Skip to main content

PS5, uno sviluppatore di The Last of Us parla delle potenzialità grafiche

The Last of Us
(Image credit: PlayStation)

Il debutto di Xbox Series X e PS5 è ancora lontano,ma giocatori, sviluppatori ed esperti non perdono occasione per dire la loro riguardo l’aumento di potenza che avranno le nuove console rispetto ai modelli precedenti.

Sia la Series X che la PS5 saranno il doppio più potenti rispetto alla Xbox One X e PS4 Pro, ma molti si chiedono come questo possa influire a livello pratico, oltre a domandarsi cosa sono i teraflop.

In un'intervista con IGN, diversi sviluppatori come Bruce Stanley, ex direttore creativo di The Last of Us, hanno parlato dei miglioramenti grafici e di come le console di nuova generazione potrebbero gestire la grafica delle ambientazioni di gioco. 

Straley ha parlato dell’aumento di potenza della GPU e di come questa potrebbe influire in particolare sulla rappresentazione di elementi come fumo, acqua e vento. Lo sviluppatore ha sottolineato che vuole assicurarsi che questi elementi siano rappresentati in maniera realistica, affermando che: "Realizzare dei capelli con un aspetto e soprattutto una fisica convincente è una questione antica quanto l'introduzione dei giochi in grafica 3D anche a causa delle tante variabili che influiscono, ad esempio la presenza di agenti atmosferici come vento e acqua. L’elaborazione di questi particolari sarà resa in maniera migliore, grazie alla potenza maggiore delle nuove console”.

Straley ha anche parlato dei limiti grafici che Naughty Dog ha riscontrato durante lo sviluppo di The Last of Us, affermando che: “Avevamo un sistema per riprodurre le ombre che ci obbligava a diminuire la risoluzione, quindi sarebbe fantastico se potessimo gestire le ombre e l’illuminazione con una risoluzione più alta e ottenere un effetto più realistico. Questo potrebbe essere possibile grazie alla maggior potenza di calcolo”.

The Last of Us 2: cosa aspettarsi 

Naturalmente, The Last of Us 2 avrà una grafica migliorata e il gioco verrà rilasciato per PS4 a maggio 2020.

La PS5 uscirà a fine 2020, quindi è quasi certo che ci sarà un aggiornamento grafico o un remaster per la nuova console, come accaduto con il primo The Last of Us quando uscì inizialmente per PS3 e poi per PS4.

Più potenza significa più fotorealismo, e di conseguenza mondi più coinvolgenti attraverso cui raccontare la storia di The Last of Us 2. 

PS5 price pre-order bundle deals sales

(Image credit: Sony)

Anche se non abbiamo sentito molto parlare del supporto cross-gen di Sony per i giochi, sappiamo invece che Microsoft ha presentato il programma Smart Delivery, che offre ai giocatori aggiornamenti gratuiti alle nuove versionidei giochi acquistati sulle console attuali per le console di prossima generazione. Avete acquistato Halo Infinite o Cyberpunk 2077 per Xbox One? Se la risposta è sì, avrete la versione per Xbox Series X senza costi aggiuntivi.

Il nostro istinto dice che Sony rimarrà un passo indietro su questo fronte, un po’ come era successo con la retrocompatibilità su PS4, ma noi rimaniamo aperti a tutte le eventualità.

Un’illuminazione incredibile 

Ci sono molte informazioni interessanti nell'intervista di IGN, in particolare riguardo l'impatto che avrà il ray tracing sulle console, che migliora il modo in cui viene resa l'illuminazione.

Elijah Freeman, vicepresidente dei giochi di Virtuos, ha affermato che: “la riproduzione dell’effetto del fumo sarà fantastica, potrete addirittura intravedere la sagoma un nemico nella luce sprigionata dopo il lancio di una granata fumogena".

Gli sviluppatori non hanno ancora svelato i segreti delle versioni dei giochi di nuova generazione, ma è chiaro che vedremo cose che non abbiamo mai visto prima su una console, ed è davvero emozionante. Se volete assicurarvi di riuscire a godere appieno di tutti questi miglioramenti, date un'occhiata alla nostra guida dedicata ai migliori televisori 4K, in modo da scoprire quale configurazione serve per sfruttare al meglio le nuove console.