Skip to main content

Una VPN gratuita starebbe spiando gli utenti

(Image credit: Apple)

La società di analisi Sensor Tower è stata accusata di raccogliere i dati degli utenti tramite più VPN e applicazioni ad-blocking su piattaforme Android e iOS.

Pare che la società possieda oltre 20 applicazioni su entrambi gli store dei popolari sistemi operativi con un totale di oltre 35 milioni di download.

Molte di queste app hanno spinto gli utenti a scaricare file aggiuntivi, consentendo così l'accesso al loro traffico e ai dati di navigazione, a loro insaputa o consenso.

Raccolta dati fraudolenta?

Apple ha confermato che più di una dozzina di applicazioni di Sensor Tower sono state rimosse dal suo App Store in passato per violazioni delle norme e ora ha rimosso un'altra app chiamata Adblock Focus. Google ha rimosso un'app chiamata Mobile Data dal Play Store. Entrambe stanno analizzando le app collegate alla società.

Luna VPN ha violato i regolamenti dell'App Store spingendo gli utenti a scaricare certificati di root e ad accedere a un sito web di terze parti con il pretesto di bloccare la pubblicità di YouTube.

Le indagini hanno rivelato che queste app non erano elencate sotto il marchio di Sensor Tower, ma utilizzavano nomi di altre società. Detto questo, il codice creato su di esse potrebbe appartenere agli sviluppatori di Sensor Tower.

Randy Nelson, responsabile delle analisi mobile dell’azienda incriminata, non ha negato il collegamento e ha affermato che la relazione con Sensor Tower è stata nascosta per questioni d'immagine.

"Quando si considera la relazione tra questo tipo di app e un'azienda di analisi, ha molto senso, soprattutto considerando la nostra storia di startup", ha aggiunto.

"La stragrande maggioranza delle app incriminate è stata rimossa e alcune sono in procinto di essere eliminate. Prendiamo sul serio le linee guida degli app store e ci impegniamo a rispettarle".

Nelson ha anche dichiarato che le app raccolgono solo dati anonimi e non hanno accesso ai dati identificativi personali o altre informazioni sensibili.

Via: BuzzFeed