Skip to main content

Intel Core i9-11900K non sarà il massimo, ma almeno grazie ai Rocket Lake avremo degli SSD più veloci

Intel Core i9-11900K review
(Image credit: Future)

Intel ha presentato la sua undicesima generazione di processori Rocket Lake che, pur non sorprendendo per prestazioni (Intel Core i9-11900K è più lento di Intel core i9-10900K in diversi test) porteranno notevoli benefici nel mondo dei PC desktop.

Uno su tutti riguarda gli SSD. Con i processori Rocket Lake, Intel ha introdotto il supporto per la tecnologia PCIe 4.0 sulle sue CPU desktop, il che significa che entrambe le attuali generazioni di processori consumer dispongono di questa opzione. 

Potendo contare su una base più ampia di CPU con supporto PCIe 4.0, molti produttori concentreranno i loro sforzi nella produzione di SSD più veloci.

I benefici non riguarderanno solo chi gioca da PC. Una delle principali ragioni per le quali PS5 non supporta SSD espandibili è la scarsità di prodotti in grado di saturare la connessione. Per fortuna, la situazione sembra destinata a mutare nel prossimo futuro.

Intel Core i9-10900K

(Image credit: Future)

La scintilla che mancava

Gli SSD PCIe 4.0 sono in commercio da circa due anni, ma fino all'arrivo di Samsung 980 Pro risalente a settembre 2020, le velocità di lettura si aggiravano sui 5,000MB/s, valore ben al di sotto del reale potenziale di queste untià.

Dato che la tecnologia era supportata solo dalla piattaforma AMD, non c'erano i presupposti per spingere verso la produzione di SSD super veloci da proporre all'utente medio. Come segnala PCGamer, i processori Rocket Lake sono la spinta di cui molti produttori avevano bisogno, e siamo certi che a breve vedremo le prime unità consumer in grado di toccare i 7,500MB/s. 

Anche se il suddetto valore rimane inferiore rispetto alle reali potenzialità dell'interfaccia PCIe 4.0, rappresenta comunque un notevole passo in avanti. Nei prossimi due anni potremmo persino vedere i primi SSD commerciali in grado di raggiungere i 7,880MB/s. Oltre a raggiungere velocità elevate, queste unità dovrebbero diventare molto più accessibili, dato che al momento costano ancora molto. 

Inoltre, con una maggiore diffusione di SSD PCIe 4.0, gli SSD PCIe 3.0 NVMe e SATA SSD costeranno ancora meno. Ci aspettiamo che nel corso del 2021 il mercato venga invaso da un gran numero di SSD veloci e che il prossimo arrivo della tecnologia PCIe 5.0 alimenti ulteriormente questo cambio di passo.

Samsung 980 Pro on top of the Hocus Pocus Blu-Ray

(Image credit: Future)