Skip to main content

Intel sta preparando un nuovo modo più economico per alimentare i PC

Corsair PSU
(Image credit: Corsair)

Intel ha ridisegnato gli alimentatori per PC (PSU) per renderli più efficienti, per non dire più convenienti, riducendo al contempo i cavi e i connettori per rendere gli interni del computer più ordinati.

Sembra un'ottima idea, vero? Bene, potrebbe però non essere così semplice nella pratica, ma certamente l'intenzione è ammirevole e ci sono molti potenziali benefici come menzionato.

Il nuovo tipo di PSU di Intel utilizza le specifiche ATX12VO, che utilizzano solo un singolo circuito a 12V rispetto ai circuiti multipli presenti negli attuali alimentatori di PC.

Il sito PC World sottolinea che gli attuali alimentatori vengono utilizzati per la maggior parte del tempo a 12V, mentre i restanti circuiti (3.3V e 5V) vengono usati molto poco.

Tuttavia, gli altri circuiti non verranno abbandonati del tutto, poiché sono ancora necessari per alimentare SSD e porte USB, ma si troveranno sulla scheda madre anziché sull'alimentatore.

Intel ha osservato che si tratta di un modo per migliore l’efficienza degli alimentatori. L’azienda ha dichiarato a PC World: “Gli alimentatori attuali con più circuiti ATX (5V, 3,3V, 12V, -12V, 5VSB) non sono molto efficienti quando i carichi di lavoro sono bassi o inattivi".

Questo perché tutti quei circuiti necessitano di essere alimentati con bassi flussi di corrente, limitando il  livello di efficienza tra il 50% e il 60%.

Intel aggiunge: "Convertendo un alimentatore a un singolo circuito, le perdite di conversione possono essere ridotte al minimo, raggiungendo un'efficienza fino al 75% con gli stessi livelli di carico".

Optare per un singolo circuito equivale a risparmiare sui costi perché il PC utilizzerà un po' meno elettricità nel corso del tempo, oltre al fatto che questi PSU dovrebbero essere molto più economiche da produrre e quindi molto più convenienti.

Jon Gerow, direttore di ricerca e sviluppo di Corsair, insieme a un altro produttore di alimentatori, si trova d’accordo con Intel in merito al fatto che questo non solo dovrebbe aumentare l'efficienza, ma dovrebbe anche ridurre drasticamente i costi.

Un ulteriore vantaggio sarà un cablaggio più ordinato all'interno del PC, perché il nuovo design dell'alimentatore permetterà di avere cavi più sottili e un connettore più piccolo alla scheda madre. A sostituire il gigantesco (e brutto) circuito a 24 pin che attualmente si collega alla scheda madre, ci sarà un connettore a 10 pin molto più ordinato e compatto. Inoltre, gli interni del PC meno ingombranti permettono di avere un flusso d'aria leggermente migliore.

Disney+: 10 euro di sconto sul primo abbonamento annuale

Fino al giorno prima del lancio, potete risparmiare 10 euro scegliendo l’abbonamento annuale di Disney Plus. Questa offerta scade il 23 marzo e offre 12 mesi di streaming di contenuti Disney sia vecchi che nuovi. Gli sconti Disney Plus non saranno così frequenti, quindi agite velocemente e approfittatene.Vedi offerta

Non tutto fila liscio 

Tuttavia, ci sarebbero anche brutte notizie. Lo spostamento di questi circuiti sulla scheda madre renderà potenzialmente quest’ultime più costose e potrebbero portare problemi di natura termica, qualora si utilizzi alimentatori con una potenza particolarmente elevata.

I costi iniziali delle scheda madri compatibili potrebbero essere elevati, ma questo problema quasi sicuramente si risolverà a lungo termine.

Sia i produttori di PSU che i produttori di schede madri dovranno adottare lo standard ATX12VO, poiché è richiesta la compatibilità di entrambi i componenti. Chiaramente i produttori di schede madri adotteranno le nuove specifiche se le aziende di PSU iniziassero a implementare questo nuovo modo di alimentare i PC, o viceversa.

Attualmente, sembra che l’ATX12VO sia focalizzato sui produttori di PC, che saranno in grado di incorporare l'intero sistema nei loro pre-assemblati, invece di essere disponibili sotto forma di singoli componenti per coloro che desiderano assemblare manualmente il proprio PC.

Tuttavia, con un po' di fortuna, quest'ultimo arriverà in breve tempo e le persone che assemblano il proprio PC avranno la possibilità di scegliere se installare uno dei nuovi alimentatori ATX12VO o se rimanere con gli alimentatori attuali, i quali non scompariranno.

Il colosso del chip ha dichiarato: "Intel prevede di continuare a pubblicare le specifiche ATX con circuiti multipli per mantenere la compatibilità con le attuali schede madri e alimentatori, in modo che i nostri clienti possano avere più scelte".

Avere più scelte a disposizione è ovviamente una cosa positiva, soprattutto se equivale ad avere un PC più economico e meno ingombrante.

Dovremmo vedere l’arrivo di questi nuovi alimentatori nei PC pre-assemblati degli OEM in futuro.