Skip to main content

Qualcomm presenta la prima piattaforma robotica con supporto 5G

Snapdragon 865
(Image credit: Future)

Qualcomm ha presentato una nuova piattaforma che prenderà il nome di Qualcomm Robotics RB5, la prima della sua specie a disporre del supporto alla rete 5G.

La piattaforma Qualcomm RB5 include una vasta gamma di componenti hardware, software e strumenti per lo sviluppo. Tra questi troviamo una CPU octa-core Kryo affiancata da una GPU Adreno 650, un AI engine di quinta generazione e un ISP Spectra 480. La piattaforma supporta la registrazione video Dolby Vision, le riprese con risoluzione fino a 8K / 30fps ed è in grado di scattare foto singole da 200MP e raffiche da 64MP in sequenza continua. RB5 è alimentata dallo stesso Snapdragon 865 che si trova su gran parte dei migliori smartphone del 2020

(Image credit: Qualcomm)

Per la connettività, la piattaforma può contare sulle più recenti tecnologie come Wi-Fi 6 (802.11ax) e Bluetooth 5.1, oltre alle reti 4G e 5G. La sicurezza è garantita da funzioni AI e ML (Machine Learning) come il riconoscimento delle impronte digitali e dell’iride, il riconoscimento vocale e l’accesso tramite il rilevamento dei dati biometrici.

Al momento la piattaforma RB5 sta facendo affidamento su 30 aziende del settore per lo sviluppo di nuove componenti hardware e software che consentiranno l'implementazione di nuove applicazioni robotiche. Tra queste troviamo: 96Boards, Acontis, ADLINK, AirMap, AirServe, Airtonomy, AlwaysAI, Augmented Pixels, Autocore, Autoware Foundation, Canonical, DeepEdge.ai, DreamVu, Dronecode, Fractal.ai, GlobalEdge, Innominds Software, InOrbit, Intel RealSense, Lantronix, Linaro, LiteOn, Kudan, ModalAI, Nod, Open Robotics, Panasonic, PathPartners, Pilot.AI, Shoreline IoT, SLAMCORE, TDK, Thundercomm, and Tier IV.

Il chipset QRB5165 equipaggiato da Qualcomm RB5 è concepito appositamente per essere utilizzato in ambito robotico; l’AI engine di quinta generazione garantisce fino a 15 Tera di operazioni al secondo (TOPS). Valori tanto elevati sono fondamentali per eseguire i pesanti carichi di lavoro delle applicazioni di AI, machine learning e deep learning. I processori Qualcomm permettono inoltre di realizzare soluzioni SOM (System On Module) pronte all’uso con design COB (chip on board) flessibili. 

Il kit di sviluppo RB5 è completo, personalizzabile e semplice da usare. Gli sviluppatori dispongono di una vasta scelta grazie al supporto di Linux, Ubuntu e Robot Operating System (ROS) 2.0; a questi OS si aggiungono un buon numero di driver integrati per varie tipologie di fotocamere, sensori e connettività 5G. Il kit supporta anche le piattaforme OpenCL, OpenGLES e OpenCV. Per aggiungere delle funzioni di rilevamento della profondità di campo, ad esempio, si possono utilizzare dei componenti esterni come Intel RealSense Depth Camera D435i e Panasonic TOF Camera.

Qualcomm ha inoltre avviato una collaborazione strategica con l'azienda giapponese TDK per consentire lo sviluppo di design e soluzioni next-gen sulla piattaforma RB5. Nel contesto di questa collaborazione, TDK ha già donato a Qualcomm RB5 il suo ultimo sensore per applicazioni robotiche potenziate.