Skip to main content

Call of Duty: Warzone mobile: quando esce, novità, indiscrezioni

(Image credit: Future / Activision)

Nonostante Call of Duty: Mobile sia uno tra i giochi per dispositivi mobile di maggior successo di sempre, ha un difetto: la modalità battle royale in stile Black Ops 4 è piuttosto obsoleta rispetto al nuovo gioco gratuito Call of Duty: Warzone, rilasciato all'inizio del 2019.

Non è un segreto, Call of Duty: Warzone doveva essere lanciato anche su dispositivi mobili, ne avevamo già parlato in precedenza. Sembra però che Activision abbia resistito fino a questo momento, visto che diverse indiscrezioni suggeriscono che ci sarà un nuovo gioco per mobile di Call of Duty in arrivo nel 2020. Potrebbe trattarsi proprio di Warzone?

Visto e considerato che l'attuale Call of Duty: Mobile è un gioco che sembrerebbe destinato a essere longevo, con nuovi e costanti aggiornamenti, nuove mappe e migliorie varie, non pensiamo che questa nuova app sarà semplicemente una sua versione aggiornata. Invece, le opzioni potrebbero essere due: un nuovissimo gioco di zombie versione stand-alone o un'app mobile di Call of Duty: Warzone.

Riteniamo che la seconda sia l’opzione la più probabile, dal momento che Activision ha rimosso la modalità zombie da Call of Duty: Mobile, non avendo questa raggiunto l’apprezzamento sperato. Se così fosse, ci sarebbero alcune cose che ci piacerebbe vedere per poter considerare il nuovo format dell’azienda perfetto per gli smartphone.

La maggior parte di queste modifiche sono legate all'hardware, poiché la maggior parte delle persone che hanno giocato a Warzone saranno d’accordo sul fatto che per essere una battle royale è un po’ troppo pesante. Quindi ecco la nostra lista di novità che vorremmo vedere su un futuro Call of Duty: Warzone per mobile.

Call of Duty: Warzone mobile, cosa vogliamo vedere

OnePlus 8 Pro

OnePlus 8 Pro has a 120Hz screen (Image credit: Truls Steinung)

Supporto per smartphone con display a 120Hz

Alcuni dei migliori smartphone attualmente in commercio hanno display con un refresh rate di 120Hz: Samsung Galaxy S20, OnePlus 8 Pro e Xiaomi Mi 10 hanno tutti hanno uno schermo con elevata frequenza di aggiornamento, che garantisce un’esperienza di gioco più fluida.

Tuttavia, non tutti i giochi supportano queste elevate frequenze, impedendovi di godervi appieno l’esperienza di gioco nonostante lo smartphone abbia tutte le carte in regola per permettervelo.

Sarebbe bello giocare a Call of Duty: Warzone se questo supportasse telefoni a 120Hz per un’esperienza di gioco più fluida. Azioni come sbirciare dietro gli angoli, scrutare l’orizzonte attraverso un mirino da cecchino o correre freneticamente lontano dal cerchio di combattimento, diventerebbero un piacere per gli occhi se viste a 120Hz.

Call of Duty: Warzone

Call of Duty: Warzone (Image credit: Activision)

Dimensioni dell'app ridotte

Quando Call of Duty: Warzone è stato rilasciato, arrivava a pesare quasi 100 GB, una quantità di spazio nettamente superiore rispetto a quella raggiunta da molti smartphone, che si ritrovano esclusi a priori dall’esperienza di gioco. Bisogna anche tenere in considerazione che i successivi aggiornamenti sono stati di dimensioni considerevoli.

Non tutti questi file sono importanti, visto che con Warzone si scaricano anche tutti gli asset di gioco di Call of Duty: Modern Warfare, molti dei quali inutili se si desidera semplicemente giocare in modalità battle royale.

Se Warzone vorrà farsi strada tra gli smartphone, Activision dovrà ridurre drasticamente le dimensioni del file. Eliminando gli asset di Modern Warfare sarà un inizio, ma ridimensionando la grafica in HD (solo il Sony Xperia 1 supporta il 4K al momento, rendendola quindi un’opzione inutile) e limitando il numero di modalità disponibili (Warzone ne ha diverse, come Plunder, che non sembrano essere molto popolari), la dimensione del file potrebbe ridursi.

Dopotutto, non sarebbe corretto se il gioco fosse destinato solo a pochi eletti con smartphone top di gamma. Uno dei punti di forza di Call of Duty: Mobile è che funziona su quasi tutti i telefoni in circolazione, e Warzone dovrebbe poterlo emulare.

(Image credit: Activision)

Stessi comandi di COD Mobile

Uno dei motivi per cui Call of Duty: Mobile è tra i migliori giochi che potete scaricare sul vostro telefono è il sistema di controllo. Invece di emulare il sistema utilizzato da altri sparatutto mobili come PUBG Mobile o Fortnite, che prevedono l’utilizzo di due joystick sullo schermo per spostarsi e guardarsi intorno con un pulsante separato per sparare, in Call of Duty Mobile il comando per sparare è implementato nel joystick, rendendo molto più facile fare fuoco alla vista dei nemici.

Inoltre il layout dei comandi è molto più personalizzabile in Call of Duty: Mobile rispetto agli altri sparatutto per smartphone, quindi nel complesso è molto più facile da giocare rispetto ai suoi competitor. Ovviamente, giocare a Warzone tramite app sarebbe molto più divertente se sfruttasse al massimo questo schema di comandi.

Rispetto alla modalità battle royale già disponibile in Call of Duty: Mobile (basato sulla stessa modalità di Black Ops 4), Warzone ha molti meno comandi necessari. Inoltre, la navigazione nei menu in Warzone sarebbe molto più facile su un dispositivo dotato di touchscreen.

PUBG Mobile on the Samsung Galaxy Note 10

PUBG Mobile on the Samsung Galaxy Note 10 (Image credit: Aakash Jhaveri)

Niente bot

In questo elencoabbiamo inserito anche un particolare che non vogliamo nel gioco: i bot.

PUBG Mobile inserisce in alcune delle sue partite dei bot come avversari, che non sono giocatori veri: la ragione dell’inserimento è abbastanza valida, visto che la loro ridotta “scaltrezza” rispetto ai giocatori reali li rende dei facili bersagli per i novizi che cercano di fare le loro prime kill. In un gioco con dei comandi che non sono facilissimi, è un'inclusione davvero utile.

Tuttavia, come già detto, Call of Duty: Mobile ha ottimi comandi, quindi i nuovi giocatori non dovranno faticare come con PUBG per prendere confidenza con i controlli.

L'aspetto negativo dei bot è che i giocatori più esperti possono trovarli noiosi da combattere, essendo un bersaglio troppo facile. Questo da solo non sarebbe ovviamente un buon motivo per non includerli, essendo altrettanto importante fornire una buona esperienza di gioco anche ai giocatori di livello base. Ma se i comandi sono così semplici che anche i principianti possono tranquillamente essere in grado di fare qualche kill, potremo tranquillamente farne a meno. 

Gaming on the iPhone 11 Pro Max

Gaming on the iPhone 11 Pro Max (Image credit: TechRadar)

Cross-play tra iOS and Android

Call of Duty: Warzone consente di default il cross-play tra i giocatori di PS4, Xbox One e PC. Nonostante abbiamo detto che Activision potrebbe utilizzare un ottimo schema di comandi per Warzone mobile, i controlli non saranno così sofisticati da poter mettere in competizione i giocatori mobile con chi gioca da console e computer.

Escludendo a priori un cross-play su scala così ampia, vorremmo almeno poter vedere gli utenti iOS e Android potersi affrontare senza ostacoli. Ciò consentirebbe agli amici di giocare insieme, indipendentemente dal sistema operativo del proprio smartphone, rendendo più semplice riempire le partite di giocatori.