Skip to main content

Smartphone con CPU Mediatek, ora sono più sicuri grazie a Google

(Image credit: Shutterstock.com)

L'ultimo aggiornamento di sicurezza di Android di marzo 2020 ha risolto una grave vulnerabilità che ha colpito milioni di dispositivi dotati di processore MediaTek.

Secondo il recente “Bollettino sulla sicurezza Android” diramato da Google, la vulnerabilità, nota come CVE-2020-0069, ha fatto breccia a livello kernel.

Il bug avrebbe consentito agli utenti più esperti di ottenere l'accesso con i gradi di SuperUser o Root su vari dispositivi Android, in modo da poter eliminare app preinstallate, sbloccare il bootloader e modificare i parametri di sistema di Google Play Store, aprendo un ampio scenario di minaccia per la sicurezza.

La sicurezza prima di tutto

Secondo quanto trapelato sul web, il rootkit è disponibile online da aprile 2019 e MediaTek ha provato a correre ai ripari rilasciando una patch negli scorsi mesi; purtroppo, gli hacker avevano già ampiamente sfruttato la vulnerabilità per installare app dannose, accedere ai file degli utenti, violare la privacy altrui o, addirittura, rendere il dispositivo inutilizzabile (mandandolo in brick, nel gergo attuale).

Stando alle ultime notizie, la vulnerabilità caratterizzava la maggior parte dei dispositivi dotati di processore MediaTek a 64 bit; di seguito, vi lasciamo un elenco dei produttori di maggior rilievo coinvolti: Alcatel, Amazon, ASUS, Blackview, Huawei, LG, Meizu, Nokia, Motorola, OPPO, Sony, Realme, Xiaomi e ZTE.

MediaTek è un’azienda di origine taiwanese che produce processori per smartphone Android, ma anche per svariati modelli di set-top box, tablet e altri. Poiché la maggior parte di questi prodotti sono destinati alla fascia medio-bassa del mercato, capita spesso che i produttori non rilascino aggiornamenti software.

Fortunatamente, ora è possibile aggiornare quantomeno i dispositivi Android grazie alla patch di sicurezza di Google di marzo 2020 e ci appelliamo al buon senso degli altri produttori, affinché possano pubblicare a breve nuovi aggiornamenti.

Fonte: XDA-Developers