Skip to main content

Samsung presenta ISOCELL GN1, il nuovo sensore da 50 MP

(Image credit: Samsung)

Il colosso della tecnologia Samsung Electronics ha annunciato un nuovo sensore da 50 megapixel chiamato ISOCELL GN1.

Samsung, azienda tra i leader mondiali della tecnologia, annuncia il primo sensore che includerà sia l’autofocus a doppio pixel sia il Tetracell pixel-binning. Secondo la società, questa combinazione dovrebbe favorire la qualità delle immagini anche in condizioni di scarsa illuminazione senza conseguenze sulla velocità di scatto.

Grazie ai pixel più grandi e alle dimensioni del sensore di 1 / 1,31 pollici, GN1 combina un'elevata sensibilità alla luce, per risultati ottimi anche in condizioni di scarsa illuminazione, con una velocità AF pari a quella di una DSLR. L’obbiettivo è quello di ottenere, come affermato dalla società, un’esperienza fotografica più dinamiche.

Pronto a sfidare il nuovo sensore IMX689 di Sony

“Con innovative tecnologie, Samsung è in prima linea per offrire ai suoi consumatori sensori ottici ad alte prestazioni e soddisfare ogni tipo di richiesta. ISOCELL GN1 è studiato per ottenere immagini straordinarie in qualsiasi ambiente". Questo è quanto ha affermato Yongin Park, vice presidente esecutivo della divisione dei sensori di Samsung. "Continueremo a lavorare per produrre componenti sempre all'avanguardia, con l'obbiettivo di rivoluzionare la fotografia mobile."

La dimensione dei pixel è di 1,2 μm, molto più simile a quella di un normale sensore che troviamo comunemente sugli smartphone rispetto ai chip ad alta risoluzione che hanno acquisito tanta popolarità di recente.

La nuova offerta di Samsung si contrappone al nuovo sensore di Sony IMX689, che troviamo sugli smartphone Oppo Find X2 Pro, con 48 megapixel a 1,22μm. Per impostazione predefinita, il sensore Samsung scatta foto da 12,5 megapixel unendo quattro pixel in uno.

GN1 offre però un autofocus migliore che lavora come un un PDAF (Phase Detection Auto Focus) avanzato con 100 milioni di agenti. La tecnologia Dual Pixel di Samsung posiziona due fotodiodi uno accanto all'altro all'interno di un singolo pixel al fine di rilevare la luce da diverse angolazioni.

Con tutti i pixel del sensore che funzionano attivamente come agenti di messa a fuoco automatica, GN1 è in grado di rilevare e mettere a fuoco un oggetto fermo o in movimento da ogni angolo in brevissimo tempo anche in condizioni di scarsa illuminazione, come afferma la società.

ISOCELL Bright HMX rilasciato da Samsung nel 2019 è stato il primo sensore ottico da 108 MP nel settore della telefonia mobile, successivamente è arrivato ISOCELL Bright HM1, fissando un nuovo standard.

Ricordiamo che Galaxy S20 Ultra utilizza un sensore da 108 megapixel che non supporta la tecnologia Dual Pixel, che risulta in scarse prestazioni dell’autofocus.

La nuova strategia di Samsung con ISOCELL GN1 è quella di ottenere il giusto mix tra qualità e alta velocità di messa a fuoco automatica.

Il nuovo sensore è entrato in produzione questo mese, lo vedremo quindi presto come parte integrante dei nuovi telefoni del colosso coreano.