Skip to main content

AMD rispolvera la software suite GPUOpen e introduce nuovi strumenti FidelityFX

(Image credit: AMD)

AMD ha annunciato il ritorno di GPUOpen, dando una svecchiata al sito web ufficiale della suite e introducendo quattro nuovi strumenti FideltyFX ottimizzati per le schede grafiche AMD Navi.

GPUOpen, che AMD ha portato al debutto nel 2016, è una raccolta di tecnologie e librerie GPU open source che offre effetti visivi avanzati molto utili per gli sviluppatori di videogiochi. 

AMD ha annunciato di aver dato un “aspetto moderno” al sito web ufficiale di GPUOpen, la cui apertura risale a quattro anni fa. In questo modo gli sviluppatori possono accedere più agevolmente agli strumenti e tecnologie messe a disposizione da GPUOpen, insieme a tutorial, guide e altro materiale.

Al fine di celebrare il lancio della riprogettazione che in molti attendevano, AMD ha annunciato che, per il resto di questa settimana, rilascerà quotidianamente nuovi strumenti e tecnologie GPUOpen. 

Si tratta di tecnologie ottimizzate per le schede video RDNA di AMD che forniranno agli sviluppatori strumenti più avanzati per l'implementazione di effetti di post processing di alta qualità nei videogiochi; GPUOpen entrerà in diretta concorrenza con la software suite GameWorks di Nvidia, che comprende SDK (kit di strumenti software destinati agli sviluppatori) come PhysX e HairWorks.

Anche l'occhio vuole la sua parte

Uno dei fiori all’occhiello della nuova suite GPUOpen è rappresentato dallo sviluppo del toolkit FideltyFX, introdotto lo scorso anno insieme al Contrast Adaptive Sharpening (CAS) e alla scheda video Radeon RX 5700. AMD ha aggiunto quattro nuovi effetti, tra cui Stochastic Screen Space Reflections (SSSR), Combined Adaptive Compute Ambient Occlusion (CACAO), Luminance Preserving Mapper (LPM) e Single Pass Downsampler (SPD).

Come annunciato dalla stessa AMD, SSSR consente di ottenere riflessi realistici con il minimo sovraccarico in termini di prestazioni, CACAO contribuisce a migliorare l'aspetto degli oggetti in base alla loro esposizione alla luce ambientale, LPM facilita l’integrazione della tecnica grafica HDR (high dynamic range) per ottenere una gamma di colori più ampia durante le fasi di gioco e SPD è in grado di generare fino a 12 livelli MIPmap di una texture in un singolo passaggio dello shader, in modo da ottimizzare le prestazioni.

Inoltre AMD ha rilasciato due nuove librerie, che sono già disponibili per il download: FEMFX, una libreria CPU open source sviluppata da AMD e basata sulla deformabilità dei modelli (FEM sta per Finite Element Method), "consente agli sviluppatori di videogiochi di portare il realismo fisico ad un livello superiore", mentre TressFX prevede la simulazione e il rendering avanzati di peli, pellicce ed erba che devono essere elaborati dalla GPU. 

A completamento della “settimana di rilancio di GPUOpen”, AMD ha in programma il primo evento per sviluppatori totalmente virtuale della sua storia. L'evento, chiamato "Let's Build", si terrà il prossimo venerdì e ospiterà gran parte delle presentazioni che AMD aveva pianificato in occasione della Game Developers Conference (GDC), manifestazione che è stata poi rinviata.