Skip to main content

Fujifilm GFX100S vs Sony A1: qual è la migliore fotocamera mirrorless per i professionisti?

Fujifilm GFX100S / Sony A1
(Image credit: Fujifilm / Sony)

Fujifilm GFX100S e Sony A1 sono le due fotocamere più interessanti presentate nella prima parte del 2021 e, nonostante condividano un prezzo da capogiro, hanno delle specifiche sostanzialmente diverse dato che non appartengono alla stessa categoria. 

Mentre Sony A1 (anche detta Sony Alpha 1) ha un sensore full frame, GFX100S è una medio formato equipaggiata con un sensore del 67% più grande rispetto al classico pieno formato da 35mm.  

La differenza in termini di dimensioni del sensore comporta delle asimmetrie prestazionali tra le due mirrorless, che si riflettono sul design come anche sulle funzioni video e fotografiche. 

L’unica caratteristica in comune, come anticipato, è il prezzo esorbitante rispettivamente di 6,500 Euro per Sony A1 e 5,500 euro per Fujifilm GFX100S. 

Questo articolo ha lo scopo di rispondere alla domanda: pur disponendo di somme simili, quale dovreste scegliere tra le due?

In generale, il grande sensore di Fujifilm GFX100S ha un livello di dettaglio migliore e un range dinamico superiore anche a ISO alti rispetto alla full frame Sony. Dal canto suo, Alpha A1 può registrare video in 8K e vanta ottime funzioni slo-mo, oltre a una raffica nettamente superiore. 

Nei paragrafi successivi analizzeremo diversi aspetti di queste due fotocamere per decretare i punti di forza di ciascun modello e dare un giudizio complessivo.

Sensore e dimensioni: Fujifilm ha fatto enormi passi in avanti

Probabilmente la full frame Sony A1 risulta più popolare rispetto a GFX100S, ma la medio formato Fujifilm ha delle caratteristiche che la rendono unica nel suo segmento.

Di norma infatti, questa tipologia di fotocamere è caratterizzata da dimensioni decisamente superiori rispetto alle classiche full frame. Avere la possibilità di portarsi dietro una medio formato per una sessione fotografica cittadina è qualcosa che, fino a poco tempo fa, risultava utopico.

Fujifilm GFX100S / Sony A1

(Image credit: Fujifilm / Sony)

Date le differenze in termini di hardware, GFX100S è ovviamente più grande di Sony Alpha 1, anche se di poco. La medio formato Fujifilm misura 87.2mm di spessore e 150mm di larghezza, mentre Sony A1 misura rispettivamente 80.8mm e 128.9mm. Anche l’altezza è sensibilmente maggiore con 104mm per GFX100S contro i 96.9mm di Alpha 1.

Per apprezzare a pieno gli sforzi di Fuji basta far riferimento alla precedente Fujfilm GFX100, spessa 102.9mm e alta 163.6mm (anche se include un battery pack integrato e un enorme mirino EVF).

Per alcuni fotografi il sensore più grande di GFX100S potrebbe giustificare le maggiori dimensioni . Questo ha una superficie di raccolta della luce pari a 43.8 x 32.9mm contro i 35.9 x 24.0mm di Alpha 1. 

Qui sotto potete osservare un diagramma comparativo dei due sensori: 

Fujifilm GFX100s / Sony A1

(Image credit: Future)

Alcuni potrebbero essere particolarmente interessati ai megapixel. In questo caso Fujifilm GFX100S ha 102MP, il doppio rispetto ai 50.5MP di Sony A1. Una risoluzione così elevata può tornare particolarmente utile quando si scatta a ISO bassi con la fotocamera montata sul treppiede. 

Del resto il sensore più grande, almeno in teoria, dovrebbe permettere alla medio formato di Fuji di mantenere un livello di dettagli e un range dinamico migliore rispetto a Sony A1, anche a ISO alti. 

GFX100S potrebbe essere una buona opzione per la street photography notturna, sempre che si abbiano dalle mani grandi e una buona resistenza visto che peso e dimensioni, per molti, potrebbero risultare proibitive.

Fujifilm GFX100S pesa ben 900g senza lente contro i 737 grammi di Sony A1 che, pur non essendo una piuma, rimane in un range di peso accettabile se abbinata a una lente prima come un classico 50mm. 

Al contrario la mirrorless Fuji, pur non essendo molto più grande dimensionalmente, potrebbe risultare pesante da usare a mano libera per un’intera sessione fotografica.

Display e EVF: Fuji vince sullo schermo, Sony ha un EVF migliore 

Il display touch di Fujifilm GFX100S è piuttosto flessibile e si può orientare in tre direzioni. Nello specifico può essere ruotato di 90 gradi verso l’alto, di 45 gradi verso il basso e di 60 gradi verso destra.

Di contro il display di Sony A1 sembra un po’ antiquato e può muoversi solo in due direzioni, ovvero verso l’alto o verso il basso. Probabilmente questa scelta deriva dal fatto che la full frame Sony, nonostante le ottime funzioni video di cui dispone, è pensata principalmente per la fotografia.

La risoluzione del display di Fujifilm GFX100S è più alta con 2.36 milioni di punti (1024 x 768 pixels) distribuiti su una superficie da 3.2 pollici. Sony A1 ha un display leggermente più piccolo da 3 pollici con una risoluzione da 1.44 milioni di punti (800 x 600 pixels), valore piuttosto ridotto considerando che si tratta di una fotocamera da circa 6000 Euro.

Fujifilm GFX100S / Sony A1

(Image credit: Fujifilm / Sony)

Del resto Sony si è concentrata maggiormente sull’incredibile mirino elettronico (EVF) presente su Alpha 1. Si tratta di un pannello OLED da 0.64 pollici con un fattore di ingrandimento di 0.9x e una risoluzione di ben 9.4 milioni di punti (2048 × 1536).

Il mirino EVF della medio formato Fujifilm rientra negli standard con un fattore di ingrandimento di 0.77x e una risoluzione da 3.69 milioni di punti o 1280 x 960 pixel. 

Fuji recupera qualche punto grazie al comodissimo display supplementare presente sulla calotta superiore della fotocamera. Si tratta di uno schermo OLED monocromo utile per verificare modalità di scatto e stato della fotocamera, caratterizzato da un’ottima visibilità in qualsiasi condizione di luce. 

Di norma i display di questo tipo fanno affidamento sulla luce naturale e sono molto apprezzati dai fotografi professionisti, tanto che Fujifilm ha posto particolare attenzione in quest’ambito già con la precedente serie GFX.

Scatti in sequenza: Sony vince a mani basse 

Fujifilm GFX100S è una fotocamera che impressiona sotto diversi punti di vista, ma essendo un medio formato presenta dei limiti, uno dei quali è costituito dagli scatti a raffica.

La velocità massima corrisponde a 5fps e il buffer raggiunge il limite dopo 42 JPEG e 16 raw. Questo significa che, scattando in raw, si può usare la raffica per un massimo di 3 secondi.  

Sony A1 riesce a scattare fino a 30fps in formato compresso e 10fps utilizzando l’otturatore meccanico. Il buffer riesce a elaborare 238 scatti raw consecutivi o 192 raw+JPEG. Per la fotografia sportiva, Sony è decisamente la scelta giusta.

Autofocus: Sony A1 ha un AF migliore 

Il vantaggio di Sony in termini di velocità si riflette anche sulla messa a fuoco. La linea Alpha 7 è conosciuta per le ottime caratteristiche del sistema AF, che su Sony A1 da il meglio di sé migliorando ulteriormente le funzioni di tracciamento del volto e degli occhi.

Si tratta di un sistema di messa a fuoco molto affidabile studiato per la fotografia sportiva che, abbinato all’ottima raffica, rende A1 una delle migliori mirrorless full frame per la fotografia d’azione.

Sony A1 / Fujifilm GFX100S

Sony A1 AF (top) vs Fujifilm GFX100S AF (bottom) (Image credit: Sony / Fujifilm)

Volete i dati? Alpha A1 ha un sistema di rilevamento di fase da 759 punti che copre il 93% dell'inquadratura.

Fujifilm GFX100S ha un sistema di messa a fuoco automatica molto simile a quello delle sorelle minori della serie T, anche se utilizzando un sistema di rilevamento di fase basato sui pixel del sensore risulta nettamente superiore vista l’elevata risoluzione della medio formato. GFX100S può far affidamento su 425 punti di rilevamento di fase e sulle funzioni eye e face-detection.

Detto questo le prestazioni AF di Fujifilm GFX100S sono eccellenti dato che stiamo parlando di una medio formato. Ovviamente non sarebbe realistico metterla a paragone con una full frame concepita appositamente per i fotografi specializzati in sport e fotografia d’azione.

Video: Sony A1 è su un altro livello 

Fujifilm GFX100S, ovviamente, non riesce a tenere il passo in quanto a specifiche video.

Sony A1 è all’apice della sua categoria in quanto a specifiche video e può registrare in 8K/30 e 4K/60p oltre a produrre slo-mo in 4K a 120fps. Si tratta di specifiche rarissime anche tra le full-frame alle quali si aggiunge un’uscita HDMI in grado di trasmettere un segnale in uscita da 16-bit con risoluzione 4K.

Le modalità video di Fujifilm GFX100S sono più ordinarie. Può filmare in 4K ma solo fino a 30fps. La modalità 1080p raggiunge un massimo di 60fps, e non c’è alcuna funzione slo-mo.

Fujifilm GFX100S / Sony A1

(Image credit: Fujifilm / Sony)

Fujifilm GFX100S non è concepita per le riprese, ma questo non le impedisce di produrre filmati di buona qualità. Può effettuare riprese in 4K con sottocampionamento 4:2:0, è dotata di uno stabilizzatore d’immagine (IBIS) che permette di guadagnare fino a sei stop di esposizione. Tra le funzioni è presente anche un profilo F-log e la modalità di ripresa RAW 4:2:2/12-bit che si può utilizzare collegando la fotocamera a un registratore esterno.

Certo, non ha senso comprare Fujifilm GFX100S se volete utilizzarla principalmente per le riprese, ma le sue doti in quest'ambito sono di gran lunga sopra la media rispetto a molte medio formato. Nel complesso la possibilità di girare video 4K per più di due ore e la risoluzione elevata consentono a GFX100S di ottenere immagini di qualità professionale, sempre che non vi serva slo-mo.

Batteria: autonomia simile, ma Sony la spunta anche stavolta 

Nessuna delle due fotocamere dispone di un battery grip integrato, quindi è improbabile che la batteria vi basti per una giornata di riprese o di foto. Ciononostante, l’autonomia è piuttosto valida per entrambe.

Stando agli standard CIPA (che di norma giocano leggermente al ribasso), Fujifilm GFX100S può scattare 460 foto e registrare video in 4K per 95 minuti, che diventano 110 se si sceglie la risoluzione 1080p. Sony A1 riesce a fare leggermente meglio con 530 scatti (430 se si usa il mirino EVF), e fino a 150 minuti di riprese.

Le capacità delle due batterie, ovvero Sony NP-FZ100 e Fujifilm NP-W235, sono praticamente identiche con valori che si attestano rispettivamente a 16.4Wh e 16Wh, quindi in termini di autonomia non c’è molta differenza.

Fujifilm GFX100S / Sony A1

(Image credit: Fujifilm / Sony)

Connettività: Sony si rivolge ai professionisti 

Entrambe le fotocamere hanno un’ottima connettività. Tra le caratteristiche in comune troviamo due ingressi da 3.5mm per cuffie e microfono e una porta USB-C. 

Per il resto, ci sono parecchie differenze. Fuji GFX100S ha solo una porta micro HDMI, di norma più soggetta a rotture rispetto all’HDMI a formato pieno presente su Sony A1.

La medio formato di Fuji ha anche un ingresso da 2.5mm per lo scatto da remoto, mentre Sony dispone di un multi connettore microUSB che si può utilizzare per abbinarle un telecomando e altri accessori.

Sony A1 dispone della tecnologia Bluetooth 5.0, decisamente migliore del Bluetooth 4.2 di Fuji GFX100S oltre che di una porta Ethernet standard, molto utile per  full-size Ethernet port on the Sony, molto utile per trasferire i file in alcuni scenari, anche se nella gran parte dei casi l’USB-C è più che sufficiente.

Fujifilm GFX100S / Sony A1

(Image credit: Fujifilm / Sony)

Quale scegliere? 

Non si possono avere dubbi tra Fujifilm GFX100S o Sony A1, in quanto sono due fotocamere radicalmente diverse.

Fujifilm GFX100S è una delle medio formato più accessibili e versatili che siano mai state prodotte, ideale per i paesaggisti e per gli esperti di fotografia still life, ma meno adatta per gli sport d’azione. Il suo corpo macchina è relativamente piccolo, ha un ottimo sistema IBIS e un autofocus che tiene il passo con molte mirrorless di fascia alta.

Sony A1 non ha la stessa risoluzione e non dispone di una gamma dinamica o delle prestazioni ISO equivalenti alla medio formato Fuji. Di contro ha un AF superiore, una raffica di un altro livello e delle specifiche video nettamente migliori.

Nel complesso Sony A1 è più versatile, ma se volete scattare foto a soggetti statici o che si muovono a velocità inferiori ai 50km/h, Fujifilm GFX100S ha qualcosa in più da offrire.

Andrew Williams

Andrew is a freelance journalist and has been writing and editing for some of the UK's top tech and lifestyle publications including TrustedReviews, Stuff, T3, TechRadar, Lifehacker and others.