Skip to main content

Huawei Mate 40: data di uscita, prezzo, notizie e indiscrezioni

Huawei Mate 40
Huawei Mate 30 Pro (Image credit: TechRadar)

Huawei Mate 40 e Mate 40 Pro sono i nuovi top di gamma del colosso cinese che verranno presentati entro la fine del 2020 e, come da tradizione, saranno equipaggiati con tutte le migliori tecnologie e funzioni esclusive di cui dispone l’azienda. Ora che l’arrivo della serie Mate 40 è ormai prossimo, ci sono diversi interrogativi che li riguardano, come il fatto che abbiano o meno l’accesso alle app di Google e in quali paesi verranno commercializzati. 

Altri smartphone attesi per il 2020:

Al momento non sappiamo rispondere a nessuna delle due domande, ma raccogliendo tutte le indiscrezioni che stanno circolando in rete possiamo iniziare a farci un’idea di quali saranno le caratteristiche dei nuovi dispositivi della serie Mate. Il lancio della serie Huawei P40 avvenuto a marzo 2020 ci ha dato un’anticipazione dei piani di Huawei per quest’anno e, osservando le caratteristiche di questi dispositivi, possiamo trarre degli utili suggerimenti per capire cosa troveremo sugli ormai prossimi Huawei Mate 40 e Mate 40 Pro.

Abbiamo anche stilato la nostra lista dei desideri nella quale sono presenti tutte le caratteristiche che speriamo di trovare nella nuova gamma Mate 40, a cominciare da un OS Android completo e molto altro. Vi auguriamo una buona lettura e vi invitiamo a seguire questa pagina in quanto aggiorneremo l’articolo con le ultime indiscrezioni qualora ce ne siano di attendibili.

Aggiornamento: Un rumor smentisce l’ipotesi di un lancio entro ottobre

 Dritti al punto 

  • Cos’è? Il successore di Huawei Mate 30 
  • Quando esce? Probabilmente ottobre 2020 
  • Quanto costa? Avrà un prezzo in linea con gli altri top di gamma 

Huawei Mate 40: data d'uscita e prezzo

Huawei Mate 30 e Huawei Mate 30 Pro sono stati presentati il 19 settembre 2019, mentre la linea Huawei Mate 20 è disponibile da ottobre 2018. Dato che al momento non ci sono rumor relativi alla data di lancio della nuova serie e visti i precedenti, ci aspettiamo che la serie Mate 40 arrivi tra settembre e ottobre 2020. 

Un recente leak ha indicato Ottobre come mese di lancio per i due modelli, data molto vicina a quella di uno dei concorrenti principali della serie, Google Pixel 5, che dovrebbe arrivare proprio nello stesso mese. Tuttavia un altro rumor diffuso pochi giorni dopo smentisce questa data parlando di possibili ritardi che potrebbero far slittare la data di lancio.

Del resto siamo nel campo delle ipotesi e non è detto che gli smartphone, anche fossero presentati a ottobre, siano da subito disponibili per l’acquisto. In effetti potrebbe essere piuttosto difficile acquistare un Mate 40 in alcuni paesi. Ad esempio, al momento della stesura dell’articolo, non abbiamo informazioni chiare sulla disponibilità della serie Mate 30 in nazioni come Stati Uniti, Inghilterra e Australia. Queste limitazioni potrebbero persistere per questi stati e speriamo non vengano estese anche al continente europeo. Per ora, in Italia è possibile acquistare i dispositivi della serie Mate 30 direttamente dal sito del fornitore, quindi prevediamo che anche con la nuova serie non ci saranno problemi.

Per quanto riguarda il prezzo, in mancanza di dati certi, possiamo prendere come riferimento il predecessore Huawei Mate 30 che nella versione standard costa €799, mentre il modello Pro ha un prezzo di listino di  €1,099. Ci aspettiamo dei prezzi simili anche per la serie Mate 40.

(Image credit: TechRadar)

Huawei Mate 40: notizie e indiscrezioni

Al momento sappiamo poco e niente su Huawei Mate 40 e Mate 40 Pro. Niente di sorprendente, dato che gli smartphone usciranno verso la fine del 2020. 

Ciononostante, man mano che la data di lancio si avvicina, stanno iniziando a circolare nuove indiscrezioni. Innanzitutto è probabile che i Mate 40 utilizzino il sistema operativo Android, ma che al contempo, come la serie Mate 30, non possano accedere ai servizi Google Play.

Huawei ha creato un sistema operativo proprietario chiamato HarmonyOS, dichiarando però che non ha alcuna fretta di sostituirlo ad Android..

Tra i rumors c’è la possibilità che la serie Huawei Mate 40 verrà equipaggiata con un chipset Kirin 1000. Quest’ultimo non è ancora stato presentato, ma stando a quanto afferma Huawei Central sarà il primo chipset con processo produttivo a 5nm (il che lo renderebbe più piccolo ed efficiente rispetto al chipset di Huawei Mate 30) e arriverà nella seconda metà del 2020.

Anche se si tratta solo di un rumor è piuttosto probabile, dato che da sempre la linea Mate di Huawei fa da palcoscenico al debutto dei nuovi chipset. 

Tra l’altro, di recente, abbiamo sentito affermazioni simili anche da Ming-Chi Kuo (un analista molto conosciuto), anche se quest'ultimo suggeriva che il chipset si sarebbe chiamato Kirin 1020 (potrebbe trattarsi di un altro modello attualmente in lavorazione).

Kuo ha suggerito anche che la gamma Mate 40 potrebbe disporre di un nuovo design per la fotocamera in grado di ridurre la distorsione tipica delle lenti grandangolari.

(Image credit: TechRadar)

Cosa vogliamo vedere sulla serie Mate 40 

Huawei Mate 30 e Mate 30 Pro sono ottimi smartphone ma hanno un grande difetto e altre piccole imperfezioni che potrebbero essere risolte nella nuova serie Mate 40. Ecco la lista delle caratteristiche e delle funzioni che ci auguriamo di vedere su Huawei Mate 40 e Mate 40 Pro. 

1. Android comepleto

La nostra lista dei desideri per la serie Huawei Mate 40 si limita all’implementazione di una versione completa di Android (con tanto di servizi Google Mobile), ma inizia da qui.

Senza questa caratteristica, per quanto i dispositivi siano potenti e ben realizzati, la serie Mate 40 sarà limitata come la precedente. Speriamo che Huawei riesca a trovare un accordo con gli Stati Uniti in modo da poter tornare ad utilizzare le app e i servizi Google sui suoi dispositivi. 

2. Il ritorno dei tasti per il volume 

Mate 30 Pro si è caratterizzato per alcune scelte di design piuttosto controtendenza, inclusa la rimozione dei tasti fisici per la regolazione del volume. Al loro posto sono state inserite delle gesture per regolare il volume che, anche se funzionano benissimo, non si possono utilizzare quando lo schermo non è attivo.

Questo è uno dei pochi aspetti che non abbiamo apprezzato sulla serie Mate 30 e ci aspettiamo che la linea Huawei Mate 40 faccia ritorno ai tasti fisici per il volume, pur non dovendo necessariamente rinunciare alle gesture da usare quando il display è attivo.

3. Le stesse curve, senza la vignettatura 

(Image credit: TechRadar)

Questo è un problema che riguarda esclusivamente Huawei Mate 30 Pro che, a differenza di Mate 30 standard, ha uno schermo con una curvatura accentuata dall’aspetto fantastico, ma che presenta anche un difetto piuttosto fastidioso.

Sfortunatamente, queste curve accentuate creano un effetto vignetta che compromette la visualizzazione delle immagini di qualità prodotte dalla fotocamera. Tuttavia, sempre che Huawei riesca a risolvere il problema, ci piacerebbe vedere nuovamente la curve accentuate della serie Mate 30 anche su Mate 40 e Mate 40 Pro.

4. Basta con i notch 

Nonostante Huawei Mate 30 e Mate 30 Pro abbiano un design moderno ed esteticamente appagante entrambi utilizzano il notch, scelta che li fa sembrare piuttosto datati. Per la serie Huawei Mate 40 ci aspettiamo un design a tutto schermo, senza notch e punch-hole a interrompere la superficie frontale. 

5. Uno schermo con maggiore risoluzione 

(Image credit: TechRadar)

Nonostante le sue specifiche da top di gamma, Huawei Mate 30 Pro ha un display da “appena” 1176 x 2400 pixel, mentre Mate 30 si ferma a 1080 x 2340 pixel.

Nonostante si tratti di buone risoluzioni non si raggiunge il QHD, mentre molti smartphone di fascia alta montano display QHD+. Ci auguriamo che la serie Mate 40 disponga di display con una risoluzione di almeno 1440 x 2560 pixel per stare al passo con la concorrenza.

6. Una stilo inclusa 

La gamma Mate è da sempre in competizione con la serie Samsung Galaxy Note. Ciononostante, i dispositivi Note includono la Pen stylus di Samsung, un componente chiave per questi modelli.

Anche se Huawei Mate 30 Pro dispone del supporto per Huawei M-Pen, questa va acquistata separatamente e presenta delle funzionalità limitate rispetto alla S Pen di Samsung.

Ci auguriamo che la gamma Huawei Mate 40 dia maggiore importanza alle funzioni M-Pen e che questa venga inclusa nel prezzo del telefono. Speriamo anche che ci siano uno slot dedicato ad ospitarla e che ci siano delle fu

7. Una fotocamera integrata nel display 

Il 2020 potrebbe essere l’anno ricordato per i primi telefoni con fotocamere integrate nei display e ci auguriamo che la serie Mate 40 (o perlomeno Mate 40 Pro= includano questa caratteristica.  Oltre ad essere un’implementazione ottima di per sé, la presenza di una fotocamera integrata nel display consentirebbe di eliminare il notch di cui ci siamo lamentati nel punto 4.