Skip to main content

Le rotelle del Mac Pro costano quasi il doppio di un iPhone SE 2020

(Image credit: Apple)

Apple è nota per la commercializzazione di prodotti costosi, ma potrebbe addirittura aver esagerato con il prezzo del kit Mac Wheels, che include quattro ruote per il nuovo Mac Pro alla “modica” cifra di 850 euro (in Italia).

Vi basti pensare che iPhone SE 2020, da poco annunciato, sarà in vendita per 500 euro. Sembra assurdo, ma Apple offre ai possessori di Mac Pro un kit con quattro ruote, una chiave esagonale da 4mm e una guida all'installazione, al prezzo di un Samsung Galaxy S20. Che dire, un'operazione di marketing alquanto peculiare.

Apple descrive il suddetto prodotto come "ruote in acciaio inossidabile e gomma su misura [che] facilitano lo spostamento del Mac Pro". Si vociferava che sarebbero costate 400 euro e che non fossero nemmeno dotate di freni, ma Apple vuole chiaramente monetizzare.

“Un’offerta da non perdere”

Il nuovo Mac Pro è un PC estremamente potente (e costoso) dedicato ai professionisti, la versione più potente costa oltre 50000 euro, ed è equipaggiato con un processore Intel Xeon-W da 28 core, 1,5TB di RAM e un SSD da 4TB. Costa molto, non c’è che dire, e, in proporzione, cosa possono essere 850 euro?

Oltre alle ruote per il Mac Pro, Apple vende anche un kit di piedini, un accessorio standard per la maggior parte dei case, anche di quelli più economici.
Tuttavia, Apple la pensa diversamente e vuole più di 300 euro per questi ultimi; sono in acciaio inossidabile e nel kit è incluso lo strumento per la relativa installazione. 

La decisione della società di introdurre nuovi MacBook con un prezzo di lancio inferiore a quello dei predecessori è stato accolto positivamente da critica e consumatori. Discorso simile per il nuovo iPhone SE, lo smartphone più economico che Apple abbia mai realizzato, quindi perché l’azienda chiede così tanto per dei semplici accessori? Abbiamo deciso di contattare Apple per scoprirne di più e vi aggiorneremo su questa interessante stranezza quanto prima.

Via NeoWin