Skip to main content

Le CPU Intel Arrow Lake potrebbero rivoluzionare i portatili da gaming

Intel Logo
(Image credit: Shutterstock / Alexander Tolstykh)

I processori mobile Intel di 15a generazione, nome in codice Arrow Lake, potrebbero offrire un grande salto nelle prestazioni grafiche dei PC portatili, almeno stando alle indiscrezioni. Le CPU Arrow Lake dovrebbero uscire successivamente ai chip Meteor Lake prodotti a 7 nm.

Quanto scritto riguarda indiscrezioni, quindi prendete tutto con le pinze. Considerato che l’uscita di Arrow Lake è prevista per il 2023/2024, la roadmap di Intel potrebbe anche cambiare. 

In precedenza avevamo anche sentito parlare dei chip Lunar Lake, che dovrebbero uscire dopo Meteor Lake, ma in realtà sono i successori dei presunti Arrow Lake.

Si vocifera che i chip Arrow Lake-S (chip desktop) potrebbero disporre di un massimo di 8 core ad alte prestazioni, come i chip Alder Lake-S, e, udite udite, fino a 32 core a risparmio energetico. Che dire, a primo impatto è difficile credere a questi numeri. L'indiscrezione proviene dal canale Youtube AdoredTV. Arrow Lake-P, al contrario, (la P identifica i processori mobile da 45 W) sarà presumibilmente dotato di un massimo di 6 core "Lion Cove" ad alte prestazioni e di 8 core "Skymont" a risparmio energetico. 

Questi dati sono meno avvincenti, ma sono anche più credibili (questa è la stessa configurazione del presunto top di gamma Alder Lake-P, stando alle voci). In realtà, la parte interessante non riguarda tanto la CPU, bensì la GPU integrata (iGPU): pare che quella di Arrow Lake-P sarà dotata di un massimo di 320 EU (Execution Unit). A confronto, l’iGPU del processore Tiger Lake top di gamma vanta 96 EU, circa 3,33 volte meno. 


Analisi: nel futuro ci saranno più notebook da gaming economici?

La grafica integrata delle CPU Tiger Lake può gestire bene i titoli in 1080p, ma non la definiremmo adeguata per il gaming (a meno che non si giochi a titoli molto vecchi). Arrow Lake potrebbe offrire prestazioni quattro volte superiori (considerato il plausibile aumento dell’IPC), il che permetterebbe di giocare a qualsiasi titolo in Full HD senza problemi. In teoria, una GPU simile potrebbe essere al livello di una AMD Radeon RX 6600 XT, ma non dimentichiamo che parte delle prestazioni dipenderanno anche dalla quantità e dalla velocità della RAM di sistema. 

Il sogno di consumatori e produttori è un notebook con GPU integrata in grado di riprodurre titoli a 1080p senza problemi e con un prezzo basso. I produttori sarebbero felici poiché non dovrebbero metter mano alla scocca del laptop, né studiare soluzioni di raffreddamento costose e che il più delle volte non sono nemmeno sufficienti, e i consumatori potrebbero giocare senza spendere una fortuna. 

Forse, tra qualche anno potremo acquistare portatili da 600-700 euro e usarli anche per giocare.

Via PC Gamer