Skip to main content

Samsung ferma la produzione dei display LCD

(Image credit: Future)

Samsung Display è il leader globale per la produzione di display, ma entro la fine dell’anno è previsto un grosso cambiamento, dal momento che l’azienda sembra abbia deciso di interrompere la produzione di display LCD.

Samsung Display è il principale fornitore per la maggior parte di produttori di smartphone e televisori in tutto il mondo, con clienti che vanno da Apple a OnePlus. LG sembra essere il concorrente più vicino, anche se è meno importante in termini di quota di mercato rispetto a Samsung.

Il sito Reuters riferisce che Samsung potrebbe terminare la produzione di pannelli LCD entro la fine di quest'anno, dopo aver completato gli ultimi ordini in sospeso per i propri partner. Attualmente, ci sono due linee di produzione nella sede della Corea del Sud e due fabbriche per display LCD in Cina. Le prime saranno eventualmente aggiornate e convertite in una struttura in grado di produrre display "Quantum dot" di livello superiore, mentre non è ancora chiaro quale sarà il destino delle fabbriche in Cina.

Uno dei motivi principali di questo cambiamento è quello di frenare l'eccesso di offerta di display LCD mentre vi è una diminuzione globale della richiesta di smartphone e TV. Inoltre, la maggior parte dei produttori sta cercando di implementare sempre di più i display OLED, che sono generalmente considerati superiori. Grazie al progresso tecnologico, i prezzi dei pannelli OLED sono in calo e iniziano a essere utilizzati anche negli smartphone più economici.

I display di Samsung sono considerati i migliori del settore, soprattutto quando si tratta di smartphone. Risoluzione elevata, frequenza di aggiornamento a tre cifre, HDR, bordi curvi, biometria integrata e livelli di luminosità mai raggiunti finora sono caratteristiche che hanno permesso all’azienda di diventare leader del settore.

Anche LG inoltre ha fatto un annuncio simile all'inizio di quest'anno, riferendo che avrebbe ridotto la produzione di LCD per TV alla fine del 2020.