Skip to main content

Come utilizzare una fotocamera DSLR o mirrorless come webcam

Migliorate la webcam con questi consigli pratici

How to use Nikon camera as webcam
(Image: © Nikon)

Lavorare da casa è diventato la nuova norma per la maggior parte delle persone, dal momento che numerose sale riunioni sono state sostituite con programmi per videoconferenze come Zoom, Hangouts o Skype. Se la webcam integrata del vostro notebook è di scarsa qualità, forse vi starete chiedendo come utilizzare la vostra reflex digitale o mirrorless come webcam. Non preoccupatevi se non sapete da dove cominciare, siamo qui per mostrarvi come si fa.

Potete acquistare una webcam di terze parti, ovviamente, ma ci sono due problemi. Molte delle migliori webcam non sono disponibili a causa del forte aumento di richiesta degli ultimi mesi. Inoltre, numerosi modelli non possono eguagliare la qualità professionale o la risoluzione di una reflex digitale o mirrorless.

L'uso di una DSLR o mirrorless come webcam non è semplice come collegare la fotocamera al notebook ma, in caso vi troviate negli Stati Uniti, Canon offre un software adatto a questa situazione. Potete decidere se usare il cavo USB o HDMI.

Il software Canon (che si chiama EOS Webcam Utility Beta) sottolinea che ci possono essere piccole differenze a seconda del tipo di fotocamera che avete (Canon, Nikon, Sony). Per fare chiarezza abbiamo contattato ogni produttore affinché ci desse indicazioni e suggerimenti relativi alle proprie telecamere.

Potete passare direttamente alla sezione desiderata tramite il menu che trovate qui sopra, ma prima cerchiamo di capire come usare la vostra fotocamera come webcam.

Utilizzare la fotocamera come webcam: l'approccio di base

È possibile usare la fotocamera come webcam tramite USB senza hardware aggiuntivo, ma il supporto software non è garantito e la qualità video sarà inferiore rispetto all’HDMI. 

Tuttavia, se avete bisogno di una webcam solo per riunioni virtuali, vale la pena prendere in considerazione SparkoCam (solo Windows), Ecamm Live (solo Mac) o vMix (Windows / Mac), dei software con i quali potrete verificare se la vostra fotocamera viene supportata e scoprire se il software funziona bene con l'app di videoconferenza scelta. 

Ecamm Live DSLR webcam

(Image credit: Ecamm)

Le app sopra menzionate sono a pagamento dopo un periodo di prova gratuita, ma una volta scaricato il software dovrebbe essere semplice impostare la fotocamera come input. In Skype, ad esempio, basterà andare in Opzioni, quindi Impostazioni video e cliccare su "seleziona webcam".

Canon ha rilasciato il proprio software gratuito per l'utilizzo della fotocamera come webcam tramite USB, ma è disponibile solo negli Stati Uniti in questo momento. Abbiamo comunque incluso la guida in una sezione separata in questa pagina sperando che in un secondo momento l'azienda decida di diffondere il software in altri paesi.

Utilizzo della fotocamera come webcam: la configurazione HDMI

Il metodo migliore che assicura la più alta qualità è utilizzare l'uscita HDMI della fotocamera, sebbene sia possibile sfruttare la porta USB come spiegato in precedenza. 

Per fare questo, avrete bisogno di tre ingredienti principali:

  • Una scheda di acquisizione video 
  • Cavi HDMI e USB 
  • Software di registrazione (opzionale) 

Per ottenere la migliore qualità video e audio, potete includere un microfono esterno, un treppiede e un kit luci. In questa sezione ci concentreremo sulle basi necessarie per far funzionare la vostra DSLR o mirrorless come webcam.

Prima di iniziare, vale la pena notare che la vostra fotocamera ha bisogno sia di un'uscita HDMI, sia della capacità di emettere un segnale HDMI "pulito", ovvero non deve presentare sovrapposizioni grafiche come la frequenza di fotogrammi e la modalità autofocus. Su numerose fotocamere, potete rimuoverle nelle impostazioni o premendo il pulsante “info” o “display” sul retro della fotocamera.

Pronti per iniziare? Ecco come realizzare la vostra configurazione.

Elgato HD60 S+

(Image credit: Elgato)

1) Procuratevi un dispositivo di acquisizione video 

Se usate l’HDMI, avrete bisogno di una scheda di acquisizione video che supporti UVC (o USB Video Class). Questo è lo stesso protocollo che consente alle webcam di lavorare con app come Zoom e Skype.

Sfortunatamente, questi dispositivi sono molto richiesti in questo momento ed è possibile che non siano disponibili. Elgato Cam Link 4K è la scelta migliore, ma è difficile da trovare, dal momento che l’azienda ha dichiarato che la richiesta per questo prodotto è più alta del previsto.

Se non riuscite a procurarvela, vale la pena considerare alternative come Elgato HD60 S +, Magewell USB Capture HDMI di seconda generazione e Mirabox Capture Card. Ecco alcune delle migliori offerte disponibili in questo momento.

2) Come collegare la vostra fotocamera

La scheda di acquisizione va collegata alla fotocamera e al notebook usando un cavo HDMI (potrebbe essere necessario un adattatore HDMI-Micro-HDMI) e un cavo USB. Questi, di solito, sono inclusi con la scheda di acquisizione, quindi vale la pena verificare la loro presenza per evitare di spendere soldi inutilmente.

Collegate l'uscita HDMI della fotocamera all'ingresso HDMI sulla scheda di acquisizione e quest'ultima al notebook tramite USB. Controllate il manuale del vostro dispositivo di acquisizione video per vedere se avete bisogno di driver aggiuntivi. A questo punto sarete pronti per il passaggio successivo.

How to use a Nikon camera as a webcam

(Image credit: Nikon)

3) Installazione software

Se desiderate usare la fotocamera come webcam solo per riunioni di gruppo, non dovreste installare nessun software aggiuntivo. Il vostro notebook dovrebbe riconoscere la fotocamera come webcam e renderla disponibile come opzione nell'app di videoconferenza, a prescindere che stiate usando un computer macOS o Windows.

Se desiderate modificare le vostre impostazioni o aggiungere effetti, potete usare OBS (Open Broadcaster Software), consigliato da Nikon per le sue fotocamere. OBS è un'app gratuita e open source per Windows, Mac e Linux, e include funzioni avanzate come un mixer audio. Due valide alternative a OBS sono Streamlabs e Xsplit

OBS

(Image credit: OBS)

Come utilizzare la fotocamera come webcam: suggerimenti bonus 

La nostra guida ha lo scopo di spiegare come usare la fotocamera come webcam, ma ci sono anche diverse sfumature a seconda del modello di cui si dispone.

Abbiamo chiesto a tutti i principali produttori di fotocamere se potevano offrirci altri suggerimenti. Sony e Fujifilm non potevano indicarci nulla oltre i suggerimenti già riportati, ma Canon e Nikon hanno reso disponibili diverse nuove informazioni che potete trovare di seguito. 

Per quanto riguarda Canon, l’azienda mette a disposizione il software EOS Utility Webcam Beta, ma è disponibile solo negli Stati Uniti, quindi faremo riferimento alla guida illustrataci gentilmente da Nikon.

Ci siamo rivolti a Nikon per ulteriori consigli su come utilizzare le sue fotocamere come webcam e ci ha gentilmente offerto diversi consigli provenienti da Neil Freeman, responsabile della formazione presso la Nikon School.

Questi suggerimenti sono ottimi per mettere a punto la vostra fotocamera Nikon e utilizzarla come una webcam di alta qualità: Neil consiglia di scegliere un'impostazione video 4K, anche se vale la pena controllare che il vostro computer o notebook abbia la potenza necessaria per gestire l'elaborazione.

Dopo aver scelto la qualità video (e spento il microfono della fotocamera, qualora abbiate un microfono esterno), Neil Freeman suggerisce di settare la vostra fotocamera in modalità manuale e fare quanto segue.

How to use a Nikon camera as webcam

(Image credit: Nikon)

I consigli di Neil Freeman

Neil ci ha parlato di come impostare la fotocamera per ottenere una ripresa di qualità: "Scegliete un valore 'f' basso per una buona separazione tra voi e lo sfondo. Un'apertura di f / 2.8 o f / 4 sarebbe l'ideale in questo caso.

"Impostate l’ISO su 64 o 100 a seconda delle impostazioni native della vostra fotocamera o attivate Auto ISO. La velocità dell'otturatore dipenderà da dove vi trovate, ma dovrebbe essere impostata su 1/50 o 1/60 al secondo. I timer di accensione o spegnimento impostati sulla fotocamera dovrebbero essere tutti disattivati. Mettete a fuoco usando la messa a fuoco manuale o il rilevamento del viso, se la vostra fotocamera ha questa funzione".

La scelta di un obiettivo 

Come suggerisce Neil: "Questo dipenderà dallo spazio che avete a disposizione e dall'aspetto che desiderate nella vostra trasmissione. Suggerirei di iniziare con un 24-70mm f / 2.8 o f / 4 per darvi flessibilità con la composizione e l'inquadratura dell'immagine. 

"Potreste anche prendere in considerazione un 35mm o 50mm f / 1.8, ma dovrete essere molto precisi con la messa a fuoco se li usate con un’apertura elevata. Inoltre, dovete pensare all'inquadratura dell'immagine”.

Scegliere una scheda di acquisizione 

Per quanto riguarda la scheda d'acquisizione, Neil consiglia di usare Elgato Cam Link 4K, come suggerito anche da noi.

“Se non riuscite a trovarne una, ci sono buone alternative. Ho usato sia Elgato Cam Link 4K che Elgato HD60 S + e funzionano bene con la mia Z7”.

Per quanto riguarda la connessione, Neil raccomanda cavi Magewell USB Capture HDMI di seconda generazione o Mirabox Capture Card, qualora non riusciste a trovare i primi menzionati.

Installazione software 

Neil usa OBS per le sue dirette streaming, sebbene esistano alternative come Xsplit e Streamlabs.

"Sto usando OBS (Open Broadcaster Software) per elaborare il feed video dalla fotocamera. OBS è un software potente che permette di fare numerose cose interessanti come lo sfondo verde”.

Effetti sonori 

Non ha molto senso concentrarsi sulla qualità video e rimanere delusi dall’audio.

La configurazione di Neil include un microfono Yeti USB, il cui segnale audio viene inviato al software OBS per essere sincronizzato con il segnale video.

Impostazione luci

La qualità video di una DSLR o mirrorless può essere eccezionale, ma per dare il meglio necessita di un'illuminazione adatta. Neil ha diversi suggerimenti per migliorare l'illuminazione, qualora vogliate avere una qualità professionale adatta a YouTube e Twitch:

"Una luce frontale è essenziale. Un pannello di luce a LED con un diffusore funziona bene in questa situazione. Assicuratevi solo che la fonte di luce sia abbastanza grande rispetto a voi per garantire che non ci siano ombre.

Potreste anche usare una seconda luce sullo sfondo, poiché questo aggiungerà ulteriore profondità all'immagine. Se nell'immagine sono ancora presenti ombre o aree scure, è possibile usare un lampo con una piccola luce di riempimento aggiuntiva”.