Skip to main content

Samsung ISOCELL GN2, il nuovo sensore da 50MP per gli smartphone di fascia alta

Samsung Galaxy Note 20 Ultra
(Image credit: Aakash Jhaveri)

Samsung ha presentato ISOCELL GN2. un nuovo sensore dedicato alle fotocamere degli smartphone di fascia alta che introduce una serie di interessanti novità rispetto al precedente ISOCELL GN1 lanciato a maggio 2020.

Come il suo predecessore, ISOCELL GN2 ha mantenuto una risoluzione da 50MP, ma presenta dei miglioramenti che gli permettono di produrre scatti di livello superiore.

Samsung afferma che tra questi ci siano la possibilità di produrre immagini da 100MP, un sistema di messa a fuoco automatica migliorato che fa uso della tecnologia Dual Pixel Pro e nuove funzioni HDR che consentono di ottenere fotografie con colori più vividi grazie alla funzione Smart ISO Pro, molto utile anche in notturna.

Per foto più vivide

Le dimensioni del sensore GN2 sono di 1/1.12, sensibilmente maggiori rispetto ai 1/1.31 pollici del precedente GN1 e persino del cugino HM2 da 108MP. Questa caratteristica gli consente di scattare foto da 50MP con pixel da 1.4μm. Ma come si riflette questo dato sulla realtà?

Nelle scene con scarsa illuminazione, GN2 è capace di simulare dei pixel più grandi (da 2.8 pollici) sfruttando la tecnologia pixel binning 4-in-1, grazie alla quale riesce ad assorbire più luce restituendo immagini luminose e dettagliate. In questa modalità le fotografie vengono scattate a una risoluzione di 12.5MP. 

In termini di post-processing, GN2 offre un'opzione per scattare foto da 100MP. Il sensore regola automaticamente i pixel di colore utilizzando un algoritmo chiamato re-mosaic, che crea tre fotogrammi distinti da 50MP in verde, blu e rosso. Questi vengono poi scalati e fusi per produrre una singola immagine da 100MP. 

GN2 è anche il primo sensore Samsung con Dual Pixel Pro, la soluzione PDAF (Messa a fuoco automatica con rilevamento di fase) più avanzata di cui dispone l'azienda. Dual Pixel Pro distribuisce due fotodiodi all'interno di ogni pixel del sensore utilizzando 100 milioni di agenti rilevatori di fase per ottenere una messa a fuoco automatica ultra veloce.

Samsung ISOCELL GN2

(Image credit: Samsung)

Consumi ridotti

Gli scatti High Dynamic Range (HDR) potranno contare sul cosiddetto staggered-HDR (HDR sfalsato), una tecnologia che usa il rolling shutter su dei gruppi di pixel per acquisire fotogrammi multipli nelle brevi, medie e lunghe esposizioni. Samsung afferma che grazie a questa implementazione si possano ottenere colori vividi e dettagliati con alte luci bilanciate e ombre definite, e che la suddetta tecnologia sia in grado di ridurre i consumi del 24% rispetto al classico HDR.

In sostanza, lo staggered-HDR migliora i dettagli e rende i colori più vividi consumando meno energia.

Infine il sensore Samsung ISOCELL GN2 dispone delle funzioni Smart ISO e Smart ISO Pro. Mentre Smart ISO imposta gli ISO in base alla luce dell'ambiente circostante, Smart ISO Pro applica un sistema di conversione detto iDCG (intra dual conversion gain) che bilancia gli ISO alti e bassi per creare delle immagini con un range dinamico elevato, riducendo al contempo gli artefatti tipici delle foto HDR. Smart ISO Pro può anche catturare e processare fotogrammi multipli a ISO elevati. 

In termini di funzioni video, il sensore consente di effettuare riprese 4K fino a 120fps e Full HD da 480fps. 

Xiaomi sarà il primo a utilizzare il sensore GN2?

See more

Samsung afferma che ISOCELL GN2 sia già in fase di produzione. Stando alle dichiarazioni di Ice Universe su Twitter, l'ormai prossimo Xiaomi Mi 11 Ultra potrebbe essere il primo smartphone equipaggiato con il nuovo sensore GN2. 

Lo scorso anno, GN1 era presente solo su pochi smartphone tra cui Vivo X50 Pro Plus, un modello disponibile solo sul mercato Cinese.