Skip to main content

Anteprima Xiaomi Mi 10T Pro

Xiaomi Mi 10T Pro ha ottime specifiche, ma non è all'altezza del Mi 10 Pro

Che cos'è una recensione hands-on?
Xiaomi Mi 10T Pro
(Image: © TechRadar)

Prime impressioni

Xiaomi Mi 10T Pro è uno smartphone particolare: non è chiaro a quale segmento di mercato sia destinato. Detto ciò, lo schermo, le prestazioni e la fotocamera ci hanno colpito. La batteria, seppur capiente, sembra scaricarsi velocemente.

Pro

  • Frequenza di aggiornamento da 144 Hz
  • Prestazioni
  • Comparto fotografico

Contro

  • Nessun teleobiettivo
  • La batteria sembra scaricarsi rapidamente
  • Il blocco posteriore sporge molto

È difficile posizionare Xiaomi Mi 10T Pro e più in generale la gamma 10T in considerazione degli Xiaomi Mi 10 di inizio anno. Infatti, non sono i tipici modelli di metà anno con specifiche superiori ai loro predecessori, come la gamma OnePlus T. Ricordano i modelli Reno di Oppo, poiché sembrano inserirsi nella line-up di quelli vecchi.

Xiaomi Mi 10T Pro è una versione migliorata del Mi 10T, distribuito insieme a esso a settembre 2020, ma non regge il confronto con Mi 10 o Mi 10 Pro.

Per farla breve, sono prodotti simili alla gamma Mi 10 ma con un prezzo inferiore, una sorta di tappabuchi in vista del lancio del Mi Note 11, previsto a fine anno. Alcune delle specifiche di quest’ultimo sono presenti anche nel Mi 10T Pro, ma sono stati effettuati anche dei tagli.

Forse, il punto di forza del dispositivo è il display da 144 Hz: fatta eccezione per gli smartphone da gaming, nessun top di gamma può offrire un refresh rate simile.

Per quanto concerne i tagli, Xiaomi ha eliminato il display curvo, il sensore per le impronte digitali in-display e, rispetto al Mi 10 Pro, il teleobiettivo.

Come va Xiaomi Mi 10T Pro? Abbiamo testato brevemente il dispositivo e redatto un breve pezzo con le nostre prime impressioni. Per informazioni su Mi 10T e Mi 10T Lite, vi rimandiamo all’articolo dedicato

Disponibilità e prezzo

Xiaomi Mi 10T Pro

(Image credit: TechRadar)

Xiaomi Mi 10T Pro è disponibile a partire dal 15 ottobre; costa €599 nella versione da 8+128 GB e €649 nella versione da 8+256 GB. Dunque, il prezzo di lancio è inferiore a quello di Xiaomi Mi 10 (8+256), che ammonta a 899 euro. 

Design e display

Xiaomi Mi 10T Pro non trasmette lo stesso feedback della gamma Mi 10, e il motivo è semplice: il suo schermo non è curvo e c'è una cornice sottile, ma evidente intorno a esso. Non tutti amano i display con bordi curvi, ma apprezziamo la sensazione che trasmettono.

Un’altra importante differenza risiede nel sensore di impronte digitali che è ora incluso nel pulsante di accensione posto sotto il bilanciere del volume, sul bordo destro.

La gamma Mi 10 presenta un sensore in-display, una funzionalità premium ma, ancora una volta, molti consumatori preferiscono quelli “fisici”, quindi non possiamo contarlo come un difetto. Il chip è molto veloce, più della versione in-display del Mi 10 Pro.

Come la gamma Mi 10, Mi 10T Pro non ha un jack per cuffie da 3,5 mm, quindi la sua unica porta è quella USB-C.

Una particolarità del design degli smartphone Xiaomi è il blocco posteriore piuttosto spesso e su Mi 10T Pro è più marcato del solito. L'obiettivo principale è enorme: sembra l’occhio di un ciclope.

Xiaomi Mi 10T Pro

(Image credit: TechRadar)

Il display dello smartphone misura 6,67 pollici ed è interrotto solo dal foro per la fotocamera, posto nell'angolo in alto a sinistra. Non è il foro più piccolo che abbiamo mai visto, ma è comunque compatto.

La risoluzione dello schermo è FHD+, la stessa della gamma Mi 10 ed è più che sufficiente per giocare e guardare contenuti. Abbiamo notato che, rispetto al Mi 10 Pro, Mi 10T Pro aveva una combinazione di colori molto più calda, anche quando erano nelle modalità predefinite. Detto ciò, questo aspetto si può modificare nel menu delle impostazioni.

Il vero punto di forza del dispositivo è la frequenza di aggiornamento di 144 Hz, superiore ai 90 Hz della gamma Mi 10 e ai 60 Hz dei tipici smartphone. Ciò ha reso lo scorrimento dei social media e dei menu molto fluido: non molti giochi supportano i 144 Hz, tuttavia sempre più dispositivi raggiungono tali frequenze, per cui speriamo che a breve i titoli diventino compatibili.

Xiaomi Mi 10T Pro

(Image credit: TechRadar)

Se non si desidera un refresh rate così alto, è possibile ridurlo a 90 Hz o 60 Hz, ma saremmo sorpresi se prendeste in considerazione tale prodotto, rinunciando a uno dei suoi punti di forza. Alcuni smartphone presentano una modalità frequenza di aggiornamento adattiva, quindi modificano il refresh rate a seconda dell’attività svolta per risparmiare energia, purtroppo qui manca, il che è un problema (la batteria dura poco). 

Comparto fotografico

Xiaomi Mi 10T Pro ha tre fotocamere posteriori: un obiettivo principale da 108 MP (f / 1.69), un sensore macro da 13 MP (f / 2.4) e uno grandangolare da 5 MP (f / 2.4). Manca il teleobiettivo per gli scatti con lo zoom ottico così come la modalità ritratto di Mi 10 Pro e Mi Note 10 (un teleobiettivo 2x abbinato a un sensore da 12 MP) che regala fantastici scatti.

Siamo rimasti molto colpiti dall’obiettivo principale: questo è il quarto smartphone Xiaomi con un sensore ad altissima risoluzione e offre buoni risultati. Le immagini erano luminose e con colori audaci e, naturalmente, era possibile ingrandirle senza perdere troppi dettagli.

Xiaomi Mi 10T Pro

(Image credit: TechRadar)

Anche la fotocamera macro ha fornito risultati interessanti, inoltre la messa a fuoco è molto rapida. È un peccato che l'opzione per abilitare la modalità macro sia nascosta in un menu separato.

Infine, c'è la fotocamera frontale da 20 MP (f / 3.4). Siamo rimasti colpiti dal modo in cui il sensore ha gestito la sovraesposizione, tuttavia la modalità Ritratto ha avuto problemi a discernere tra sfondo e capelli.

Detto ciò, dovremo testare la fotocamera ancora a lungo prima di trarre delle conclusioni.

È possibile registrare video in 8K a 30 fps e sono disponibili molte modalità di registrazione video come la VLOG, che modifica automaticamente le clip per produrre video e la Front & Back, che registra simultaneamente dalla fotocamera posteriore e anteriore.

Tuttavia, queste sono già presenti nei modelli Xiaomi, la novità è la modalità Clone, che consente di scattare più foto o video e modificarli per far sembrare che ci siano più versioni del soggetto. Non è esattamente una modalità da "fotografo professionale", ma è divertente.

Specifiche e prestazioni

Xiaomi Mi 10T Pro presenta il processore Snapdragon 865, il chip più veloce fino all’uscita dell'865 Plus, a metà del 2020; detto ciò, la differenza tra i due non è poi così marcata. Lo smartphone è compatibile con la rete 5G, come tutti gli smartphone Xiaomi Mi distribuiti nel 2020. Il processore è abbinato a 8 GB di RAM e 128 GB o 256 GB di spazio di archiviazione, a seconda della versione scelta. Il primo dovrebbe essere più che sufficiente per l’utente medio, mentre chi si diletta con la fotografia o scarica molti giochi, dovrebbe optare per il secondo.

Le prestazioni di Xiaomi Mi 10T Pro non ci hanno deluso: la navigazione tra i menu è stata scattante anche con grandi app aperte in background e nel gaming va alla grande.

Il sistema operativo, MIUI 12, è basato su Android 10 e conserva il suo problema più grande, di cui ci siamo lamentati fino alla nausea: ha troppi bloatware, app preinstallate che probabilmente eliminerete.

Xiaomi Mi 10T Pro

(Image credit: TechRadar)

Alcune delle app di terze parti che venivano preinstallate in precedenza sono scomparse e, sebbene siano state sostituite da quelle di Xiaomi, è comunque un passo avanti.

La batteria da 5.000 mAh è di dimensioni generose, tuttavia abbiamo notato che si scarica rapidamente. Probabilmente, ciò è dovuto alla modalità da 144 Hz: se volete risparmiare conviene optare per quella da 90 Hz o 60 Hz.

La ricarica rapida da 33 W non è la più veloce (il Mi 10 Pro ne ha una da 50 W), ma non è certo lenta. Testeremo quanto tempo impiega il dispositivo per caricarsi completamente e vi informeremo nella nostra recensione completa.

Manca la ricarica wireless, a differenza del Mi 10 Pro, ma con il grosso blocco posteriore, saremmo sorpresi se la ricarica si avviasse su un tappetino di alimentazione.

Prime conclusioni

Xiaomi Mi 10T Pro

(Image credit: TechRadar)

Siamo un po' confusi dallo Xiaomi Mi 10T Pro, poiché non si discosta troppo dal Mi 10; lo descriveremmo come un aggiornamento di quest’ultimo con un prezzo inferiore.

Se il prezzo al pubblico di Xiaomi Mi 10T Pro fosse 400 euro, sarebbe un eccellente acquisto: siamo rimasti colpiti dal display, dalla fotocamera e dalle prestazioni del dispositivo.

Tuttavia, lo dovremo testare più a lungo per scoprirne l’autonomia e per valutare al meglio il design. Lo spessore del blocco posteriore è davvero eccessivo, il che non è di buon auspicio per la valutazione finale.

Che cos'è una recensione hands-on?

Le recensioni "Hands on" sono le prime impressioni di un giornalista, basate su un utilizzo dell'oggetto per breve tempo. Potrebbe trattarsi di pochi momenti o qualche ora. La cosa imporante è che abbiamo potuto usarlo personalmente e possiamo raccontarti ciò che ci è sembrato, anche se è solo un giudizio embrionale. Per saperne di più leggi Garanzia delle recensioni TechRadar.