Skip to main content

AMD conferma la produzione a 7nm per RDNA 2 e Zen 3

AMD fatturato record
(Image credit: marketwatch)

AMD ha svelato nuove informazioni sull'architettura grafica alla base di PS5 e Xbox Series X (e di conseguenza sulle future GPU RDNA 2) e ha posto fine ai rumor secondo i quali i processori Zen 3 verrebbero prodotti con il processo produttivo da 5nm di TSMC.

Le slide pubblicate dal Team Red confermano che i Ryzen 4000 saranno fabbricati con il nodo a 7nm, quindi dovremo aspettare i chip Zen 4 (previsti per il 2022) per poter testare i primi processori desktop prodotti a 5nm. 

Passare da 7nm a 5nm permetterebbe di ottenere chip più piccoli, veloci ed efficienti e con Intel ancora bloccata ai 14nm, AMD consoliderebbe il vantaggio prestazionale guadagnato nell’ultimo anno.

Purtroppo, pare che dovremo aspettare il Q4 2021 / Q1 2022 per testare i Ryzen 5000, ma a quel punto il Team Blue avrà colmato il divario con l’introduzione del processo produttivo a 7nm delle proprie fonderie, oltre che con una microarchitettura più efficiente.

Compute architecture roadmap

(Image credit: AMD)

RDNA 2: nuovi dettagli 

Le slide forniscono anche un paio di informazioni sulla nuova architettura grafica RDNA 2, alla base delle future schede grafiche Radeon e delle console PS5 e Xbox Series X.

RDNA 2 dovrebbe aumentare l’IPC (Instructions Per Cycle), consentire frequenze maggiori e portare a una riduzione della complessità: tutto ciò si tradurrà in un aumento delle prestazioni per watt del 50% rispetto a RDNA.

AMD RDNA 2

(Image credit: AMD)

Questa è un’ottima notizia considerando che le nuove console vantano design compatti (rispetto ai PC da gioco): minore sarà il consumo d’energia, minore sarà la velocità delle ventole, e ciò si traduce in un funzionamento silenzioso e un’esperienza d'uso superiore.

AMD ha anche accennato a RDNA 3, prevista per il 2022. Le soluzioni RDNA e RDNA 2 saranno prodotte con il processo a 7nm, mentre RDNA 3 utilizzerà un non specificato "Nodo avanzato". Quel che è certo, è che i prossimi anni saranno molto importanti per il Team Red: l’azienda dovrà colmare il gap delle proprie schede video e ribadire le ottime performance dei processori Ryzen. Sarà anche interessante scoprire le mosse di Intel, che si è recentemente lanciata sul mercato delle schede grafiche discrete.

Via Hexus