Skip to main content

Google lancia Sodar, l'app gratuita per il distanziamento sociale: ecco come provarla

Social distancing
(Image credit: Shutterstock)

Google ha presentato un'app sperimentale per il distanziamento sociale, che usa la realtà aumentata per aiutare a mantenere i due metri di distanza necessari secondo le norme vigenti.

Sodar (forse un’abbreviazione di radar per il distanziamento sociale) è un'app che funziona via web per mezzo di un network e usa la fotocamera dello smartphone per creare un cerchio con un diametro di due metri intorno al dispositivo, in modo da poter vedere in tempo reale se siete troppo vicini ad altre persone o meno. 

Tuttavia, l’applicazione è disponibile solo per Android, quindi i proprietari di iPhone non possono usarla; tra l’altro Sodar funziona solo su Google Chrome. 

Come usarla 

Per usare Sodar, dovete prima installare Google Play Services per AR (precedentemente noto come ARCore). Questo consentirà di utilizzare tutti gli strumenti di realtà aumentata sul vostro smartphone e, grazie agli aggiornamenti automatici, non dovrete scaricare ulteriori software man mano che la tecnologia diventa più affidabile.

A questo punto, visitate il sito web di Sodar, autorizzate l'app a creare una mappa 3D del vostro ambiente e a seguire il movimento della fotocamera. Le immagini della fotocamera non verranno condivise con nessuno rimanendo esclusivamente sul vostro dispositivo.

Vi verrà chiesto di puntare la fotocamera verso il pavimento e spostarla, dopodiché il cerchio di due metri apparirà sullo schermo e indicherà il vostro spazio personale.

Sodar è piuttosto semplice da usare, ma a differenza degli strumenti per la realtà virtuale, non tiene conto dei mobili e altri oggetti durante la mappatura dello spazio.. Tuttavia, è uno strumento utile da avere a disposizione, in particolare quando fate acquisti o parlate con un amico e volete assicurarvi di mantenere le giuste distanze.

Fonte: Engadget