I dieci migliori fitness tracker economici. I braccialetti a buon mercato che ti fanno restare in forma

null

Aggiornamento: Abbiamo appena inserito due nuovi fitness tracker nella nostra classifica dei migliori dispositivi economici. Si tratta del nuovo Huawei Band 3 Pro e dell'ancora più recente Fitbit Inspire HR. Continuate a leggere per scoprire come si sono piazzati. 

Nel giro di pochi anni i braccialetti fitness, che all’inizio non erano altro che semplici pedometri, sono diventati strumenti completi per l’allenamento.

La buona notizia è che oggi anche i modelli più evoluti, che analizzano il sonno e controllano i battiti cardiaci, possono essere acquistati a meno di 100 euro. E noi li abbiamo provati per voi.

Misurare i passi, le calorie bruciate, il battito cardiaco, la distanza percorsa e la qualità del sonno. Tenere sotto controllo questi paramenti migliora la vita e non deve essere un peso enorme per il portafoglio.

Un fitness tracker rappresenta un’ottima ed economica idea regalo per chiunque. Anche perché non è specializzato solo per una funzione o per un tipo di sport.

Certo, se avete in mente di regalarlo a un atleta o a uno sportivo serio allora forse vi converrà cercare qualcosa di più specialistico. Ma per tutti gli altri, dai sedentari da divano a chi si trascina in palestra due volte la settimana, c’è sicuramente il dispositivo giusto nella nostra classifica.

Per ciascun dispositivo in classifica c’è il link alla recensione completa. Se pensate che potrebbe essere il modello giusto per voi non esitate a farci clic sopra.

Immagine 1 di 5

Image credit: TechRadar

Image credit: TechRadar
Immagine 2 di 5

Image credit: Huawei

Image credit: Huawei
Immagine 3 di 5

Image credit: TechRadar

Image credit: TechRadar
Immagine 4 di 5

Image credit: TechRadar

Image credit: TechRadar
Immagine 5 di 5

Image credit: TechRadar

Image credit: TechRadar

1. Huawei Band 3 Pro

Both style and substance on a budget

Display: Si | Sensore battito: Sì | Impermeabile: Sì | Controllo attività: Sì | GPS: Sì | Autonomia: 14 giorni in standby | Compatibilità: Android/iOS

Ottima autonomia
Schermo a colori
GPS a volte lento a catturare la posizione
Manca la funzione "Breathing"

Il nostro favorito tra i  fitness tracker economici è il Huawei Band 3 Pro. Considerato il prezzo, ci sono molte funzioni che ci convincono.

ha il GPS integrato, è impermeabile (quindi lo potete portare quando nuotate) e ha uno schermo a colori da 0.95-pollici per visualizzare tutte le statistiche al polso.  Non troverete tutte queste funzioni su altri tracker presenti in classifica.

Se state cercando un dispositivo economico per la vostra prima esperienza nel settore degli indossabili per il fitness questo è un ottimo dispositivo con cui iniziare. E a questo prezzo difficilmente troverete di meglio.

Leggi la recensione approfondita del Huawei Band 3 Pro 

Immagine 1 di 3

Image Credit: Fitbit

Image Credit: Fitbit
Immagine 2 di 3

Image Credit: Fitbit

Image Credit: Fitbit
Immagine 3 di 3

Image Credit: TechRadar

Image Credit: TechRadar

2. Fitbit Inspire HR

Un aiuto per alzarsi dal divano

Display: Sì | Sensore battito: Sì | Impermeabile: Sì | Controllo attività: Sì | GPS: No | Autonomia: 5 giorni | Compatibilità: Android/iOS

Ottimo design
Molte attività di running
Manca il misuratore per il nuoto
Manca la possibilità di pagare contactless 

Per la prima volta un dispositivo Fitbit entra tra i primi cinque della nostra classifica dei migliori modelli economici. Il nuovo Fitbit Inspire HR è un buon fitness tracker senza comunque essere il più economico. Anche se dovrete pagare qualcosa di più, Fitbit ha inserito funzioni interessanti e un design curato che giustifica la maggiore spesa. 

Manca il GPS, che è presente su altri modelli, in compenso avrete a disposizione l'app Fitbit,  un accurato misuratore del battito e diversi esercizi direttamente dallo smartwatch. 

Leggi la recensione approfondita del Fitbit Inspire HR 

Immagine 1 di 3

Image Credit: Moov

Image Credit: Moov
Immagine 2 di 3

Image Credit: Moov

Image Credit: Moov
Immagine 3 di 3

Image Credit: Moov

Image Credit: Moov

3. Moov Now

Un fitness tracker su misura per te

Display: No | Sensore battito: No | Impermeabile: Sì | Controllo attività: Sì | GPS: Sì, via smartphone | Autonomia: Sei mesi | Compatibilità: Android/iOS

Autonomia fantastica
Misurazioni accurate
Funzioni limitate
Sensore cardio extra

Nonostante abbia qualche anno di vita, il Moov Now rimane uno dei nostri favoriti braccialetti fitness grazie all’accelerometro a 9 assi. Lo stesso usato sui sistemi di navigazione dei missili. Questo significa che non misura solamente i passi ma ogni tipo di movimento. E può offrire un feedback personalizzato. 

Moov Now controlla l’impatto dei piedi nella corsa, le bracciate nel nuoto e le ripetute in palestra. In pratica è come avere al proprio fianco un allenatore virtuale che offre sempre le indicazioni corrette. 

È impermeabile e ha un’autonomia che raggiunge i sei mesi. Acquistatelo se cercate un dispositivo economico ma efficace e senza troppi fronzoli che non vi distragga dai vostri esercizi.

Leggi la recensione approfondita del  Moov Now 

Immagine 1 di 3

Image Credit: Honor

Image Credit: Honor
Immagine 2 di 3

Image Credit: TechRadar

Image Credit: TechRadar
Immagine 3 di 3

Image credit: TechRadar

Image credit: TechRadar

4. Honor Band 4

Come un Fitbit, ma più economico

Display: Sì | Sensore battito: Sì | Impermeabile: Sì | Controllo attività: Sì | GPS: No | Autonomia: Una settimana | Compatibilità: Android/iOS

Schermo OLED con vetro
Economico
Manca il GPS
Notifiche

Il quarto posto della nostra classifica va al Band 4 della cinese Honor, che è al suo quarto tentativo di realizzare un tracker economico.

Lo schermo è un OLED a colori di buona qualità che non troverete su altri dispositivi. Manca invece il GPS, così dovrete portarvi dietro il telefono per sapere quanta strada avete fatto.

Band 4 è uno dei tracker più sottili e leggeri tra i modelli economici, tenete presente questo elemento se volete qualcosa che non si noti troppo al polso.

Leggi la recensione approfondita del Honor Band 4 

Immagine 1 di 4

Image Credit: Garmin

Image Credit: Garmin
(Image: © Garmin)
Immagine 2 di 4

Image credit: TechRadar

Image credit: TechRadar
Immagine 3 di 4

Image credit: TechRadar

Image credit: TechRadar
Immagine 4 di 4

Image Credit: Garmin

Image Credit: Garmin

5. Garmin Vivofit 4

Autonomia di un anno più schermo integrato

Compatibilità: : iOS e Android | Display: Transflettivo a 8 colori | Spessore: 9.4mm | Autonomia: 1-year | Ricarica: due batterie SR43 | Impermeabile: Water-resistant | Connettività: Bluetooth

Autonomia di un anno
Display piccolo ma a colori
Manca sensore battito e GPS 
Design anonimo

Garmin Vivofit 4 rispetto al precedente modello entry level può vantare uno schermo a colori visibile anche sotto la luce diretta del sole. Un risultato ottenuto senza dover sacrificare la lunghissima autonomia di un anno.

Vengono forniti i dati principali relativi a passi, distanza, consumo calorico e qualità del sonno. Grazie al sistema Move IQ viene anche rilevato automaticamente  il movimento.

L’app Garmin Connect permette di personalizzare il display, impostare allarmi e timer direttamente dal polso. Nonostante questo Vivofit 4 è il 20 per cento più economico del Vivofit 3 al momento del lancio. Certo, saremo costretti a rinunciare a caratteristiche premium come il controllo dei battiti o il GPS, ma non si poteva avere di meglio a questo prezzo. 

Leggi la recensione approfondita del Garmin Vivofit 4 

Immagine 1 di 3

Image Credit: Amazfit

Image Credit: Amazfit
Immagine 2 di 3

Image Credit: Amazfit

Image Credit: Amazfit
Immagine 3 di 3

Image Credit: Amazfit

Image Credit: Amazfit

6. Amazfit Bip

Un ottimo tracker fitness con una grande autonomia

Compatibilità: iOS e Android | Display: LCD a colori | Sensore battito: Sì | Impermeabile: Sì | Controllo attività: Sì | GPS: Sì | Autonomia: 1 mese

Rapporto qualità-prezzo
Design
Ottima app per smartphone 
Pochi esercizi disponibili
Interfaccia poco pratica

Il Bip è un orologio tanto evoluto quanto semplice. Nella nostra recensione completa lo abbiamo definito “L’Apple Watch per chi non se la tira"  e confermiamo il soprannome.

Certo, come esperienza d’uso e prestazioni non può competere con il modello di Apple, proprio per niente. Ma rimane un tracker preciso che ha alcuni assi nella manica, soprattutto l’autonomia che può arrivare al mese. 

Se cercate un semplice wearable che  invii le notifiche del telefono, vi svegli con un allarme e tenga sotto controllo gli allenamenti con il GPS, allora il Bip potrebbe essere la scelta giusta. 

Come regalo va bene per chi cerca qualcosa di semplice ed efficace. La facilità d’uso lo rende adatto anche a chi non è appassionato di tecnologia.

Leggi la recensione approfondita del Amazfit Bip 

Immagine 1 di 3

Image Credit: Xiaomi

Image Credit: Xiaomi
Immagine 2 di 3

Image credit: TechRadar

Image credit: TechRadar
Immagine 3 di 3

Image Credit: Xiaomi

Image Credit: Xiaomi

7. Xiaomi Mi Band 3

C’è molto da apprezzare qui, soprattutto il prezzo

Compatibilità: iOS e Android | Display: OLED | Spessore: 10.5mm | Autonomia: 20+ giorni | Ricarica: Proprietaria a cavo | Impermeabile: Waterproof | Connettività: Bluetooth

Molto economico
Design sottile
Poco visibile sotto la luce diretta
Manca il GPS

Volete il più economico della classifica? Eccovelo: Xiaomi Mi Band 3 costa pochissimo e non è da buttare via. Anzi considerato il prezzo potrà fornire belle sorprese.

L’autonomia può raggiungere il mese, a seconda di come lo si usa, e ci sono anche molti sensori fitness integrati. Certo, manca il GPS, ma in compenso c’è il sensore per il battito e quello che controlla in automatico l’attività e gli esercizi. 

Non è il più stiloso tra i tracker, ma ha un design sottile ed è così leggero che non vi ricorderete di averlo al polso. Lo schermo mostra i dati relativi agli allenamenti ed è decisamente più grande di quello del  Mi Band 2.

Se risparmiare è il vostro credo nella ricerca di un tracker fitness, allora non sbaglierete scegliendo il Mi Band 3 di Xiaomi.

Leggi la recensione approfondita del Xiaomi Mi Band 3 

Immagine 1 di 4

Image Credit: Fitbit

Image Credit: Fitbit
Immagine 2 di 4

Image Credit: Fitbit

Image Credit: Fitbit
Immagine 3 di 4

Image credit: TechRadar

Image credit: TechRadar
Immagine 4 di 4

Image credit: TechRadar

Image credit: TechRadar

8. Fitbit Flex 2

Semplice ma efficace

Compatibilità: iOS e Android | Display: LED | Spessore: 6.8mm | Autonomia: 5 giorni | Ricarica: Proprietaria a cavo | Impermeabile: Sì | Connettività: Bluetooth

Tracking automatico
Ottima app
Autonomia scarsa
Niente display

C’è un motivo per cui Fitbit è stato uno dei primi produttori ad avere successo nel settore dei tracker e continua ad averne anche oggi: realizza prodotti validi. E nel caso del Fitbit Flex 2 realizza prodotti con tante funzioni e basso prezzo.

Il Flex 2 controlla i classici parametri: passi, distanza, calorie attraverso i sensori di movimento, e non si ferma qui. Può controllare in automatico anche il sonno e le serie di esercizi che farete in palestra. Tutto viene sincronizzato in modo wireless sullo smartphone e permette di avere un feedback prezioso sul vostro stato di forma. 

Il Flex 2 è anche impermeabile, è venduto in differenti colori e usa luci LED e vibrazioni per avvisarvi di chiamate e notifiche sullo smartphone collegato. Tutto questo con un’autonomia che dovrebbe arrivare ai cinque giorni. 

Leggi la recensione approfondita del Fitbit Flex 2 

Immagine 1 di 3

Image Credit: Misfit

Image Credit: Misfit
Immagine 2 di 3

Image credit: TechRadar

Image credit: TechRadar
Immagine 3 di 3

Image credit: TechRadar

Image credit: TechRadar

9. Misfit Ray

Stile e sostanza

Compatibilità: iOS e Android | Display: LED | Spessore: 12mm | Autonomia: 6 mesi | Ricarica: Proprietaria a cavo | Impermeabile: Fino a 50m | Connettività: Bluetooth

Design ricercato
Pulsante smart 
App poco pratica
Non controlla esercizi in palestra 

Anche se ha ormai qualche anno di vita, il Misfit Ray è un tracker economico che attirerà l’attenzione di chi bada al suo look.

Ci sono molti colori tra cui scegliere e un cuore in alluminio anodizzato al centro del braccialetto e con luci LED. C’è anche un pulsante smart che permetterà di tenere sotto controllo anche l’ambiente in cui siete.

Il braccialetto integra delle batterie usa e getta che dovrebbero durare almeno sei mesi. Oltre al controllo dei passi e del sonno il tracker impermeabile Ray invia notifiche per telefonate, messaggi, promemoria e allarmi. Si tratta di una scelta giusta per chi non ama dispositivi troppo plasticosi e destinati esclusivamente al fitness. È veramente ben costruito e non farà brutta figura anche se abbinato a una catenina o a un altro braccialetto.

Leggi la recensione approfondita del Misfit Ray 

Immagine 1 di 3

Image Credit: Garmin

Image Credit: Garmin
Immagine 2 di 3

Image credit: TechRadar

Image credit: TechRadar
Immagine 3 di 3

Image credit: TechRadar

Image credit: TechRadar

10. Garmin Vivosmart 3

Molte funzioni smart considerato il costo

Compatibilità: iOS e Android | Display: Bianco e nero | Spessore: 9.8mm | Autonomia: 5 giorni | Ricarica: Proprietaria a cavo | Impermeabile: Water resistant | Connettività: Bluetooth

Conta le ripetizioni
Tracking dell’attività in automatico 
Manca il  GPS
Non sempre abbastanza sensibile 

Nonostante sia stato appena presentato il Garmin Vivosmart 4, abbiamo deciso di inserire nella classifica dei tracker economici il Vivosmart 3 in quanto il prezzo è sceso, e continuerà a farlo. 

Non si tratta del modello più economico in classifica, ma è uno di quelli meglio costruiti e vi mostrerà tutti i dati che vi servono sul piccolo display, compreso il numero delle ripetizioni e altri esercizi da palestra. 

Manca il GPS e anche per questo Vivosmart 3 ci sembra maggiormente indicato per la palestra. Inoltre l’app di Garmin è una garanzia per quanto riguarda la completezza delle funzioni e la leggibilità.

Leggi la recensione approfondita del Garmin Vivosmart 3

Photoillustration credit: TechRadar; Fitbit, Huawei, Honor, Garmin