Skip to main content

Anteprima Watch Dogs Legion

Watch Dogs Legion ha molte potenzialità, ma non vengono sfruttate

Che cos'è una recensione hands-on?
Hands on review Watch Dogs Legion
(Image: © Ubisoft)

Prime impressioni

Watch Dogs Legion è un videogame ambizioso, peccato che il gameplay sappia di già visto e sia ripetitivo o con scarse novità.

Pro

  • La ricostruzione di Londra promette bene
  • Tanti (potenziali) modi per affrontare le situazioni
  • Supporto al Ray tracing

Contro

  • Manca un/a protagonista carismatico/a
  • Guidare è alquanto macchinoso
  • I civili imprecano costantemente e senza motivo
Cos'è un’anteprima?

Le anteprime dei giochi sono le prime impressioni di un giornalista raccolte dopo qualche ora di gioco. In questo caso, abbiamo testato Watch Dogs Legion per circa tre ore e ora possiamo darvi un'idea di ciò che offre, sebbene si tratti di una semplice demo. Per ulteriori informazioni, vi invitiamo a consultare la pagina TechRadar, recensioni garantite

Watch Dogs Legion ha suscitato l’interesse di stampa e consumatori per via della possibilità di giocare con qualsiasi PNG (Personaggio non giocante). Purtroppo, dopo aver testato la demo, che tratta le prime missioni, temiamo che Watch Dogs Legion possa rivelarsi un flop.

Watch Dogs 2 ha adottato un approccio più spensierato rispetto al suo predecessore (cupo e deludente), mentre Watch Dogs Legion sembra una via di mezzo malriuscita. È molto simile ai personaggi che si possono reclutare: non riesce a capire cosa vuole essere.

Informazione chiave

  • Che cos'è? Il terzo capitolo della serie Watch Dogs
  • Data d’uscita? 29 ottobre 2020
  • Su quali piattaforme sarà disponibile? PlayStation 4, PlayStation 5, Xbox One, Xbox Series X, Stadia e PC
  • Prezzo? L'edizione standard può essere ordinata su Amazon a 70 euro

Londra è sotto assedio

Watch Dogs Legion

(Image credit: Ubisoft)

Il titolo è ambientato in una Londra futuristica (2026) e ben progettata, al contrario della città, la società è sull'orlo del collasso. La capitale inglese è stata infatti scossa da un attacco terroristico e il caos derivante viene sfruttato dai criminali.

A questo punto, per porre fine alle sommosse, la società di sicurezza privata Albion riesce a convincere il governo ad assegnarle pieni poteri (giudice, giuria e boia) per la gestione e ricostruzione di Londra. Il Deadsec, il movimento di resistenza composto da hacker e ribelli, viene così preso di mira da Albion. Spetta a voi e agli innumerevoli NPC reclutabili per la causa, liberare la capitale e scoprire il responsabile degli attentati.

Il reclutamento

Watch Dogs Legion graffiti

(Image credit: Ubisoft)

Dopo aver completato il prologo, la missione che avrebbe dovuto sventare l’attacco terroristico, il problema principale di Watch Dogs Legion diventa subito evidente. È possibile reclutare letteralmente chiunque e ogni NPC ha delle abilità specifiche utili a superare determinati ostacoli, missioni e sfide.

Alcune reclute riceveranno vantaggi a seconda delle azioni intraprese. Un hooligan (tifoso violento) subirà meno danni quando è ubriaco, mentre una spia può chiamare un veicolo ad alta tecnologia che spara razzi (alla James Bond).

Detto questo, non tutti possono essere reclutati immediatamente, infatti alcuni personaggi “speciali” possono essere aggiunti al team (massimo 20 persone) solo dopo aver completato la missione di reclutamento, che comporta varie attività di ricerca o salvataggio. A questo punto, potete personalizzare e selezionare l’NPC con cui giocare, per diletto o per sfruttare i suoi talenti e completare le numerose missioni del gioco.

La premessa è senza dubbio intrigante. La possibilità di giocare nei panni di qualsiasi personaggio offre una libertà unica nel panorama videoludico, è una funzionalità innovativa per un open world. Tuttavia, questa funzionalità non è stata sviluppata al meglio. Le reclute mancano di personalità e non sono altro che un mezzo per usare una specifica classe di abilità con una differente skin. È come lottare con il proprio personaggio al posto di The Rock.

Questo non permette di immergersi del tutto nella storia e si finisce col reclutare PNG solo per completare le missioni e, di conseguenza, il tratto innovativo del titolo non viene sfruttato al meglio.

Questo problema diventa evidente, quando si controllano personaggi in uniforme. Un operaio edile può intrufolarsi in un cantiere senza essere scoperto, un agente di polizia può entrare in una stazione di polizia e... beh, avete capito. Si possono usare differenti reclute per completare la stessa missione, ma, perché complicarsi la vita? Di fatto, elimina la necessità di sperimentare più approcci, sebbene questa scelta spetti all’utente.

Hacking

Watch Dogs Legion hackers

(Image credit: Ubisoft)

Hackerare è una delle azioni più distintive del brand Watch Dogs e anche in Legion è fondamentale. Si possono attivare dissuasori, pianificare trappole per attirare nemici ignari e assumere il controllo delle telecamere di sicurezza per sorvegliare l'area. Tutto ciò è interessante, ma lo si è già sperimentato nei predecessori. Inoltre, anche l'hacking non è stato valorizzato al meglio: dovrebbe essere un’azione fondamentale per completare le missioni, ma la scarsa difficoltà lo rende un’attività ripetitiva e di secondaria importanza.

È anche l’aspetto che abbiamo apprezzato meno: è ripetitivo e poco gratificante. Le missioni che abbiamo svolto erano fin troppo simili: si deve semplicemente scegliere la recluta più adatta al compito e completare la missione hackerando le solite infrastrutture… e basta.

Ci sono anche missioni secondarie e minigiochi con cui svagarsi, ma quando le meccaniche principali non sono soddisfacenti, non si ha alcuno stimolo a provarle. Il combattimento è funzionale, ma non aggiunge nulla di nuovo.

Londra è meravigliosa

Watch Dogs Legion

(Image credit: Ubisoft)

A differenza del gameplay, la ricostruzione di Londra è eccellente. Tutto è stato ricreato in modo convincente, comprese le strutture più iconiche della metropoli come il Parlamento o il London Bridge. Non è difficile credere che una futura Londra possa assomigliare a quella disegnata dagli sviluppatori.

Sfortunatamente, non si può dire lo stesso dei londinesi. I cittadini non fanno altro che imprecare, è imbarazzante e deprimente a lungo andare. Se Ubisoft avesse optato per questa scelta nel tentativo di ricreare lo stato d’animo di un popolo ferito e spaventato, ha completamente fallito.

Primo verdetto

Watch Dogs Legion era previsto per marzo 2020, ma è stato posticipato al 29 ottobre. Ciò avrebbe potuto consentire agli sviluppatori di valorizzare alcuni dei molti aspetti innovativi del gioco, ma dopo aver testato la demo, siamo rimasti piuttosto delusi; le premesse erano ben altre. Watch Dogs Legion uscirà su PlayStation 4, PlayStation 5, Xbox One, Xbox Series X, Stadia e PC il 29 ottobre 2020. 

Che cos'è una recensione hands-on?

Le recensioni "Hands on" sono le prime impressioni di un giornalista, basate su un utilizzo dell'oggetto per breve tempo. Potrebbe trattarsi di pochi momenti o qualche ora. La cosa imporante è che abbiamo potuto usarlo personalmente e possiamo raccontarti ciò che ci è sembrato, anche se è solo un giudizio embrionale. Per saperne di più leggi Garanzia delle recensioni TechRadar.