Skip to main content

Android 12: disponibile la terza anteprima per gli sviluppatori

Android 12
(Image credit: Future)

Google ha appena rilasciato la terza versione di Android 12 per gli sviluppatori con la quale vengono introdotte nuove funzioni che includono nuovi comandi touch, un sistema di notifiche che privilegia le chiamate perse e molto altro.

La terza developer preview di Android 12 introduce anche un nuovo sistema di avvio delle app, che ora mostrano una schermata splash con il logo dell'applicazione prima della schermata iniziale.

Google parla di “un'esperienza più coerente e piacevole”, e aggiunge che gli sviluppatori potranno personalizzare la schermata d'avvio a loro piacimento, quindi non saranno vincolati ad utilizzare l'icona predefinita associata alle applicazioni.

Novità per gaming e fotografia

Tra le novità ci sono anche delle migliorie che riguardano il feedback aptico (le vibrazioni emesse dal telefono quando riceve un input). L'introduzione di nuovi strumenti ed effetti consentirà agli sviluppatori di ampliare l'esperienza d'uso di varie applicazioni, e in particolare dei giochi.

Arriva anche il supporto per il pixel binning per le app di terze parti. Questo vuol dire che, se possedete uno cameraphone in grado di sfruttare questa funzione, potrete utilizzarla anche con applicazioni non preinstallate dal produttore. 

L'ultima versione di Android 12 per gli sviluppatori introduce anche un nuovo sistema di notifiche per le chiamate, che da ora verranno mostrate in cima alla lista per essere più visibili e saranno prioritarie rispetto alle altre notifiche. Ci sono dei miglioramenti che riguardano l'autonomia e le prestazioni, ma se volete saperne di più vi consigliamo di dare un occhiata al post pubblicato da Google sul blog ufficiale Android.

In ogni caso, se le funzioni vi hanno incuriosito e non vedete l'ora di provarle, potrete farlo con la prima beta pubblica di Android 12, che dovrebbe arrivare in occasione dell'evento Google IO 2021 che si terrà tra il 18 e il 20 maggio prossimo.

Fonte: TechCrunch