Skip to main content

Samsung QLED TV 2020: i nuovi modelli presto disponibili all’acquisto

(Image credit: Samsung)

Samsung ha annunciato l’arrivo sul mercato della sua nuova serie di televisori QLED 2020. Questo significa che c'è un intero carico di nuovi televisori Samsung disponibili all'acquisto o per il pre-ordine in molti dei Paesi in cui la serie è stata presentata.

Al CES 2020 abbiamo potuto dare un primo sguardo alla TV top di gamma Q950TS QLED, dotata di un particolare design senza cornici e della nuova tecnologia audio Object Tracking Sound+. Oltre a questa, ci sono stati svelati anche tutti i dettagli riguardanti i nuovi televisori QLED 8K (Q900TS, Q800T) e sulle controparti 4K (Q60T, Q70T, Q80T, Q90T, Q95T).

Al momento è possibile acquistare i televisori di questa serie Samsung presso diversi rivenditori statunitensi, tra cui Amazon, BestBuy o Walmart, così come John Lewis, Richer Sounds e Currys nel Regno Unito.

Molto presto anche in Italia ma a che prezzo? 

L’arrivo della nuova gamma di televisori QLED Samsung 2020 sugli scaffali dei negozi di questi Paesi potrebbe significare un arrivo imminente anche sul nostro territorio nazionale. Samsung non ha ancora annunciato nessuna data per la disponibilità in Italia ma vista la possibilità di acquistare questi prodotti nel Regno Unito, l’attesa non dovrebbe essere ancora troppo lunga.

Le prime notizie riguardanti i prezzi della serie Q950TS per il mercato nostrano parlano di €5999 per il modello da 65”, €7999 per la versione da 75” e ben €11999 per la diagonale maggiore, ovvero l’85”.

Il Samsung QLED Q800T dovrebbe partire dai €2999 per la versione da 55”, passando per €3999 per il 65” e raggiungendo la cifra di €6999 per l’82”. Si parla di €2299 per il Q95T da 55”, €2999 per il 65” e €4499 per il 75”. I prezzi dei modelli meno pregiati dovrebbero essere ovviamente inferiori.

È d’obbligo sottolineare, però, che questi prezzi non sono stati ufficialmente confermati dall’azienda e che dovremo attendere l’arrivo nei negozi o l’apertura dei pre-ordini in Italia per avere delle informazioni più sicure.