Skip to main content

Windows 10 ha molti problemi, Linux è la soluzione?

(Image credit: Shutterstock)

Windows 10 è eccezionale se lo mettiamo a confronto con Windows 8, e sembrava che l’ultimo sistema operativo avesse risolto quasi tutti i problemi del suo predecessore.

Microsoft poi non ci ha più obbligati a usare l’invadente e antiestetica interfaccia Metro con Windows 10. Per fortuna, il buon vecchio menu Start è tornato!

Windows 8 sembrava un software troppo pesante dal momento che diversi PC non riuscivano a farlo funzionare nel modo corretto, ma Windows 10 è un sistema operativo che gira bene anche su PC vecchi e poco potenti.

Microsoft probabilmente non rilascerà mai un sistema operativo leggero per competere con Chrome OS, ma siamo rimasti piacevolmente sorpresi dai requisiti minimi richiesti per Windows 10. Non è perfetto, ma è molto meglio di Windows 8.

(Image credit: Shutterstock)

Quindi, cos'è successo? Perché adesso Windows 10 è diventato pieno di problemi? Di recente, Microsoft ha rilasciato diversi aggiornamenti che hanno portato più problemi di quanti ne abbiano risolti. Sembra che quando Microsoft si affretta a rilasciare una patch per risolvere i problemi, questa ne introduca ancora di più.

Molti di questi nuovi problemi sfociano persino nella famigerata schermata blu, che divenuta iconica a seguito della sua diffusione nelle versioni precedenti di Windows. Pensavate che con Windows 10 non l’avreste più vista? Invece purtroppo è tornata.

Windows 10 ha una base di installazione molto grande e, nonostante un sacco di segnalazioni di problemi, la maggior parte degli utenti non riscontra nessuna anomalia.

Tuttavia, anche se non siete stati interessati da un aggiornamento difettoso di Windows 10, le continue lamentele da parte di molte persone e le recenti apparizioni di schermate blu non lasciano certo ben sperare. Adesso funziona, ma è probabile che sia solo una questione di tempo prima che anche il vostro PC venga colpito da uno di questi problemi.

Disney+: 10 euro di sconto sul primo abbonamento annuale

Fino al giorno prima del lancio, potete risparmiare 10 euro scegliendo l’abbonamento annuale di Disney Plus. Questa offerta scade il 23 marzo e offre 12 mesi di streaming di contenuti Disney sia vecchi che nuovi. Gli sconti Disney Plus non saranno così frequenti, quindi agite velocemente e approfittatene.Vedi offerta

(Image credit: Shutterstock)

Cosa si può fare? 

Che cosa si può fare? La disattivazione degli aggiornamenti di Windows 10 è una soluzione efficace, anche se solo a breve termine. Significa che potete mettere in pausa gli aggiornamenti del sistema operativo, attendere eventuali segnalazioni di problemi (seguendo il track record di Microsoft) e quindi decidere successivamente se installare o meno l’aggiornamento.

Abbiamo già spiegato come interrompere un aggiornamento di Windows 10. Tuttavia, mettere in pausa gli aggiornamenti del sistema operativo dovrebbe essere un’azione solo temporanea. Il più delle volte questi aggiornamenti includono importanti patch di sicurezza, quindi avere un sistema operativo non aggiornato all’ultima versione per troppo tempo potrebbe essere pericoloso.

A questo punto, forse è arrivato il momento di fare un cambiamento più drastico e di lasciarsi Windows 10 alle spalle.

(Image credit: Future)

Linux è la risposta? 

Uno dei modi più semplici per abbandonare Windows 10 è prendere un nuovo MacBook o Mac, che esegue macOS, o un Chromebook, che esegue Chrome OS.

Questa, ovviamente, è una soluzione costosa. Tuttavia, se volete mantenere il vostro PC o notebook perfettamente funzionante, dovrete allontanarvi da Windows e considerare seriamente Linux.

Linux è un sistema operativo open source ed è incredibilmente popolare. Il download e l’installazione sono gratuiti (tranne che per alcune versioni per utenti aziendali) e funziona su qualsiasi PC in grado di eseguire Windows 10. In effetti, essendo più leggero di Windows 10 dovreste notare addirittura una maggiore fluidità.

Linux è disponibile in un'ampia varietà di formati e versioni, chiamate distribuzioni o distro, che sono rivolte a persone diverse. Ci sono distro per esperti di Linux, così come versioni per principianti realizzate per funzionare su un hardware vecchio e poco potente.

Linux, Ubuntu e Mint sono le distro da tenere in considerazioni, in quanto sono estremamente facili da usare. Mint, in particolare, è buona per i migranti di Windows, in quanto ha un'interfaccia utente molto simile a Windows 10, quindi vi sentirete come a casa.

Grazie alla popolarità di Linux, molti programmi (e un numero crescente di giochi) che utilizzate in Windows 10 saranno compatibili con Linux. Nel caso non fossero compatibili, ci sono molte alternative valide. Microsoft Office non funziona su Linux, ma LibreOffice è un'ottima alternativa gratuita.

Esistono anche soluzioni come WINE (Wine Is Not an Emulator) che consentono di eseguire app di Windows 10 su Linux.

Quindi, ci sono molti motivi per passare a Linux se Windows 10 vi sta creando problemi. Cambiare sistema operativo può risultare fastidioso, ma se Microsoft continua a creare problemi in Windows 10, è solo questione di tempo prima che molte persone decidano di abbandonarlo. Questo sarebbe un incentivo che potrebbe spingere Microsoft a impegnarsi con più dedizione per risolvere i problemi causati.