor di presentazione, oltre ai già citati editor di testo e fogli di calcolo, mentre Adobe Acrobat si limita a offrire un editor per i PDF, e il relativo visualizzatore.

ONLYOFFICE offre anche un riproduttore multimediale e, come vedremo sotto, diversi strumenti di collaborazione. Entrambi i software, invece, consentono di lavorare sia online che offline ai documenti, ma mentre ONLYOFFICE Documents, ovvero l’editor di testo con cui andrete a lavorare con i PDF, è 100% gratis, Adobe Acrobat impone diverse limitazioni alle funzionalità della versione di prova gratuita, costringendovi poi a fare l’abbonamento, al termine del periodo di valutazione.

Collaborazione

Onlyoffice 7.2

ONLYOFFICE 7.2 consente a più utenti di collaborare sullo stesso documento (Image credit: Onlyoffice)

Qui non c’è proprio confronto: a differenza di Adobe Acrobat, ONLYOFFICE permette di collaborare online sui modelli di moduli, gestire le autorizzazioni di accesso e la possibilità di monitorare le modifiche (potrete accettare o rifiutare i suggerimenti di modifica fatti da chi collabora al documento).

Inoltre, è possibile selezionare fra due distinte modalità di collaborazione: al livello di caratteri e di paragrafo, per avere un controllo più ampio su quanto viene effettuato sul documento.

La possibilità di inserire commenti, citare altri collaboratori, chattare direttamente dal documento oppure tramite plug-in esterni, ci ricorda moltissimo le modalità viste su Google Docs, inclusa la cronologia delle modifiche, per tenere traccia di quanto fino a un dato momento.

Come dicevamo, niente di tutto questo viene offerto da Adobe Acrobat.

Sicurezza

Entrambe le piattaforme adottano le proprie misure di sicurezza, onde evitare che malintenzionati o soggetti non autorizzati accedano ai vostri documenti online.

Tuttavia, tra ONLYOFFICE e Adobe Acrobat ci sono alcune differenze che vale la pena citare: innanzitutto, il codice di Adobe è proprietario, mentre quello di ONLYOFFICE è open source, e grazie alla collaborazione di una community internazionale di appassionati e sostenitori del progetto, la suite è in costante evoluzione.

Inoltre, ONLYOFFICE prevede il self-hosting, a differenza di Adobe, e ciò garantisce un controllo diretto e granulare di quanto viene pubblicato online, per una maggiore sicurezza e protezione da eventuali manomissioni esterne.

Osservando altre funzionalità di sicurezza, entrambe le suite offrono la possibilità di inserire filigrane nei documenti, personalizzare i ruoli dei destinatari e applicare la crittografia al livello del modulo o di singoli campi.

Onlyoffice 7.2

(Image credit: Onlyoffice)

Integrazioni

Laddove Adobe Acrobat è un sistema chiuso e proprietario, la natura open source di ONLYOFFICE garantisce maggiori possibilità di integrazione e una maggiore flessibilità. Infatti, la suite oggi si integra con 30 piattaforme molto popolari, che includono SharePoint, Jira, WordPress, FileCloud e OpenOlat.

Inoltre, ONLYOFFICE è incorporato in oltre 300 servizi web tramite API e WOPI, un aspetto fondamentale per chi vuole offrire ai propri clienti moduli personalizzati, con i loro brand, all’interno della propria piattaforma, trasformando la creazione e la gestione dei modelli in un vero e proprio servizio a pagamento.

Conclusione

Adobe Acrobat è una suite ormai consolidata nel panorama degli editor di PDF, che fino a poco tempo fa dominava il mercato in quanto piattaforma nativa di questo formato.

Nel corso del tempo, però, sono nate diverse alternative più economiche o, nel caso di ONLYOFFICE, addirittura gratuite che per certi versi superano Acrobat sotto diversi profili.

La nuova versione di ONLYOFFICE 7.2, poi, apporta grandi migliorie ai propri editor, rendendo la suite ancora più funzionale e sovrapponibile ai colossi commerciali con cui il paragone sorge spontaneo.

Oggi, a meno che non abbiate alcune esigenze estremamente specifiche, optare per una soluzione gratuita e open source come ONLYOFFICE non vi farà rimpiangere minimamente la piattaforma Adobe.

Immagini di: 123RF (Si apre in una nuova scheda)