Skip to main content

Nokia blocca la produzione: 42 dipendenti sono risultati positivi al Covid-19

(Image credit: HMD Global)

L’impianto produttivo Nokia situato a Tamil Nadu (India) ha dovuto chiudere bruscamente dopo che alcuni operai sono risultati positivi al Covid-19.

La decisione di chiudere è arrivata la scorsa settimana, dopo che 42 operai dell’azienda finlandese impiegati nello stabilimento di Sriperumbudur (vicino Chennai) sono risultati positivi al coronavirus. 

Nokia non ha rivelato il numero reale di operai positivi al Covid-19 nell’impianto di Sriperumbudur, ma un funzionario ha dichiarato che gli infettati sarebbero almeno 42.

Sembra che le misure precauzionali di distanziamento sociale e di modifiche strutturali non siano state sufficienti.

Sperando di ricominciare presto

La riapertura avrebbe dovuto favorire l’economia grazie alla possibilità per le imprese di riprendere le proprie attività con la condizione di mettere in atto misure precauzionali per tutelare i lavoratori. 

L’azienda sperava di ricominciare la produzione al più presto con una forza lavoro molto limitata.

Nokia non è stata la prima azienda a riaprire e chiudere in poco tempo a causa dell’insorgere dei contagi da Covid-19. Di recente Oppo, il produttore di smartphone cinese, ha dovuto chiudere la sua fabbrica a Greater Noida (India) dopo che sei operai sono risultati positivi al virus. 

Con la riapertura, l’azienda contava una forza lavoro di 3000 operai che lavoravano a turni. Nonostante le precauzioni l’azienda, che in India ha 10.000 lavoratori, ha dovuto chiudere poco dopo la riapertura. 

Potrebbe offrire un po’ di sollievo sapere che sebbene i positivi da coronavirus in India siano al momento 145.380, il numero totale di morti è 4.167una cifra esigua  considerando la popolazione del Paese.