Skip to main content

Windows 10, ottimizzata l'interfaccia dei portatili 2-in-1

Windows 10
(Image credit: Microsoft)

Una nuova build di Windows 10 è ora disponibile per i tester del Fast Ring; migliorerà l’esperienza d’uso nei portatili 2-in-1 e la funzione ricerca (era ora!).

La Build 19592, il cui aggiornamento è previsto nella seconda metà del 2020, offre ciò che Microsoft descrive come una nuova modalità tablet-desktop per i dispositivi 2-in-1.

Questi ultimi possono essere usati sia in modalità desktop che in modalità tablet. Adesso sarà possibile usare la modalità desktop anche dopo la rimozione della tastiera, inoltre l’interfaccia è stata modificata per facilitare l'uso del touchscreen.

Come potete vedere, le icone sulla barra delle applicazioni sono state distanziate, mentre la finestra della funzione ricerca è stato sostituita da un’icona. È presente anche un simbolo per attivare la tastiera virtuale, che si aprirà automaticamente ogni volta che toccherete un campo di testo, come avviene su smartphone. 

Windows 10 tablet experience

(Image credit: Microsoft)

Questa funzionalità è stata implementata brevemente anche durante il test di Windows 10 20H1, un aggiornamento che sarà presto disponibile. Non tutti i tester potranno usufruire di questa modalità, poiché sarà implementata lentamente. Microsoft ci ha assicurato che stavolta la modalità tablet verrà perfezionata e, presumibilmente, rilasciata con Windows 10 20H2.

Indicizzazione intelligente

La build 19592 metterà a disposizione una funzione di ricerca con indicizzazione migliorata, in modo che possa determinare in modo smart quando eseguire l'indicizzazione dei file.

L’indicizzazione velocizza la ricerca dei risultati, pre-catalogando i file. Questa funzione, tuttavia, può mettere a dura prova la CPU e l’unità d’archiviazione dati nei sistemi meno potenti. Per farla breve, Windows 10 eviterà di eseguire l’indicizzazione durante l’esecuzione di programmi pesanti. Microsoft ha dichiarato che "la funzione ricerca è stata migliorata per evitare di fornire risultati non coerenti con la cronologia di ricerca dell’utente".

L’indicizzazione è stata un pesante fardello per Microsoft, che, in passato, aveva cercato di risolvere il problema con il tool Indexer Diagnostics. Oltre a questi due grandi cambiamenti, il colosso di Redmond ha inserito le solite patch e sbloccato gli update per le nuove build nei dispositivi ARM. L’elenco completo dei fix e di tutte le migliorie applicate nella build 19592 è disponibile sul blog dell’azienda.