Skip to main content

Recensione Philips OLED+ 934

Qualità video indiscutibile ma l’audio lascia l’amaro in bocca

(Image: © Philips)

Il nostro verdetto

La qualità del pannello di Philips OLED+ 934, unita all'atmosfera generata dalla tecnologia ambilight, assicura un'esperienza d'intrattenimento di alto livello. La soundbar Dolby Atmos integrata, però, non convince.

Pro

  • Supporto Dolby Vision e HDR10+
  • Ambilight su tre lati
  • Discrete prestazioni stereo

Contro

  • Dolby Atmos non sfruttato a dovere
  • Prezzo eccessivo

Philips OLED+ 934 è disponibile nei formati da 55 e 65 pollici ed è sicuramente un televisore premium con specifiche degne del suo prezzo elevato.

Il televisore ha una soundbar integrata Bowers & Wilkins come il modello 984, anche se rispetto a questo aggiunge il supporto alla tecnologia Dolby Atmos. La diffusione del suono sarà dunque frontale ma rivolta verso l'alto.

Oggi un buon numero di TV supporta lo standard Dolby Atmos, tuttavia l'unico altro televisore OLED 4K disponibile con un sistema audio integrato di questo tipo è il Panasonic GZ2000, che presto sarà sostituito dall'HZ2000.

Philips OLED+ 934 non è perfetto, come scoprirete nella nostra recensione, ma è comunque un prodotto interessante.

Design

Lo stile è uno dei punti di forza di questo televisore. La sua cornice ultrasottile assicura, infatti, un design pulito e contemporaneo, mentre la soundbar è avvolta in un familiare panno acustico in lana grigia Kvadrat abbastanza elegante e gradevole alla vista.

(Image credit: Steve May)

Il televisore offre quattro ingressi HDMI 2.0 che supportano la riproduzione di contenuti 4K fino a 60 Hz e sono abilitati ARC (Audio Return Channel). Tra le altre porte troviamo anche due ingressi USB, un'uscita audio ottica e la porta Ethernet. Questo prodotto supporta il wi-fi dual-band e il Bluetooth 4.2.

Philips Ambilight illuminerà la parete su tre lati ed è disponibile con le consuete modalità di illuminazione: Follow Video, Follow Music, colori statici e bandiere delle nazioni. Il sistema di led sul televisore si può inoltre integrare con quelli di illuminazione casalinga Philips Hue. Lo schermo poggia sul supporto centrale, ma può anche essere installato al muro.

In breve: le cornici ultrasottili e il design della soundbar rendono Philips OLED+ 934 elegante e alla moda. Il set è più piccolo dell'OLED+ 984 per cui trovargli posto non sarà difficile. 

Sistema operativo

Il sistema operativo scelto da Philips, almeno per i suoi televisori OLED, è Android 9 Pie. È un'interfaccia complessa (almeno se paragonata alla schermata Home di Panasonic, o persino alla piattaforma Saphi di Philips) ma non priva di fascino; supporta inoltre Google Assistant e Amazon Alexa.

Android include molte app di streaming tra cui BBC iPlayer, Netflix, Amazon Prime Video, YouTube, Google Play Movies e Music. Oltre a Freeview HD, ci sono sintonizzatori satellitari doppi.

La navigazione è scattante e fluida, merito del processore quad core. Il  televisore integra 16 GB di memoria flash, uno spazio di archiviazione più che sufficiente per le tipiche app.

OLED+ 934 non è però l'ideale per il gaming. Abbiamo rilevato un input lag di 33,1 ms in Game Mode (1080p/60 Hz), dunque leggermente indietro rispetto alla concorrenza. Il valore in sé è decente ma vi sconsigliamo di giocare titoli competitivi su questo display.

Il supporto ai formati per la riproduzione di file multimediali è abbastanza esteso e include codec video MKV, AVI, MPEG, WMV, VP9.

In breve: Android potrebbe non essere il sistema operativo TV migliore, ma questa versione è ricca e stabile.

(Image credit: Steve May)

Prestazioni HD/SDR

OLED+ 934 ha un motore di elaborazione delle immagini proprietario P5 di terza generazione, che è stato ottimizzato sia le fonti HD che 4K.

Per quanto riguarda le prime, questo televisore riesce a elevare le fonti SDR in qualcosa di simile ai contenuti HDR. Le modalità-immagine disponibili assicurano una riduzione avanzata del rumore, una maggiore definizione dei dettagli, colore più precisi e un eccellente contrasto.

L'elaborazione dei contenuti HD-SDR ci ha davvero colpiti, tanto che sospettiamo che molti spettatori faticheranno a distinguere tra le fonti SDR upscalate e quelle HDR native.

Il processore di immagini Philips P5 è in grado di aumentare la luminosità complessiva dell'immagine, senza sacrificare il contrasto o la qualità della stessa.

In breve: il processore di immagini Philips P5 è uno dei migliori in circolazione, i contenuti HD traggono vantaggio dalle eccellenti prestazioni del livello del nero e dall'eccellente upscaling. 

(Image credit: Philips)

Prestazioni 4K/HDR

OLED+ 934 visualizza contenuti 4K egregiamente, la qualità visiva è pressoché la stessa di quella offerta dall'OLED+ 984. Per farla breve, gli ingegneri di Philips sanno il fatto loro.

Questo modello vanta un supporto HDR è universale; può visualizzare contenuti HDR10, HDR10+, HLG e Dolby Vision.

Il contrasto pronunciato aggiunge profondità alle sue immagini e l'illuminazione è gestita al meglio. Anche la vivacità del colore è eccezionale, il pannello copre il 99% delle specifiche DCI/P3.

Nella modalità immagine HDR Natural, abbiamo rilevato una luminosità di picco di circa 750 nit su una finestra di luminosità standard del 10%. Ridurre questa finestra al 5% consente di raggiungere una luminosità di ben 980 nit. 

Un avvertimento: il preset HDR limita la luminosità di picco a 640 nit, per cui consigliamo di utilizzare HDR Natural o HDR Vivid.

In breve: OLED+ 934 assicura immagini 4K eccezionali e alla pari con quelle dell'OLED+ 984. Il supporto universale HDR è molto gradito e la resa cromatica e i dettagli sono eccellenti. I contenuti Dolby Vision HDR potrebbero mancare di contrasto, ma vi basterà aumentare la luminosità per risolvere questo inconveniente. 

(Image credit: Philips)

Comparto audio

La soundbar integrata è un importante componente di OLED+ 934 che è progettata come soluzione AV all-in-one.

La soundbar include quattro driver di fascia media da 30 mm, due tweeter in titanio da 19 mm e un subwoofer da 80 mm centrale. La spazialità del suono è affidata a doppi diffusori da 50mm (Dolby Atmos ). La potenza del sistema audio è di 50 W cumulativi (e rispettabili) in un sistema audio Dolby Atmos 2.1.2.

Questo sistema audio è veramente stereofonico; impiega molte tecniche strutturali intelligenti di Bowers & Wilkins, con sezioni di nervature interne rinforzate per combattere risonanze indesiderate e driver alloggiati in un involucro rigido ottimizzato acusticamente in ABS rinforzato con fibra di vetro.

Oltre che dalle app, Philips OLED+ 934 supporta il formato audio Dolby Atmos anche da supporti in Blu-ray o dai canali televisivi su abbonamento che trasmettono in Dolby Digital Plus. Siamo sicuri, ad esempio, che Sky Q supporta il formato audio 3D per eventi sportivi, serie e film. 

Per avere un'idea reale della scala di questa soundbar, guardate Britannia (Dolby Atmos su Sky Atlantic). Il mix è coinvolgente e il tema di apertura, "Hurdy" ‌Gurdy "‌Man" di Donovan, permette di comprendere le potenzialità di questo sistema.

La riproduzione della voce è ottima, la soundbar separa attentamente i dialoghi dalla musica che risulteranno sempre nitidi.

Detto questo, non siamo soddisfatti dei bassi. Il processore surround ignora completamente il canale LFE (effetti a bassa frequenza) in un mix multicanale.

Non ci aspettiamo bassi "spacca vetri", ma rinunciare a un intero canale audio è una scelta incomprensibile. Il rombo profondo del tuono? Non si sente da nessuna parte...

(Image credit: Philips)

La soundbar ignora il canale LFE, portando a suoni piatti in alcune scene (terremoti, esplosioni, ecc). Ciò è un errore, perché si potrebbe tranquillamente mandare il segnale LFE agli altoparlanti destro e sinistro.

Il progettista del suono può posizionare qualsiasi cosa, dal basso al medio nella prima, e il sistema audio di questa Philips è più che in grado di gestire suoni da 50Hz.

OLED+ 934 non è un valido sistema home cinema, poiché non offre effetti sonori LFE nei suoi mix Dolby.

La buona notizia è che Philips potrebbe rilasciare un aggiornamento del firmware per risolvere questo problema, e che i futuri televisori Philips con sistema audio Atmos dedicato sommeranno correttamente l'LFE nella coppia stereo principale, evitando silenzi imbarazzanti.

In breve: il sistema audio Bowers & Wilkins è un passo in avanti rispetto ai tipici sistemi audio TV. Il soundstage è ampio, ma la riproduzione dei bassi stenta. L'assenza del canale LFE macchia la riproduzione di film Dolby Atmos.

(Image credit: Philips)

Conclusioni

OLED+ 934 è un ambizioso televisore OLED per l'home cinema che punta in alto. La qualità delle immagini è eccezionale, grazie al supporto per Dolby Vision e HDR10+, oltre al vibrante upscaling HD ma il sonoro lascia a desiderare.

Certo, è superiore a molti sistemi audio rivali integrati ma i fan dell'home theater rimarranno delusi: ignorare il canale dei bassi LFE in un mix multicanale semplicemente non produce un buon audio.