Skip to main content

Google, novità per la privacy: come impostare la cancellazione automatica dei dati

(Image credit: Pixabay)

Google ha annunciato una modifica significativa alle sue politiche sulla privacy, nello specifico riguardo alla gestione e alla conservazione dei dati degli utenti.

Secondo un nuovo post sul blog, dopo 18 mesi dall’immissione Google eliminerà automaticamente i dati relativi alle ricerche degli utenti, i dati sulla posizione e i dei comandi vocali.

I dati relativi a YouTube verranno conservati fino a 36 mesi, lasso di tempo indispensabile secondo Google per garantire agli utenti di visualizzare solo suggerimenti e contenuti corrispondenti alle proprie preferenze.

Sundar Pichai, CEO di Google e Alphabet, ha rilasciato la seguente dichiarazione: "Mentre continuiamo a progettare nuovi prodotti, ci concentriamo sempre su tre principi molto importanti: proteggere le vostre informazioni, gestirle in modo responsabile e tenerle sotto controllo". Puntiamo sempre a nuovi miglioramenti della privacy per raggiungere questo scopo."

L’azienda aveva iniziato ad adoperare l’eliminazione automatica dei dati già dall'anno scorso, ma da adesso per i nuovi utenti verrà impostata come opzione predefinita. I vecchi possessori di account Google invece dovranno attivare manualmente la funzionalità tramite il pannello di controllo.

(Image credit: Google)

Nuovi aggiornamenti sulla privacy di Google

Le nuove norme di Google riguardanti la conservazione e gestione dei dati fanno parte di un’importante iniziativa volta a garantire una maggiore privacy per gli utenti. Negli ultimi mesi, le misure adottate dalla società hanno riguardato in particolare il servizio di videoconferenza Google Meet, la protezione degli utenti da truffe informatiche correlate al coronavirus e la riduzione al minimo del rischio di violazione della privacy tramite l’utilizzo del riconoscimento facciale.

Pichai afferma anche: "Riteniamo che la conservazione delle vostre informazioni da parte delle applicazioni da voi utilizzate debba avvenire solo per un tempo indispensabile al corretto funzionamento del servizio,   cercheremo sempre di darvi il massimo sfruttando le informazioni il meno possibile".

L'azienda ha anche colto l'occasione per rivelare una serie di piccole modifiche pensate per facilitare agli utenti l'accesso ai controlli sulla privacy e migliorare la sicurezza degli account.

È anche in programma che query di ricerca come "I miei account Google sono al sicuro?" O "Google Privacy Checkup", mostrino come risultato un widget personalizzato per consentire agli utenti di apportare rapidamente modifiche alle impostazioni del proprio account.

Anche l'accesso alla modalità di navigazione in incognito all’interno delle app più popolari di Google, come YouTube, Search e Maps, sarà reso molto più semplice. Per accedere alla navigazione in incognito, gli utenti dovranno solo tenere il dito premuto sulla loro immagine del profilo.

In queste settimane sta venendo integrato anche uno specifico tool per la gestione delle password salvate su Google. La nuova funzionalità consentirà ai titolari degli account di verificare se la sicurezza di anche una delle password salvate è stata compromessa, inviando in tal caso delle notifiche personalizzate come avvertimento.