Skip to main content

I migliori giradischi 2020: i migliori da acquistare, per qualsiasi budget

I migliori giradischi che è possibile acquistare nel 2020 non sono proprio identici ai vecchi modelli che potreste trovare a casa del nonno o in uno scatolone in solaio. Abbiamo esaminato molti dei giradischi sul mercato oggi, e dobbiamo ammettere che sono stati davvero modernizzati, nella sostanza. Esteticamente esiste una vasta gamma di stili, quindi è possibile acquistare un modello nuovo che però mantiene un aspetto piuttosto classico, oppure altri che, al contrario, hanno un look più moderno e ricercato. 

Molti dei migliori giradischi sul mercato sono dotati di eccellenti funzionalità, come la connettività Bluetooth integrata ed uscite USB. Grazie a queste, è possibile acquisire i vostri LP direttamente su computer, e ciò permette di poter riascoltare i vostri vinili ovunque. Grazie a design aggiornati, funzionalità intelligenti e un sacco chicche extra, i migliori giradischi oggi sul mercato sono senza dubbio dispositivi moderni. Se siete amanti della musica e non riuscite a estrarre abbastanza dettagli dal suono caldo del vinile, scegliete uno dei migliori giradischi in questo elenco, perché se avete dei dischi in casa, si tramuterà nel punto focale del vostro impianto. Se, al contrario, siete nuovi nel mondo della collezione di dischi, assicuratevi di consultare la nostra guida su come impostare un giradischi per iniziare.

Poiché la moda del collezionismo dei vinili è ancora in pieno svolgimento, le vendite dei migliori giradischi sono cresciute costantemente in tutto il mondo a partire dal 2012, e adesso è probabilmente il miglior momento per investire in un nuovo giradischi. Spolverate la vostra vecchia collezione di dischi e preparatevi a far “girare” i vostri brani preferiti con i migliori giradischi del 2020.

I migliori giradischi 2020 a colpo d'occhio:

  1. Audio-Technica AT-LP120-USB
  2. Audio-Technica AT-LP60
  3. Denon DP-300F
  4. Pro-Ject Debut Carbon
  5. Rega Planar 1
  6. Marantz TT-15S1
  7. Clearaudio Concept
  8. Sony PS-HX500
  9. Cambridge Audio Alva TT
  10. Audio -Technica AT-LP60XBT
  11. Technics SL 1500c
  12. Fluance RT81 Debutto

La nostra selezione

Qual'è il migliore giradischi?

Audio-Technica AT-LP120-USB

(Image credit: Audio-Technica)

1. Audio-Technica AT-LP120-USB

Il miglior giradischi per neofiti (e non)

Dimensioni: 450,0 mm x 352,0 mm x 157,0 mm | Motore: azionamento diretto | Piatto: alluminio pressofuso | Preamplificatore phono: Sì | USB: Sì | Velocità: 33 ⅓, 45, 78 rpm | Stilo: AT95E

Ottima qualità sonora, in relazione al prezzo
Perfetto sia per i neofiti che per i professionisti
Costruzione in plastica
Qualità da USB mediocre

Audio-Technica AT-LP120-USB è un ottimo primo giradischi, dall'installazione semplice, adatto per gli appassionati neofiti del vinile. Offre la possibilità di suonare dischi a 33 ⅓, 45 e 78 RPM, in pratica di tutte le tipologie disponibili. Il preamplificatore phono è incorporato.

I nuovi collezionisti ameranno la sua semplicità mentre gli utenti più esperti adoreranno la possibilità di scegliere l'angolo di tracciamento verticale e la forza di tracciamento, oltre alla possibilità di sostituire facilmente la conchiglia della testina. 

L’AT-LP120-USB assomiglia molto a un falso Technics SL-1200, ma il prezzo è molto inferiore ed è difficile pretendere di più. Il giradischi è inoltre dotato di un'uscita USB che consente di esportare i propri dischi su computer, se lo si desidera. Per farla breve, è un giradischi che trova il perfetto equilibrio tra la facilità d'uso adatta ad un principiante e le funzionalità che un esperto si aspetta di trovare in un prodotto di questo tipo.

Audio-Technica AT-LP60

2. Audio-Technica AT-LP60

Un giradischi automatico per principianti dal budget ridotto

Dimensioni: 360,0 mm x 356,0 mm x 97,5 mm | Motore: trasmissione a cinghia | Piatto : Alluminio pressofuso | Preamplificatore phono: Sì | USB: No | Velocità: 33 ⅓, 45 giri / min | Stilo: ATN3600

Completamente automatico
Ottimo rapporto qualità prezzo
Impossibile sostituire la testina 
Suono appena passabile

Se non si desidera spendere una fortuna per un ottimo giradischi e non siete interessati alla fedeltà audio assoluta, l'Audio-Technica AT-LP60 potrebbe essere un ottimo punto di partenza. È portatile, può riprodurre la maggior parte dei vinili ed è di gran lunga il giradischi più economico che abbiamo nella nostra classifica. È anche completamente automatico, perciò farà partire il disco e riporterà il braccio in posizione di riposo senza utilizzare una levetta manuale.

L'unica avvertenza con un giradischi così economico è che prima o poi potreste sentire l’esigenza di sostituirlo. Il preamplificatore phono è integrato e sarete costretti ad usare quello, tuttavia rimane possibile sostituire la puntina, quando si consuma.

Esistono certamente giradischi più economici e di minor qualità in vendita, ma pensiamo che non valga la pena prenderli in considerazione, poiché c’è il rischio di danneggiare i preziosi vinili con braccetti malamente allineati e dal peso inadeguato. I vinili sono costosi, quindi consigliamo l'AT-LP60 come modello base per i principianti che desiderano iniziare il loro viaggio nel mondo dell’audio. Un’altro modello consigliato è l’Audio-Technica AT-LP5x: un giradischi di fascia media della società giapponese.

Denon DP-300F

3. Denon DP-300F

Un magnifico giradischi completamente automatico ed economico

Dimensioni: 434 x 381 x 122 mm | Motore: Trasmissione a cinghia | Piatto: alluminio pressofuso | Preamplificatore Phono: Sì | USB: No | Velocità: 33 ⅓, 45 giri / min | Stilo: DSN-85

Completamente automatico
Ottimo suono per il prezzo
Realizzato in plastica 
Pulsanti economici

Il Denon DP-300F è uno splendido giradischi dal suono di qualità e dal look moderno. La cartuccia DSN-85 inclusa non è la più accurata ma riesce comunque a rendere la musica ariosa e ragionevolmente dettagliata, soprattutto per il suo prezzo. Dovrete spendere molto di più se desiderate un suono migliore. 

Il DP-300F non possiede uscite USB come altri giradischi qui elencati, ma è comunque un ottimo giradischi di base automatizzato, cosa che si rivela molto comoda se avete l’abitudine di usarlo prima di addormentarvi. La funzione di avvio / arresto automatico di Denon non lascerà che la puntina si usuri alla fine della registrazione perchè il braccetto ritornerà al suo posto da solo alla fine dell’album. 

La qualità costruttiva è decente per un giradischi realizzato interamente in plastica, ma i suoi pulsanti sembrano fin troppo economici, un problema minore su cui è possibile sorvolare. Se l'Audio-Technica AT-LP120-USB non si adatta al vostro gusto estetico, considerate invece il Denon DP-300F.

Leggi la nostra recensione: Denon DP-300F

Pro-Ject Debut Carbon

4. Pro-Ject Debut Carbon

Un eccellente giradischi entry-level per gli appassionati di vinili

Dimensioni: 415 x 320 x 118 mm | Motore: trasmissione a cinghia | Piatto: alluminio | Preamplificatore phono: No | USB: No | Velocità: 33 ⅓, 45 rpm | Stilo: Ortofon 2M Red

Eccellente rapporto qualità prezzo 
Facile da impostare
Cambio della velocità manuale
Richiede un preamplificatore phono

Pro-Ject Debut Carbon in lizza per essere uno dei migliori giradischi hi-fi entry-level che è possibile acquistare ed è davvero un affare incredibile, per la cifra richiesta. 

Offre infatti un piatto molto ben realizzato e smorzato correttamente per una fantastica qualità del suono. Il braccetto in fibra di carbonio è leggero e rigido e solitamente si trova su giradischi che costano molto di più.

Il Pro-Ject Debut Carbon è l’ideale per il collezionista neofita e non ha caratteristiche come il braccetto con ritorno automatico, pulsanti per cambiare velocità o preamplificatore phono integrato. Per cambiare velocità è necessario spostare la posizione della cinghia e, questo, insieme alla mancanza di un preamplificatore, potrebbe scoraggiare i principianti.

Se per voi la carenza di queste funzionalità non è un fatto grave, sappiate che il Debut Carbon riesce ad estrarre dai vinili una grande quantità di dettagli, ed elargire un suono molto fine, rivelandosi il giradischi ideale per l’amatore dal budget ridotto che mette la qualità audio in primo piano. Se vi interessa un giradischi simile ma dall’aspetto più sobrio, potete dare un'occhiata al Crosley C10, che presenta un elegante corpo in legno combinato con un braccio Pro-Ject.

Leggi la nostra recensione: Pro-Ject Debut Carbon

Rega Planar 1

5. Rega Planar 1

Uno dei migliori giradischi Hi-Fi entry-level per sperimentare

Dimensioni: 450 x 385 x 115 mm | Motore: trasmissione a cinghia | Piatto: resina fenolica | Preamplificatore phono: No | USB: No | Velocità: 33 ⅓, 45 giri / min | Stilo: Rega Carbon

Eccellente qualità del suono
Facile da impostare, anche per i neofiti
Velocità regolabile manualmente
Preamplificatore phono non incluso

C'è molto dibattito su quale tra il Rega Planar 1 o il Pro-Ject Debut Carbon sia il miglior giradischi Hi-Fi entry-level. È una partita difficile e non c’è un chiaro vincitore, ognuno dei due si rivela essere un eccellente punto di partenza per gli audiofili dal budget limitato. 

Mentre al Rega manca il fantastico braccio carbonio del Pro-Ject, il Planar 1 suona in maniera egregia, grazie all’eccellente piatto smorzante in resina fenolica. Per i neofiti, Rega Planar 1 è piuttosto semplice da installare, anche se sarà necessario un preamplificatore phono esterno. Alla fine, il Rega Planar 1 suona così bene che è difficile criticarlo. Le voci sono molto dettagliate ed è possibile sentire gli strumenti, come i violini, scanditi con precisione.

La cartuccia Rega Carbon inclusa non è eccezionale, ma riesce ad essere un'ottima soluzione economica per i giradischi. È una scelta difficile tra Planar 1 e Debut Carbon, ma è altrettanto difficile sbagliare, optando per l’uno o per l’altro.

Marantz TT-15S1

6. Marantz TT-15S1

Un giradischi di livello professionale

Dimensioni: 440 x 350 x 110 mm | Motore: trasmissione a cinghia | Piatto: acrilico ad alta densità | Preamplificatore phono: No | USB: No | Velocità: 33 ⅓, 45 rpm | Stilo: Clearaudio Virtuoso

Splendido design
Ottima attenzione ai dettagli
Il prezzo lo rende un investimento

Il Marantz TT-15S1 è un modello costoso ma è davvero un buon affare. Alcune componenti, come lo stilo Clearaudio Virtuoso, incluso con il giradischi, costa diverse centinaia di euro, se acquistato separatamente. Inoltre, il braccetto e il giradischi in generale sono fantastici, anche se il prezzo vi costringerà a usarlo spesso (e non è una cosa realmente negativa). In alternativa ci sono dei modelli più economici che faranno lo stesso lavoro ad una frazione del costo, ma optando per il Marantz difficilmente sentirete il desiderio di sostituirlo.

Quindi cosa mette il Marantz TT-15S1 davanti alla concorrenza? 

Certamente l’attenzione per il dettaglio. Ogni parte del giradischi è stata realizzata per essere la migliore possibile. Forma e finitura sono fantastiche ed è un piacere toccare i suoi componenti di alta qualità. Questo giradischi è da ammirare per le capacità sonore ma anche per l’estetica. Il suo utilizzo non è adatto ai principianti, e richiede esperienza per essere impostato correttamente rispetto ad altri modelli nella nostra classifica. Ma se volete ascoltare i vostri dischi al top, certamente il Marantz TT-15S1 è il punto di partenza perfetto.

Leggi la nostra recensione: Marantz TT-15S1

Clearaudio Concept

7. Clearaudio Concept

Un giradischi hi-fi di fascia media e incredibilmente bello.

Dimensioni: 420 x 350 x 125 mm | Motore: trasmissione a cinghia | Piatto: poliossimetilene | Preamplificatore phono: No | USB: No | Velocità: 33 ⅓, 45, 78 rpm | Puntina: Clearaudio Concept MC

Eccellente qualità costruttiva 
Suono ricco e dettagliato
Costoso (ma ancora un affare)

Se Clearaudio Concept e Marantz TT-15S1 sembrano simili, è perché il Marantz è stato costruito da Clearaudio secondo le specifiche di Marantz. Per questa ragione, tutto ciò che riguarda l'eccellente qualità costruttiva del Marantz si estende al Clearaudio Concept, e questo lo rende un giradischi di valore. Una piccola ma notevole differenza tra Marantz e Clearaudio è la capacità di riprodurre dischi a 78 giri / min. 

Mentre la maggior parte delle persone difficilmente userà i 78 giri, per quelli che invece li possiedono, farà una enorme differenza. Il Concept ha anche una pratica selezione rapida sullo zoccolo, e ciò permette di non dover spostare manualmente la cinghia per cambiare la velocità. Per quanto riguarda gli aspetti negativi, il Clearaudio Concept non presenta difetti rilevanti. 

È ovviamente un modello costoso, ma relazionando il prezzo alla qualità, possiamo affermare che è comunque un vero affare. La cartuccia a bobina mobile Clearaudio Concept inclusa costa infatti parecchie centinaia di euro, se acquistata singolarmente.

Leggi la nostra recensione: Clearaudio Concept 

Sony PS-HX500

8. Sony PS-HX500

Un giradischi per principianti a tutto tondo, con alcuni fastidiosi difetti

Dimensioni: 420 x 295 x 100 | Motore: trasmissione a cinghia | Piatto: lega di alluminio pressofuso | Preamplificatore phono: Sì | USB: Sì 44,1 kHz / 48 kHz / 96 kHz / 192 kHz (16 bit / 24 bit) | Velocità: 33 ⅓, 45 rpm | Stilo: Sony 9-885-210-05

Registrazione audio USB ad alta risoluzione 
Audio di buona qualità, in relazione al prezzo
Costruzione in plastica dall’aspetto povero
Design da dimenticare

Sony PS-HX500 è un ottimo giradischi entry-level per chi ha appena iniziato a collezionare dischi. La sua caratteristica principale è la capacità di registrare audio Hi-Res dall'uscita USB con una risoluzione di 96kHz / 24 bit. Questa è una funzione interessante per coloro che desiderano digitalizzare i propri vinili. 

In termini di qualità del suono, il Sony PS-HX500 ha un suono piuttosto tridimensionale e offre un buon livello di dettaglio. Tuttavia, lo stilo incluso suona un po' duro e sibilante a volte e manca la risoluzione di cartucce più costose. Mentre ad alcuni potrebbe piacere il design minimalista del giradischi Sony, secondo noi è assolutamente sottotono, inoltre la struttura in plastica lascia molto a desiderare. L’utilizzo piacevole del giradischi ci fa comunque desiderare materiali di una qualità migliore di quella proposta da Sony.

Cambridge Audio Alva TT

(Image credit: Cambridge Audio)

9. Cambridge Audio Alva TT

Il vecchio incontra il nuovo in giradischi fantastico

Dimensioni: 435 x 368 x 139 mm | Motore: azionamento diretto | Piatto: poliossimetilene | Preamplificatore phono: No | USB: No | Velocità: 33 ⅓, 45 rpm | Stilo: MC ellittica

Streaming wireless aptX HD Hi-Res
Semplice da configurare
Costruito per durare
Manca un po’ di dinamismo

Alva TT è un giradischi è costoso in assoluto, ed è il modello più costoso mai realizzato dall’azienda. Ma le sue specifiche uniche permettono di suonare i vinili con il massimo della qualità possibile, senza scendere a compromessi. 

È in grado di trasmettere in streaming wireless con lo standard aptX HD a 24 bit / 48 kHz e ciò lo rende unico. Nessun altro giradischi delle migliori marche, offre altrettanto al momento. Questo modello presenta una eccellente qualità sonora, anche se la dinamica non è all’altezza delle altre caratteristiche. Dato che parliamo dell’eccellenza, potremmo quasi definirlo un difetto grave, dove in altri contesti sarebbe stato perfettamente accettabile.

Leggi la nostra recensione: Cambridge Audio Alva TT 

Audio-Technica AT-LP60XBT

(Image credit: Audio-Technica)

10. Audio-Technica AT-LP60XBT

Un giradischi Bluetooth perfetto per i principianti

Dimensioni: 360 x 373 x 98 mm | Motore: trasmissione a cinghia | Piatto: Alluminio | Preamplificatore phono: Sì | USB: No | Velocità: 33 ⅓, 45 rpm | Stilo: ATN3600L

Ottimo rapporto qualità-prezzo
Installazione semplice
Suono non troppo dettagliato 
Materiali un po' economici

Con un prezzo economico, un assemblaggio semplice e la convenienza della riproduzione wireless, l'AT-LP60XBT potrebbe essere un fantastico primo giradischi per qualsiasi appassionato di vinile alle prime armi. Mentre il plinto sembra un po' inconsistente, e il suono potrebbe non essere abbastanza dettagliato per alcuni, il prezzo basso giustifica queste mancanze. Inoltre, l’aggiunta della connettività Bluetooth rende l'AT-LP6XBT davvero stuzzicante.

Audio-Technica è nota per la produzione di cartucce di alta qualità e quella utilizzata su questo giradischi non fa eccezione. Lo stilo ATN3600L si adatta perfettamente alle scanalature dei dischi e rivela dettagli nelle canzoni che potreste non aver mai notato su altri modelli di giradischi, pertanto scoprirete che sarà un vero piacere utilizzarlo.

Leggi la nostra recensione: Audio-Technica AT-LP60XBT

Technics SL 1500c

(Image credit: Technics)

11. Technics SL 1500c

Bomb-proof build and great clarity

Dimensioni: 453 x 372 x 169 mm | Motore: azionamento diretto | Piatto: alluminio pressofuso | Preamplificatore phono: Sì | USB: No | Velocità: 33 ⅓, 45 e 78 rpm | Puntina: N / A

Qualità costruttiva a prova di bomba
Semplice da configurare e utilizzare
Chiarezza notevole
Costoso
Non così raffinato

Technics SL-1500C è il modello economico del marchio, anche se si trova ben lontano dal prezzo dei giradischi davvero economici. È il primo che la rinata Technics ha realizzato per gli ascoltatori appassionati del marchio.

La scena sonora è impressionante, mentre la finezza del dettaglio permette di percepire individualmente ogni singolo strumento. L’ottima tridimensionalità della scena messa in campo da Technics, non va comunque a cancellare la sintonia musicale che l'SL-1500C è capace di offrire. Se questo sarà il vostro primo giradischi, è probabile che sarà anche l’ultimo, essendo costruito per durare.

Leggi la nostra recensione: Technics SL-1500C

Fluance RT81

12. Fluance RT81

Un'alternativa all'AT-LP120-USB per coloro che non necessitano di USB

Dimensioni: 420 x 350 x 140 mm | Motore: trasmissione a cinghia | Piatto: alluminio | Preamplificatore phono: Sì | USB: No | Velocità: 33 ⅓, 45 rpm | Puntina: ATN95E

Suono eccezionale per il prezzo 
Preamplificatore phono valido
Scarso smorzamento delle vibrazioni 
Braccetto senza ritorno automatico

Fluance RT81 è un giradischi base ed è eccellente per gli appassionati. È semplice da configurare e utilizzare per i principianti, ma è possibile sostituire la cartuccia per ottenere maggiori prestazioni in seguito. Inoltre, non sarà necessario preoccuparsi di acquistare un preamplificatore phono separato, dato che è già integrato. Rimane comunque possibile disattivarlo se si desidera utilizzare un preamplificatore esterno di qualità migliore. 

Le caratteristiche aggiornabili sono benvenute poiché garantiscono che il prodotto durerà a lungo. L'unico aspetto negativo del Fluance è che la funzione di "autospegnimento" pubblicizzata dall’azienda spegne semplicemente il piatto, impedendo di usurare la puntina, ma sarà comunque necessario riportare il braccio nella sua posizione di riposo. Dovrete inoltre posizionare il braccio sul disco. Una operazione semplice che i giradischi automatici però non richiedono. Per un'esperienza di ascolto completamente automatizzata orientatevi sul Denon DP-300F.

Leggi la nostra recensione: Fluance RT81

Cosa fa di un giradischi, un buon giradischi?

Cosa fa di un giradischi, un buon giradischi?

Di che altro avrò bisogno?

(Image credit: Vinyl)

Oltre al nuovo giradischi, ci sono alcuni componenti per quale potrebbe essere necessario investire. Prima di tutto, è necessario trovare una buona coppia di altoparlanti stereo, possibilmente provandoli di persona e ascoltando con essi i vostri brani preferiti, ciò farà un’enorme differenza, quando avrete completato tutto il vostro l’impianto. Ricordatevi anche che, un giradischi è inoltre tanto buono quanto gli altoparlanti a cui verrà collegato. Se decidete di acquistare un giradischi wireless, potreste voler investire in un altoparlante Bluetooth o collegarlo al vostro Smart speaker preferito. Se il preamplificatore non è incluso nel giradischi, sarà necessario acquistarne uno. Ovviamente questo non andrà a sostituire l’amplificatore dell’impianto Hi-Fi, ma servirà a portare il segnale ad un livello adeguato per essere amplificato e inviato agli altoparlanti, agendo in pratica come primo stadio di amplificazione, dato che il segnale (che possiamo misurare in millivolt) prodotto dalla testina è particolarmente basso, poiché generato elettromeccanicamente, rispetto a quello prodotto dall'uscita di dispositivi come lettori CD-ROM, sintonizzatori radio e altri.

Uno dei dettagli più importanti da tenere in considerazione quando si acquista un giradischi è il suo livello di smorzamento. La capacità di smorzamento è data essenzialmente dall'insieme di tecnologie, materiali e metodi che i produttori decidono di utilizzare per contrastare le vibrazioni, sia quelle interne, che quelle provenienti dall'esterno. 

Ciò viene realizzato attraverso l'uso di diverse configurazioni del motore e attraverso la selezione di determinati componenti. Ad esempio, nella maggioranza dei casi, i giradischi con trasmissione a cinghia saranno molto più silenziosi e offriranno una maggiore fedeltà rispetto ai loro fratelli a trasmissione diretta, poiché questi ultimi hanno un motore che è direttamente collegato al piatto e che trasmetterà, appunto perché diretto, tutte le vibrazioni.

Tuttavia, esistono alcuni ottimi giradischi a trasmissione diretta e non è possibile discriminare basandosi solamente su questo parametro. Se avete appena iniziato a collezionare dischi, in ogni caso, probabilmente non vorrete usare giradischi complessi, con angolo di tracciamento verticale regolabile, anti-skate e azimut, ma un modello automatico di buona qualità potrebbe essere tutto quello di cui avete bisogno. Inoltre, se desiderate estrarre le tracce audio dei dischi, vi servirà indubbiamente la presenza di un’uscita USB.

Giradischi in offerta