Skip to main content

Apple rosica: Samsung ha copiato l'iPhone 15 anni fa e le brucia ancora

Apple Store
(Image credit: Getty Images)

Alcune ferite non guariscono mai, e Apple lo sa bene: nel periodo dei festeggiamenti per il quindicesimo anniversario dell'iPhone, durante un'intervista con Joanna Stern del Wall Street Journal Apple si è presa un momento per ribadire nuovamente che Samsung, secondo lei, avrebbe copiato la tecnologia dell'iPhone.

Greg Joswiak, responsabile del marketing presso Apple, durante l'intervista ha raccontato nel dettaglio la storia dell'iPhone attraverso gli occhi di qualcuno nato lo stesso giorno. Quando la Stern chiede a Joswiak un commento sull'ascesa degli smartphone Android e il ruolo giocato da Samsung, il sorriso di Joswiak si spegne e la definisce una questione "fastidiosa".

Quando ha presentato l'iPhone per la prima volta, Apple era sulla cima del mondo grazie alla novità di un dispositivo che avrebbe cambiato per sempre il settore, unico nel suo genere. Non c'erano modelli Pro o Max, l'iPhone esisteva solo nella versione da 3,5". Poi è arrivata Samsung, con dispositivi come il Galaxy Nexus e il Galaxy S4, tutti dotati di schermi più grandi. Ma le cose peggiori erano il design e la schermata Home con le icone, un po' troppo familiari.

Beh, che dire, sicuramente ci saremmo sentiti infastiditi anche noi. Ma Joswiak non ha finito qui: "è stato fastidioso perchè ci hanno rubato la nostra tecnologia. Hanno preso le innovazioni che noi avevamo creato per farne una brutta copia, mettendoci intorno uno schermo più grande. Insomma, non ne siamo molto contenti".

Apple vs Samsung

Nel 2011 Apple aveva fatto causa a Samsung (opens in new tab) per violazione di brevetto, sostenendo che Samsung avesse copiato il design e l'essenza dell'iPhone 3GS. Samsung aveva reagito con una controdenuncia, affermando che era Apple ad averli copiati.

La battaglia legale è proseguita per anni, costando (soprattutto a Samsung) milioni di dollari, prima che le due parti risolvessero senza troppo rumore nel 2018 (opens in new tab).

Per quanto Apple si impegli nello sviluppare molte tecnologie proprietarie, si affida ancora oggi a diversi produttori per quanto riguarda componenti e tecnologie. Tra questi, ci sono Qualcomm e Broadcom per i chip e Samsung per gli schermi OLED.

Anche se Apple e Samsung non avessero mai collaborato, l'ostilità di Joswiak risulterebbe comunque sorprendente. É come se non si fosse reso conto che tutta l'industria degli smartphone stia inevitabilmente scivolando verso un punto comune: ormai tutti i telefoni si somigliano, e questo non dipende dal fatto che Samsung all'epoca avesse o meno copiato Apple. Infatti, per gli smartphone moderni ci sono sempre stati dei punti in comune che ne hanno segnato chiaramente il percorso:

  • Schermo più grande
  • Sicurezza biometrica
  • Design più sottile
  • Autonomia superiore
  • Icone delle app sulla schermata Home
  • Fotocamere migliori

L'imitazione è la più sincera forma di adulazione, è così che funziona il progresso. A meno che non venga inventato qualcosa di realmente mai visto prima, prodotti e design originali verranno inevitabilmente replicati.

Naturalmente, Samsung e altri produttori di smartphone Android sempre denunciati da Apple (opens in new tab) hanno assistito alla popolarità del primo iPhone, e lo hanno anche utilizzato per comprendere il fenomeno. Anche se non si fossero verificati smontaggi ed episodi di reverse engineering (che sicuramente ci sono stati), l'iPhone avrebbe ugualmente influenzato l'industria.

Si potrebbe anche dire che la creazione della nuova piattaforma Android e alcuni cambiamenti nel design apportati da Samsung abbiano spinto Apple a lavorare più duramente per espandere la scelta di iPhone disponibili fino ad arrivare alle 5 opzioni disponibili oggi (iPhone 13, iPhone 13 Pro, iPhone 13 Pro Max, iPhone 13 mini, iPhone SE 2022).

Normalmente, quando si chiede a un dirigente qualcosa riguardo alla competizione, anche da un punto di vista storica, si cerca di glissare e parlare piuttosto di come questa abbia spinto verso la crescita e l'innovazione. Joswiak, invece, non ha nascosto che questa questione ad Apple ancora brucia.

Riflettendoci, questa non è necessariamente una cosa negativa. Apple sembra ancora affamata come un'azienda nata da poco. Non ha dimenticato gli affronti dei primi giorni, e sembra ancora determinata a usarli come carburante per favorire altre innovazioni.

Potrebbe essere anche un segno di come Apple si stia preparando, dopo tutti questi anni, a vendicarsi con Samsung nel settore delle vendite. E quale modo migliore per farlo che presentare il primo iPhone pieghevole? Chissà come si sentirebbe Samsung. Sicuramente, infastidita.

Giulia Di Venere
Giulia Di Venere

Senior Content Editor and Copywriter adept in managing content creation and publication at TechRadar Italia.

With contributions from