Skip to main content

Xbox Series X favorirà i giocatori con un approccio diverso da quello di PS5

Xbox Series X power
(Image credit: Future)

Xbox Series X ha già battuto PS5 riguardo alcune specifiche tecniche, ma a quanto pare se Microsoft avesse scelto di ispirarsi all'approccio utilizzato da Sony per definire la velocità di clock, il divario sarebbe potuto essere ancora più evidente sulla carta.

Sappiamo già che Xbox Series X vanta 12.1 teraflop di potenza computazionale, superando i 10,3 teraflop di PlayStation 5, ma secondo Jason Ronald, direttore della gestione dei programmi Xbox, il divario avrebbe potuto essere ancora più evidente.

Durante un'intervista rilasciata al sito spagnolo Xataka, Jason Ronald spiega che il motivo per cui Sony è riuscita a colmare il divario che si era creato con Xbox Series X è semplicemente perché PS5 utilizza una frequenza variabile. Nel migliore dei casi la GPU di PS5 è in grado di raggiungere velocità di clock fino a 2,23 GHz, mentre Xbox Series X mantiene una velocità fissa a 1.825 GHz.

Una continua lotta per la supremazia

Ronald evidenzia che la prossima console di Microsoft è stata progettata per favorire anche gli sviluppatori fornendo velocità di clock fisse. "Favorendo il lavoro degli sviluppatori sarà possibile offrire la migliore esperienza possibile ai giocatori, piuttosto che continuare a cercare i soliti numeri da record. Abbiamo sempre parlato di prestazioni costanti e sostenute".

Ronald ha anche affermato che la frequenza variabile di PS5 non la dice tutta, e che gli sviluppatori non ne trarranno nessun beneficio, anzi rischiano solo di perdere tempo cercando di trovare la soluzione più adeguata. "Avremmo potuto usare una frequenza di clock maggiore, avremmo anche potuto usare clock a frequenze variabili, e ciò ci avrebbe anche permesso di ottenere TFLOP ancora più alti, ma la realtà è che avremo solo reso più difficile agli sviluppatori ottimizzare i loro giochi. Ma sapete, non è questa la cosa importante. La cosa importante sono le esperienze di gioco che gli sviluppatori possono creare".

Un’altra specifica su cui PS5 si potrebbe distinguere in un confronto con Xbox Series X potrebbe essere la velocità dell’SSD. Ronald afferma che Microsoft è sicura che il suo SSD sarà di gran lunga superiore.

Nella sua intervista Ronald aggiunge che "la realtà delle cose vanno ben oltre i numeri che possiamo o non possiamo raggiungere. Sampler Feedback Streaming (SMS) ci consente di far funzionare l'unità SSD come un moltiplicatore di memoria fisica, aggiungendo altra memoria a quella già disponibile. Abbiamo integrato anche una nuova API chiamata Direct Storage, che offre un accesso diretto anche ai bassi livelli del controller NVMe in modo da poter ottenere sempre la massima efficienza nella gestione di tali operazioni I / O."

Verificare le specifiche?

Nonostante nessuna console sia mai stata in cima alle classifiche soltanto grazie alle sue specifiche, è chiaro che sia Sony che Microsoft stanno adottando approcci diversi per ottimizzare le prestazioni, e su come queste andranno ad influenzare il lavoro degli sviluppatori nel creare giochi.

Xbox Series X sarà in grado di sfruttare a suo vantaggio le debolezze di PS5? Saranno i giocatori a darci la risposta.