Skip to main content

Recensione Anker Soundcore Life P2

Ottimi auricolari per i pendolari

Anker Soundcore Life P2
(Image: © Sean Cameron)

Il nostro verdetto

Gli auricolari Anker Soundcore Life P2 true wireless hanno un bel design, un bluetooth con ottime prestazioni, un ottimo audio e caratteristiche adatte alla vita di tutti i giorni, essendo dichiaratamente degli ottimi buds per viaggiatori e pendolari.

Pro

  • Calzano bene nell’orecchio
  • Suono gradevole
  • Facili da usare

Contro

  • Audio senza enfasi
  • Comandi limitati
  • Design classico

Quando nel 2016, Apple fu la prima società ad abbandonare l’utilizzo della porta da 3,5mm, promise una rivoluzione. Gli Airpods di prima generazione, rilasciati nello stesso anno, dovevano essere i primi auricolari true wireless destinati a trasformare il mondo degli hearable per sempre.

È solo recentemente però, che questa promessa si sta davvero concretizzando. Oggi cercando dei buds true wireless possiamo scegliere tra un'infinità di modelli con prezzi accessibili per tutte le tasche. In passato per avere degli auricolari di qualità avremmo dovuto necessariamente acquistare un prodotto di fascia alta.  

Solo recentemente la società cinese Anker si è messa in gioco lanciandosi sul mercato degli hearable. Forte già di un'ottima nomea, guadagnata attraverso la sua popolare linea di speaker bluetooth Soundcore e ai powerbank, Anker può inoltre vantare un bagaglio di recensioni positive che molti altri non possiedono. Questa è ancora un'area quasi inesplorata per la società, e come tale, i prodotti  oggetto della nostra prova sono il “tentativo dell’azienda di entrare in un nuovo mercato. Vale quindi la pena acquistarle a un prezzo di 49,99? Scopriamolo.

Design

Nel mondo dei true wireless, uno dei segni distintivi è la forma. Gli auricolari Soundcore Life P2 fanno parte di quella categoria che si ispira agli Airpods, è possibile notare le evidenti somiglianze nel design.

Anche se i buds Soundcore Life P2 mancano di originalità, compensano con una certa comodità e usabilità. Ciascun auricolare è leggero come una piuma e calza ergonomicamente nell’orecchio, con la ulteriore possibilità di cambiare i tappini di gomma, inclusi nella confezione, per un’esperienza ancor più confortevole.

(Image credit: Sean Cameron)

Gli auricolari, realizzati con lo stelo nero e non molto lungo, sono tra l'altro molto “discreti” all’orecchio rispetto agli Airpods, di colore bianco. Ogni buds ha un solo pulsante, con funzionalità basilari (on / off, accoppiamento e salto delle tracce) per semplificare il tutto.

La custodia è leggera e si ricarica con lo standard type-c, un tocco di classe non sempre incluso in questa fascia prezzo. Al suo interno ha una batteria di dimensioni considerevoli che con una ricarica consente agli auricolari fino a 40 ore di autonomia lontano dalla presa elettrica. Utilizzandole nel normale tragitto giornaliero verso il lavoro hanno tranquillamente retto una settimana, mentre con un uso quasi assiduo siamo arrivati a   due giorni di utilizzo.

Nel complesso gli auricolari sono comodi e di buona fattura. La custodia entra bene nelle tasche di un cappotto, cosa per cui è stata progettata. Se non fosse per un piccolo tocco di eleganza sotto forma di un accenno dorato sul bordo di ogni buds,

sarebbero i classici auricolari che si trovano in questa fascia di prezzo. Anche se sicuramente eviteremo di utilizzarli sotto la pioggia, sono capaci anche di una discreta impermeabilità.

(Image credit: Sean Cameron)

Qualità audio

Come tutti i prodotti venduti tramite Amazon, gli auricolari Soundcore Life P2 sono accompagnati da una sfilza di caratteristiche in stile marketing.  

Il loro prezzo è quindi giustificato da "driver di grafene, isolamento dei rumori esterni, tecnologia cVc 8.0, tecnologia BassUp, tecnologia PUSH AND GO", e c’è tanto altro ancora, ma sono tutte cose su cui possiamo tranquillamente sorvolare.

Ciò che conta è l'impressione generale data dall’utilizzo dei buds, che è in gran parte positiva.

Iniziamo dalla connettività bluetooth. Usando un iPhone 11, gli auricolari sono costantemente rimasti connessi senza ritardi o interruzioni dell’audio in tutte le stanze della casa, indipendentemente dallo spessore delle pareti. Anche l'associazione è facile, i buds si connettono immediatamente all'ultimo dispositivo utilizzato quando rimosse dalla custodia.

Sotto il punto di vista dell’audio fanno un’ottima prima impressione e si prestano anche ad un utilizzo prolungato. I bassi sono corposi ed incisivi, nel complesso offrono un'esperienza sonora abbastanza decente con entrambi gli auricolari nelle orecchie.

Abbiamo trovato i bassi molto fluidi e sexy, in Prototype degli Outkast, le calde note jazz della voce di Kate Schilling in Kite ben distinte e con potenza da vendere la batteria in Crossroads degli Avenged Sevenfold. 

Gli auricolari sono fatti per i pendolari e dotati di classificazione IPX7, quindi ottimi anche per gli allenamenti. Essi sono fondamentalmente destinati ai consumatori più semplici, che ad esempio utilizzano Spotify e non per gli audiofili armati fino ai denti con file FLAC e Ohm (provate a cercare qualcosa).

Uno dei punti di forza di questi auricolari è la qualità delle chiamate. 

Con un totale di quattro microfoni, ci siamo fatti grandi aspettative, che sono state per lo più soddisfatte.

(Image credit: Sean Cameron)

Il miglior complimento che si possa fare a questi Soundcore Life P2 è che le chiamate non sono peggiori rispetto quelle di un classico altoparlante del telefono. In alcune situazioni il suono veniva smorzato alla chiusura di una chiamata, ma nel complesso funzionano bene anche per parlare in viaggio e dovrebbero poter fare altrettanto  anche per chiamate in conferenza se ci trova in un posto tranquillo.

Dato il prezzo, non ci saremmo mai aspettati che includessero anche la cancellazione attiva del rumore, ma siamo rimasti piuttosto stupiti quando ci siamo resi conto che la sola cancellazione passiva riuscisse ad arginare abbastanza bene i suoni provenienti dall’ambiente esterno. Anche al passare delle ambulanze il suono rimaneva ben distinto, cosa diversa invece per il frastuono del traffico che rimane sempre in sottofondo .

Conclusioni

Oggigiorno la disponibilità di auricolari true wireless è molto vasta per ogni fascia di prezzo, da quelli economici a quelle più costosi di fascia alta, sia le società affermate che le nuove emergenti arrivate nel settore cercano di migliorare la loro reputazione in un mercato sempre più competitivo.

Eppure, gli Anker Soundcore Life P2 riescono a spiccare tra la moltitudine di offerte. Hanno un design semplice e accattivante, un suono piacevole, una buona qualità delle chiamate e un'ottima resistenza. Non offrono sicuramente un audio perfetto come degli auricolari più costosi, ma con un ottimo rapporto qualità prezzo sono perfetti per l’utente medio. 

Sicuramente verranno apprezzati da chi non ha intenzione di spendere molti soldi, in quanto rappresentano una significativa novità nel mercato delle hearable in questa fascia di prezzo.